laRegione
Ungheria
0
Portogallo
0
1. tempo
(0-0)
MOLTENI A./PELLA G.
2
ALTMAIER D./STRICKER D.
1
fine
(7-6 : 4-6 : 10-7)
leuthard-leuenberger-villiger-e-il-buon-senso
Commento
22.11.19 - 06:200
Aggiornamento : 10:55

Leuthard, Leuenberger, Villiger. E il buon senso?

Ministri integri, ma perché non capiscono che è inopportuno?

L’ex consigliera federale Doris Leut­hard, impegnata in governo su tanti fronti (compreso quello della mobilità su rotaia), entrerà nel Consiglio di amministrazione del produttore di treni turgoviese Stadler Rail.

Prima di lei fece versare fiumi d’inchiostro l’entrata dell’ex consigliere federale Moritz Leuenberger, pure lui ex ministro dei Trasporti ma socialista, appena tre settimane dopo aver lasciato il Consiglio federale, dritto dritto nel Cda di Implenia, la numero uno svizzera della costruzione.

Anche in casa radicale, il passo compiuto da un altro ex ministro, l’insospettabile Kaspar Villiger entrato nella scuderia Ubs, aveva destato parecchi interrogativi sempre dal punto di vista dell’opportunità. In particolare quando, in piena bufera subprime, la corazzata bancaria fu salvata a cinque minuti dalla mezzanotte dal possibile fallimento grazie all’intervento miliardario della Banca nazionale e alla benedizione (senza l’imposizione di alcuna regola!) del Consiglio federale. Al termine dell’operazione: chi fu catapultato alla presidenza del Cda? L’ex ministro da poco a riposo: Kaspar Villiger!

Ora si tratta senza ombra di dubbio di ministri integri, competenti e che possono vantare una carriera politica straordinaria e al di sopra di ogni sospetto. Ma perché allora non capiscono che l’accettazione di mandati dentro taluni Cda (non tutti ci mancherebbe) troppo vicini all’attività precedentemente svolta come governanti è un passo inopportuno e tale da alimentare sospetti e illazioni che farebbero bene a evitare? Per loro e per la politica in genere.

In merito non si è voluta fare una legge, ma affidarsi semplicemente ad una sorta di accordo interno al governo fondato sul buon senso, secondo il quale, lasciata la carica politica, la futura attività va scelta con la necessaria circospezione evitando conflitti d’interesse con la precedente attività.

Scusate, nel caso specifico il buon senso dov’è?

TOP NEWS Opinioni
Commento
13 ore
Realpolitik alla ginevrina
Biden e Putin verso un summit che non fa presagire nulla di buono. Ma il precedente Reagan-Gorbaciov, in piena Guerra fredda, può farci sperare.
Commento
13 ore
Eriksen e le gazzette del voyeur
La tragedia sfiorata in campo del giocatore danese ha fatto dare il peggio a pagine social e media internazionali, che hanno preferito la morbosità alla cronaca
Commento
13 ore
L’arduo compito del successore di Petra Gössi
La presidente del Plr rassegna le dimissioni. La svittese lascia con un bilancio in chiaroscuro un partito che si trova di nuovo in una spirale discendente.
Commento
1 gior
Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica
La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative
Commento
3 gior
Non schwa tutto bene
Il tentativo di rendere più inclusivo il linguaggio usando nuovi segni grafici rischia di provocare l'effetto contrario, aumentando le divisioni
Commento
3 gior
Ex Macello di Lugano, a terra la fiducia nelle istituzioni
Silenzi, comunicazioni del Municipio e amianto nelle macerie dell'edificio abbattuto, alimentano forti dubbi sugli organi dello Stato
Commento
4 gior
Emozioni, ‘normali’ emozioni
Si apre stasera a Roma con Italia-Turchia un Europeo che per quanto ancora condizionato dalla pandemia, rappresenta un importante passo verso la normalità
La formica rossa
4 gior
È tutto colpa di quello sbadato pacherista
A questo punto qualche municipale fresca di nomina potrà ben dirgli che è anche responsabilità sua se poi si è ritrovato a respirare aria inquinata d’amianto
Commento
5 gior
Avs 21, quando l’esperienza non insegna
Il Parlamento aumenta a 65 anni l’età di pensionamento delle donne. Ma le compensazioni sono insufficienti. Una scelta che potrebbe costare cara alle urne
Commento
5 gior
La legge sul terrorismo minaccia un po’ tutti
Quando si sposta dal tribunale alla stazione di polizia la facoltà di decidere chi perseguire, gli abusi sono dietro l’angolo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile