laRegione
Proteste a Santiago del Cile (Ap)
Commento
20.11.19 - 21:340

Crisi e voglia di democrazia

La democrazia liberale non gode di buona salute. Lo sostengono in molti, con sempre maggiore insistenza. E i motivi per pensarlo non sono pochi...

Dunque, la democrazia liberale non gode di buona salute. Lo sostengono in molti, con sempre maggiore insistenza. E i motivi per pensarlo, e preoccuparsene, non sono pochi. Il declino dei partiti e delle rappresentante sociali, la generale radicalizzazione e personalizzazione del confronto politico, una mondializzazione non governata che ha aiutato più le economie del mondo extra-occidentale penalizzando le classi medie e operaie delle nostre società, un capitalismo rapace e lasciato alle libere e avide mani della grande finanza, la crescita inarrestabile delle disuguaglianze sociali, la più grave e prolungata crisi economica dai lontani anni della Grande Depressione, è questo il grumo dei problemi (in un elenco senz’altro parziale) contro cui sembra infrangersi, dopo la caduta del Muro, la profezia di Francis Fukushima sulla ‘fine della storia’: e cioè la democrazia liberale come “unica e definitiva forma di governo delle società umane avanzate”.

Trent’anni dopo quel pronostico va definitivamente archiviato? In realtà la controversia non è affatto archiviata. Naturalmente se ci si intende sul fatto che la democrazia compiuta (quella che Lincoln riassumeva nella idilliaca formula del “governo del popolo, dal popolo, per il popolo”) è stata ovunque e sempre pura chimera. E che, anche o forse proprio a causa di questa sua incompiutezza, ha subito molti attacchi, ha dovuto arretrare, addirittura soccombere. Quando è successo, soprattutto là dove il concetto di popolo è stato surrettiziamente sostituito da quello di nazione (come ricorda Yves Mény nel saggio dedicato al “Malinteso democratico”), sono stati disastri, come ben sa l’Europa, il cui declino e la cui sudditanza nei confronti delle potenze emergenti si sono consumate in due guerre mondiali. Una lezione di fronte a cui gli odierni nazional-populismi fanno spallucce.

Ma c’è di più nell’odierna difficoltà delle democrazie occidentali. C’è la mancata difesa delle stesse democrazie da parte delle forze politiche che, nella destra e nella sinistra liberali, avrebbero dovuto rappresentare il loro baluardo naturale. Un baluardo edificato a destra su un capitalismo decisamente meno ingordo e socialmente insensibile, a sinistra su una rappresentanza autentica, attiva e compartecipata dei diritti sociali dei più deboli (quelli che, per rapporto alle miserie dei flussi migratori, oggi vengono chiamati “i penultimi”). La storia, per tornare a Fukushima, non poteva certo finire in questa tenaglia di insensibilità, inadempienza e libertà sempre più compresse. E lo confermano le rivolte popolari che di nuovo stanno scuotendo molte piazze del mondo, dall’Asia al Medio Oriente all’America Latina. Certo, alimentate da carburante e realtà nazionali differenziate, anche molto diverse. Ma in realtà tutte finalizzate all’ottenimento di diritti troppo a lungo negati, di maggiore equità, di più solide garanzie sociali, di giuste attese troppo spesso omesse.

Insomma, tutto quello che i sovranismi identificano nelle pessime gestioni di élites, establishment, sistema (a cui facilmente si sostituiscono), e che spesso sono pessima, deprecabile e inaccettabile politica, come gridano i manifestanti del Cile con le sue ricette neoliberiste, di Hong Kong che disperatamente vorrebbe sottrarsi alla dittatura di Pechino, di Amman, Beirut, Algeri, Iran che vogliono sottrarsi anche a regimi confessionali. Oppure di Praga dove in trecentomila hanno manifestato con bandiere europee e contro le involuzioni illiberali dei Paesi di Visegrad. E cos’è questa, se non voglia e ricerca di democrazia?

TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile