laRegione
no-a-nuove-centrali-a-carbone-qualcosa-si-muove
Commento
11.12.19 - 19:130
Aggiornamento : 19:41

No a nuove centrali a carbone: qualcosa si muove!

L'onda lunga di Greta Thunberg sta generando effetti sempre più concreti

Nella giornata in cui Verdi e Socialisti hanno tentato (e fallito) l'attacco al Consiglio federale per rimandare a casa Ignazio Cassis e insediare l’ecologista Regula Rytz, registriamo un passo a favore dell’ambiente. Un grande gruppo bancario (il Credit Suisse) ha deciso di non più finanziare in alcun modo nuove centrali a carbone. Senz’ombra di dubbio si tratta di un cambiamento significativo nella politica degli investimenti dell’importante istituto di credito. Sul perché Tidjane Thiam & Co lo abbiano fatto ognuno può farsi una propria opinione. Può darsi che ci si muova in quella direzione semplicemente perché conviene in termini di immagine (e pure di guadagno).

Sta di fatto che il Cs (ma non solo) è stato aspramente criticato dai giovani scesi in piazza per protestare contro l’inquinamento dell’ambiente, chiedendo un cambiamento nei fatti. È successo anche qui da noi in Ticino prima dell’estate: sul banco degli imputati (fra i promotori del CO2) c’era anche la finanza ed erano fioccate dure critiche proprio su taluni investimenti bancari in ambiti particolarmente inquinanti.

Sono poi seguite le elezioni federali con la forte avanzata dei Verdi. Insomma, il vento sta cambiando e si cercano e chiedono altre politiche per il futuro. Un futuro già presente nel quale certi finanziamenti appaiono ormai insostenibili. Qualcosa si è mosso. Ne prendiamo atto con piacere. 

L’onda lunga di Greta Thunberg, decretata persona dell’anno dal Time, e che qualcuno insiste a bollare come ispiratrice di una moda passeggera, solo del momento, sta generando effetti sempre più concreti.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Vitta, il ‘cigno nero’ e una certa idea di rilancio
In questa fase post-pandemica indebitarsi per sostenere la ripresa economica sarebbe il miglior investimento che il cantone possa fare
Commento
1 gior
La libera circolazione e i ‘rivoluzionari’ dell’Udc
Il partito, tradizionalmente ostile alle misure d’accompagnamento, ora si erge a paladino dei diritti dei lavoratori. Con una credibilità a pari a zero.
Commento
2 gior
Niente post per 24ore basta?
Fra odio e fake news, le star boicottano Instagram e facebook!
Commento
2 gior
Naturalizzazioni a Lugano, l’ambiguità della legge
Affidare compiti amministrativi a organi politici genera polemiche e imbarazzo, mentre prosegue lo ‘sciopero’ dei quattro membri leghisti delle Petizioni
Commento
3 gior
Voto ai 16enni: germogli della democrazia!
Si torna a dibattere della possibilità di accordare il diritto di voto ai sedicenni. Idea saggia? O ardita?
Commento
4 gior
Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi
Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore
L'analisi
5 gior
Non è un paese per donne
La politica ticinese richiama le immagini di fine Ottocento: solo uomini saldamente al potere
Il ricordo
6 gior
Ciao 'Nene of Daro'
Quella sera ci disse che desiderava dare anche un contributo a chi si stava affacciando alla vita sportiva
Commento
6 gior
Procura, cinque cartellini rossi: genesi da chiarire
Il Gran Consiglio ha stabilito le regole sull'elezione di pp e giudici: vada allora a fondo sulle bocciature pronunciate dal Consiglio della magistratura
Commento
1 sett
Il Lockdown e la sfida climatica
Durante il confinamento la natura si è ripresa i suoi spazi? Non è così semplice. E, spiegano gli esperti, l'impatto sul riscaldamento globale è minimo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile