laRegione
il-vero-problema-del-lobbismo-sono-i-parlamentari
Keystone
Commento
03.12.19 - 06:300
Aggiornamento : 08.01.20 - 17:00

Il vero problema del lobbismo sono i parlamentari

Il Consiglio nazionale inasprisce leggermente le regole per i lobbisti. Una soluzione minimalista, che elude la questione di fondo.

Il più giovane membro del nuovo Parlamento – il 25enne consigliere nazionale Andri Silberschmidt (Plr/Zh) – ha già ricevuto un’offerta per entrare in un comitato consultivo, con la preghiera di assegnare a uno dei suoi ‘rappresentanti d’interesse’ un badge d’accesso a Palazzo federale. La consigliera nazionale ticinese Greta Gysin (Verdi) è stata inondata dagli inviti (alcuni provvisti di regali) nella fase transitoria tra le elezioni del 20 ottobre e l’inizio ufficiale della legislatura. I due esempi – raccontati ieri dal ‘Tages-Anzeiger’ – mostrano quanto delicato sia il compito dei numerosi neoeletti (quasi un terzo del Parlamento), catapultati a Berna in una realtà assai diversa da quella che molti di loro hanno sperimentato a livello comunale o cantonale: improvvisamente immersi in un crogiolo di interessi particolari, sottoposti a pressioni di vario tipo, costantemente sotto i riflettori dei media.

La prima prova l’hanno superata. Il Nazionale ieri ha deciso – diversamente da quanto voleva fare in giugno il ‘vecchio’ – di non dare il colpo di grazia a quel po’ che resta dell’iniziativa presentata nel 2015 dall’ex ‘senatore’ Didier Berberat (Ps/Ne), mantenuta in vita a settembre dagli Stati. Non basta certo per affermare che le lobby stanno perdendo influenza in questo nuovo Parlamento profondamente rinnovato, più giovane, più femminile, più a sinistra del precedente. L’inizio comunque promette bene.

La modifica di legge sulla quale la Camera del popolo è entrata in materia (con l’inatteso sostegno di una maggioranza del gruppo Plr) è in realtà cosa di poco conto. Si tratta semplicemente di completare il ‘Registro delle accreditazioni’: i lobbisti professionisti dovranno indicarvi non solo i loro datori di lavoro, ma anche i clienti e i relativi mandati (ciò che molti di loro, affiliati alla Società svizzera di public affairs, già fanno...). I singoli parlamentari manterranno l’assoluto controllo sull’attribuzione dei badge d’accesso di lunga durata, e se questi non bastano potranno sempre invitare chiunque vogliano a Palazzo in qualità di visitatori di giornata. Nessuna rivoluzione, insomma: l’attuale, opaco sistema di ‘padrinato’ non verrà rimpiazzato da un vero e proprio sistema di accreditamento secondo criteri oggettivi, gestito dai Servizi del Parlamento, come chiedeva Berberat. Nonostante i venti di trasparenza oggi soffino piuttosto forti a Berna, appare improbabile che dalle deliberazioni della commissione del Nazionale possa uscire un progetto che stravolga l’attuale sistema, come auspicano invece la Società svizzera di public affairs e Transparency International.

Tra il minimo del minimo e il massimo, una via di mezzo però c’è. Consiste nell’affrontare il vero problema del lobbismo: che non sono i lobbisti professionisti, ‘esterni’, ma i parlamentari stessi. Molti di questi, una volta eletti, tendono ad assumere un lucrativo mandato dietro l’altro, in consigli d’amministrazione, come consulenti o altro. Alcuni siedono nelle commissioni (particolarmente ambita è quella della sanità e della sicurezza sociale, dove si giocano le sorti di premi di cassa malati e altro), potendo così accedere a informazioni confidenziali e influenzare direttamente il destino di un dossier. Martin Schläpfer, uno dei decani del lobbismo in Svizzera, propone di limitare il mandato nelle commissioni a otto anni; e di vietare ai suoi membri di assumere mandati privati in relazione con l’ambito tematico della commissione. “Se le Camere continueranno a mettere la testa sotto la sabbia, probabilmente un giorno la fattura arriverà con una votazione popolare”, ha scritto pochi mesi fa sulla ‘Nzz am Sonntag’. Parlamento avvisato, mezzo salvato.

TOP NEWS Opinioni
L'analisi
2 ore
Lukashenko pronto a tutto per sopravvivere
Il presidente bielorusso 'ruba' le elezioni e sfida anche la Russia
Commento
1 gior
Bentornata, scuola: quanto ci sei mancata
La scuola è prima di tutto un punto di riferimento nella vita dei giovani: una funzione primaria che purtroppo è venuta meno per diversi mesi
Commento
2 gior
Mpc e Tpf, tornino protagonisti inchieste e processi
Dalla magistratura penale federale i cittadini si aspettano risultati investigativi e sentenze, soprattutto sui dossier importanti. Non (presunti) casi di mobbing interni
L'analisi
2 gior
Il giorno della rabbia nella tragedia libanese
Molti slogan ‘laici’ nelle proteste di sabato. Ma un Libano unito dalla e nella laicità sembra ancora un sogno irrealizzabile
Commento
4 gior
Ghiaccio bollente e tanti punti interrogativi
Mentre Ambrì e Lugano tornano a pattinare, il Losanna rinvia l'appuntamento col ghiaccio in attesa di novità
Commento
5 gior
L'uso della mascherina tra libertà e responsabilità individuale
La decisione di ieri del Consiglio di Stato è un atto di fiducia nei nostri confronti. A noi, adesso, mostrare coscienza e fare della nostra libertà l'uso migliore
L'analisi
6 gior
Il Libano era in ginocchio, ora è steso
La devastante esplosione di Beirut colpisce un paese prossimo al fallimento
Commento
1 sett
Treni a lunga percorrenza, una questione di cifre (e di cassa)
Le Ffs chiudono la partita con il Mendrisiotto, che non si arrende. Mentre Tilo e InterCity finiscono per entrare in concorrenza
Commento
1 sett
Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema
Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema
Commento
1 sett
Ha vinto lo Young Boys, ma pure il Lugano
I bernesi hanno griffato l'infinita Super League 2019/2020 con il loro terzo titolo filato, ma anche la quinta salvezza consecutiva dei bianconeri non è da sottovalutare
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile