laRegione
addio-al-nucleare-passo-storico-ma-ne-servono-altri
Il reattore di Mühleberg (Keystone)
Commento
20.12.19 - 18:240

Addio al nucleare, passo storico ma ne servono altri

Non si vada però ad acquistare energia nucleare all'estero o a produrla con gas o carbone. È un'occasione d’oro per investire nel nostro idroelettrico.

Si è utilizzato il termine ‘storico’ per definire lo spegnimento della centrale nucleare di Mühleberg. In verità è la logica conseguenza di un cambio di paragidama energentico operato dal Consiglio federale che, su input di Doris Leuthard davanti all’inferno di Fukushima, ha optato per l’uscita della Svizzera dal nucleare. Una virata non semplicemente calata dall’alto, ma condivisa – democrazia diretta grazie! – anche dal popolo che ha benedetto alle urne la nuova strategia energetica 2050.

Quindi, lo spegnimento di una centrale che ancora funziona(va) bene è un momento solenne, preceduto però da altri passi altrettanto importanti. E di questi passi, anche se meno eclatanti, ce ne saranno ancora: andranno investiti decenni e miliardi nello smantellamento in un’operazione definita non per niente pioneristica.

Scorie chi le vuole?

Smantellamento che richiederà di risolvere questioni enormi, per non parlare poi dell’annoso problema del rientro delle scorie. Chi le vorrà vicine a 'casa'? Anche su questo fronte sarà cruciale il momento in cui troveremo (finalmente) una soluzione qui da noi e non liberandole nello spazio, o stoccandole in qualche deserto (anche questo venne proposto anni fa) in casa altrui.

Pure rivoluzionaria ci auguriamo che sia la nuova via della riconversione energetica post atomo: andremo semplicemente ad acquistare energia ancora nucleare prodotta in altri paesi a noi vicini, o prodotta magari col gas o col carbone – che inquinano e non pagano tutti i costi che generano – o punteremo su un’alternativa più pulita che come cantoni alpini siamo in grado di offirire investendo ancora sull’idroelettrico? Un mercato, quest’ultimo, che, venendo meno gli investimenti nel nucleare, dovrebbe avere di nuovo il vento in poppa, beneficiando pure della svolta sul fronte della legge sul Co2 e del sostegno di un parlamento più verde.

Attenzione ai costi in salita!

Tutto questo per dire che, se anche solo uno degli anelli della lunga catena dell’uscita dal nucleare fosse mancato, oggi non avremmo iniziato a spegnere il nostro primo reattore. E anche che un voto popolare favorevole non basta a far cambiare l’orientamento, perché le pressioni dell’economia possono anche fare rigirare il vento in un secondo tempo e influenzare l’opinione pubblica.

Una delle prossime domande alle quali sarà necessario dare una risposta sarà ad esempio come fare a continuare a fornire elettricità a costi ragionevoli in un’economia sempre più energivora? Un passaggio anch’esso delicato (se non storico) che dovrà dimostrarsi il più possibile indolore per i nostri portafogli.
 
La nostra grande speranza è che indietro davvero non si torni. Anzi, che altri paesi che ancora non lo hanno fatto imbocchino la medesima strada. Nucleare addio.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile