laRegione
omicidio-di-viganello-pensioni-refugium-peccatorum
Occhi puntati (Ti-Press)
Commento
19.12.19 - 09:230

Omicidio di Viganello: pensioni refugium peccatorum...

Il delitto di Viganello riapre gli interrogativi di sempre. Perché certi fatti avvengono anche da noi

L’omicidio, anzi l’assassinio, di Viganello, maturato in situazioni di profondo disagio sociale, ripropone la domanda di sempre. Qui da noi si sta bene, viviamo in un Paese sicuro, ma quanto sono evitabili simili situazioni – in vero eccezionali – che ci fanno rabbrividire? Probabilmente non sono evitabili più di quel tanto, fanno parte della vita che in certi momenti e in talune realtà sociali, complice la violenza che scatta, può anche scappare di mano e volgere al peggio. E non necessariamente ciò avviene solo nelle grandi e anonime città.

No, succede anche da noi.

A Pregassona in mezzo ai rifiuti

Nell’autunno del 2018 a Pregassona in un palazzone venne scoperta una famiglia con figli anche in età scolastica che vivevano in un appartamento non isolato dagli altri in mezzo ai cani (allevati per esser venduti) e ai rifiuti. Muri che rilasciavano odori nauseabondi. Un altro caso di violenza, in quel caso su minori. Ci si chiese se i vicini di appartamento, la scuola, l’autorità regionale di protezione sapessero e cosa avessero fatto negli anni. In quel frangente più occhi avrebbero potuto (forse? molto probabilmente?) accorgersi della situazione di grave degrado. Siccome i ragazzi erano minorenni il segreto delle autorità e il silenzio furono impenetrabili. Un caso mai visto prima che fece comunque parecchio discutere per le possibili responsabilità a più livelli. Il capodicastero Lorenzo Quadri annunciò allora per i mesi successivi (eravamo nel mese di settembre del 2018), uno studio sulla povertà per cercare di capire meglio. Buona idea, ma ora è trascorso un anno abbondante: a che punto siamo?

La miseria umana

L’assassinio di martedì sera a Viganello è un po’ diverso dal caso del palazzone di Pregassona: accende i riflettori su un’altra fetta di miseria umana che pure esiste e che in parte incrociamo quando veniamo in contatto con chi vive – se abbiamo ben capito – di espedienti per assecondare le proprie dipendenze. Un mondo fatto di persone che qualche ora prima postano una foto assieme e qualche ora dopo… l’uno è morto massacrato di botte e l’altro è in manette e sotto inchiesta! Il tutto, fra l’altro, è avvenuto in una ‘pensione refugium peccatorum’ dell’assistenza e di altri servizi sociali che fra una manciata di giorni verrà demolita. Non fosse successo il fatto di sangue, chi se la ricorderebbe?

Disinnescare i principi d’incendio

Impossibile per noi dire se i vari servizi del Cantone e del Comune, chiamati a cercare di evitare simili derive, siano sufficienti e come abbiano agito nel caso concreto. Ma per lanciarsi in qualsiasi tipo di ragionamento occorrono dati che forse potremmo ottenere con l’atteso studio sulla povertà. Di certo la radiografia sociale aiuterà le autorità a compiere scelte politiche meglio adeguate alle varie e vere emergenze registrate.

Intanto chi è operativo consiglia di monitorare le situazioni a rischio come quella della pensione introducendo, se già non ci sono, operatori di prossimità e personale specializzato in loco. Che di solito possono aiutare a disinnescare qualche principio d’incendio. Di solito…

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile