laRegione
Commento
11.11.19 - 06:300
Aggiornamento : 11:03

Lega e Frontalieri: predicare e razzolare...

Anche a noi preoccupano i frontalieri che raggiungono quota 70 mila. Ma Ghiggia...

Ma che bella la prima pagina del ‘Mattino’ di ieri! Per carità, nulla di nuovo sotto il sole ticinese. La solita sparata contro la partitocrazia che spalanca le frontiere e fa sì che i frontalieri in Ticino raggiungano ormai quota 70mila.

La colpa, ovvio, è sempre e solo degli altri. Come se loro, i leghisti, non fossero saldamente al governo con la maggioranza relativa. Ma soprattutto come se loro, i leghisti doc di via Monte Boglia (quelli che ispirano e stampano il ‘Mattino’), non fossero usciti con le ossa rotte dalle urne per aver proposto nella corsa agli Stati tale Battista Ghiggia. L’avvocato che ha avuto ben 12 possibilità di assumere una segretaria, non diciamo svizzera, ma perlomeno residente in Ticino, ma che ha sempre optato per l’oltre ramina. Insomma, ma di cosa stanno parlando i signori leghisti? Predicano una cosa e ne fanno un’altra. Ghiggia, come dicono loro, è appena stato asfaltato e, come se nulla fosse, eccoli tornare a ribattere lo stesso chiodo.

Pure a noi preoccupano, eccome, tutti quei posti di lavoro occupati da forza lavoro frontaliera. Anche noi pensiamo che, superata una certa soglia (e ci siamo), il fenomeno di sostituzione non sia sano per l’economia, per l’ambiente, per la mobilità. Ma quella che loro definiscono ‘la casta spalancatrice di frontiere’ sul megafono domenicale, proprio in quelli come il loro Ghiggia ha appena avuto un ottimo rappresentante.

TOP NEWS Opinioni
Commento
21 ore
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
21 ore
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
1 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
2 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
2 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
3 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
3 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
4 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
5 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
6 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile