laRegione
(Ti-Press)
DISTRUZIONI PER L’USO
23.11.19 - 05:510
Aggiornamento : 17:40

Elezioni federali, centro, Ticino: qualcosa si è rotto

Plr e Ppd hanno un bel dire che ‘non ci hanno capiti’. Dietro alle scelte degli elettori c’è (anche) il disagio economico

Adesso è troppo facile infierire sui cavalieri disarcionati, maramaldeggiare sui responsabili e sulle vittime di scelte politiche sbagliate. Ho passato la prima domenica elettorale coi liberali, quella del ballottaggio col Ppd. Ho visto volti avviliti al primo turno, affranti al secondo. Abbastanza per astenermi dai giudizi sulle persone, tanto più che col senno di poi siamo tutti professori.

Del risultato agli Stati, semmai, è utile isolare un segnale che rischia di sfuggire, sommerso com’è da un certo rumore di fondo. Si è parlato dell’importanza delle personalità individuali, degli effetti di un sistema maggioritario, dell’onda verde e di quella rosa (non senza certe corrive banalità). Forse però l’elemento più interessante – magari non il più importante per il risultato puntuale, ma da tener d’occhio per il futuro – sta racchiuso in una parola che si direbbe muovere, più o meno consciamente, chiunque abbia votato Chiesa e Carobbio: rottura. Con una martellata che non si vedeva da tempo, gli elettori ticinesi hanno frantumato il quadretto naïf che i partiti ‘borghesi’ continuavano a presentargli: quella rappresentazione innaturale, acquerellata, nella quale tutto è sereno e i problemi, se ci sono, si possono risolvere a margine. Una di quelle scenette nelle quali l’anziano padre di famiglia veglia benevolo sui suoi figlioli, e insomma ‘state tranquilli che noi ci siamo sempre’.

‘Non ci capiscono’

Si può anche temere che si tratti di una reazione estrema, ma ha pur sempre una sua cogente legittimità. In Ticino (lo si spiega un po’ qui, se avete pazienza) Pil, aziende e posti di lavoro crescono a ritmi perfino superiori al resto della Svizzera; eppure i disoccupati restano costanti – il lavoro si allarga quasi solo oltre frontiera – e finiscono per alimentare un’emarginazione marcescente: giovani che ci mettono trent’anni a uscire dalla subordinazione economica adolescenziale, persone sulla cinquantina che se perdono il posto rischiano di non trovarlo più. Sono ben sopra alla media nazionale i precari, i sottoccupati, gli ‘scoraggiati’ e i cosiddetti ‘working poor’, bella espressione inglese per dire che stai lavorando gratis. La coperta dell’aiuto sociale si restringe. Se poi si è donne, è anche peggio. Un po’ è il mondo che va così, signora mia, ma non è solo quello.

Quasi nessuno degli esponenti del Plr e del Ppd, in questi giorni, ha dimostrato di comprendere appieno la situazione. Soprattutto ai vertici, le giustificazioni per la sconfitta sono sempre le stesse: ‘facciamo fatica a comunicare che per problemi complessi non esistono soluzioni semplici’ e quindi – poverini – ‘non ci hanno capito’. Come dire che il loro errore non è stato di sostanza, ma di comunicazione. Ché poi, a guardar bene, anche il ritornello sull’essere incompresi è a sua volta un errore di comunicazione: equivale al dare dei minchioni agli elettori che non ti hanno votato, infatuati da questa o quella moda politica. In alcuni casi sarà anche vero, ma come dicono gli adolescenti per liquidare chi li tratta con sufficienza: ok, boomer.

Crepe e contraddizioni

Carobbio e Chiesa, secondo me, hanno vinto (anche) su questa cosa qui. Non per la loro dirompente personalità: non sono insipidi, tutt’altro, ma neanche mi aspetterei che qualcuno appenda il loro poster nella sua cameretta. Non promettono neanche soluzioni inaudite: semplicemente, hanno saputo rimanere coerenti su una lettura della realtà diversa da quella del centro, raccontata con parole divergenti rispetto alla ‘cornice’ tradizionale; e hanno incassato il voto degli scontenti perché davvero c’è qualcosa che non va, mentre la narrazione dominante ha tirato una crepa sotto il peso delle sue contraddizioni (lettura marxiana, lo so: d’altronde Marx, pessimo per le terapie, con le diagnosi resta sempre attuale).

Naturalmente questa postura non rende i vincitori equivalenti: Carobbio si preoccupa di dumping, potere d’acquisto, non-discriminazione; Chiesa di frontiere chiuse e diopatriafamiglia. Ai socialisti si possono rinfacciare un certo dirigismo e una velleitaria propensione ipernormativa, ma fra quello e il nazionalismo più abietto – per quanto presentato con toni melliflui e affabilità da bar – ce ne passa. Né vale ormai la pena chiedersi se la loro distanza indebolirà la voce del Ticino a Berna, oppure la renderà più vivace: le vie della politica non sono infinite, ma imprevedibili sì. 

Fare inventario

Resta invece da capire se Ppd e Plr vorranno finalmente fare inventario, smettendo – almeno intra moenia – di raccontarsi la storiella del ‘non ci capiscono’ e di ammassarsi nel campo già affollato delle destre; ciascuno a modo suo, e se possibile ciascuno da solo (neanche la congiunzione ‘è stata capita’: come no). I cristiano-sociali e i radicali, reietti negli ultimi anni, potrebbero alzare la voce: i secondi lo stanno già facendo, mi par di capire. Magari stavolta troveranno anche qualcuno disposto ad ascoltarli.

TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile