laRegione
la-svizzera-si-e-rimessa-in-carreggiata
Commento
16.10.19 - 06:300

La Svizzera si è rimessa in carreggiata

Senza neppure soffrire troppo i rossocrociati hanno sbrigato la pratica Irlanda e rilanciato la corsa agli Europei

Enfasi e trionfalismi lasciamoli stare, pronti a sfoderarli quando la prestazione lo richiederà, quando la Svizzera se li meriterà. Limitiamoci a salutare il ritorno alla vittoria di una Nazionale che si è rimessa in carreggiata, pur non esibendo l’abito della festa, neppure a Ginevra. Tuttavia la missione è compiuta, la corsa agli Europei senza passare sotto il gioco del ripescaggio è rilanciata.

Siccome il passato prossimo è zeppo di occasioni perse, alcune delle quali anche malamente, giova riconoscere alla squadra di Petkovic che contro l’Irlanda ha superato con discreta disinvoltura l’insidia del duello da ‘dentro o fuori’, più volte fatale per le ambizioni rossocrociate.

In ordine cronologico: 0-0 contro l’Ucraina negli ottavi della Coppa del mondo di Germania 2006 (con sconfitta ai rigori); il nefasto 0-0 contro il modesto Honduras nel terzo incontro del girone, ai Mondiali in Sudafrica nel 2010, costato la prematura uscita di scena; la sconfitta di misura, sempre ai Mondiali e sempre agli ottavi, stavolta in Brasile, contro l’Argentina di Messi; l’1-1 contro la Polonia, stavolta agli Europei 2016, in Francia, agli ottavi, con la solita annessa sconfitta ai rigori; infine, la triste sconfitta 1-0 contro la Svezia, in Russia, agli ottavi dell’ultimo Mondiale.

Benché non abbia sempre demeritato, la Svizzera ha pagato troppe volte dazio, nelle sfide senza ritorno, quelle in cui era stata chiamata a salire uno scalino in più.

Non mancano anche i frangenti in cui ha saputo trarsi d’impiccio, e il duello di Ginevra rientra fortunatamente tra questi: si pensi al match decisivo per l’accesso alla fase finale della Nations League vinto contro il Belgio, o al famigerato doppio spareggio del 2005 contro la Turchia. Tuttavia, sulla bilancia pesano di più le occasioni perse delle imprese riuscite. Ne consegue che aver messo sotto l’Irlanda, pur con tutte le difficoltà del caso, è pur sempre una buona operazione, che in dote porta il terzo posto di girone, con vista su un Europeo non più offuscata dal pericolo di un’uscita di scena che avrebbe avuto i crismi dell’onta.

Padroni del proprio destino, insomma, e per stavolta può anche bastare così a una Svizzera che si gode, con un po’ di ansia e di patemi, quello che invece dovrebbe essere acquisito, per una Nazionale che si vuole cresciuta, matura e stabilmente inserita nella seconda fascia alle spalle delle principali scuole calcistiche: una posizione di vertice (lo è quasi, sarà effettiva in novembre) in un girone in cui le avversarie più insidiose sono la discreta Danimarca e la debole Irlanda.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Contro la violenza: docenti occorre più coraggio civico!
In simili casi di violenza inaudita come fa a prevalere la prudenza?
DISTRUZIONI PER L'USO
7 ore
Statue e violenza: indignarsi è sbagliato (e ipocrita)
Sui media ticinesi non passa quasi giorno senza che qualcuno si dica angosciato per l''iconoclastia' afroamericana. Fate un bel respiro
Commento
1 gior
Lugano, la Foce come crocevia di problematiche
Continua a far discutere la chiusura serale, lo scorso fine settimana, dell'area pubblica che non era stata progettata per ospitare eventi
Commento
1 gior
Super League: dubbi, iniquità e spettacolo
Lo Zurigo schiera la Under 21 per almeno due partite, la regolarità della competizione è compromessa, ma quanto è bello questo campionato
L'analisi
2 gior
Santa Sofia come arma di ‘distrazione’ di massa per Erdogan
La conversione in moschea dell'ex basilica per creare tensioni con l’Occidente, per rafforzare la coesione nazionale e depistare le preoccupazioni economiche
Commento
2 gior
Se il Giardiniere senza gamba piange...
Amputare una gamba a una sua creazione/creatura è come amputarla all'artista e a chi ama l’arte
Commento
4 gior
È una questione di rispetto ed educazione
In montagna avere attenzione per le misure di protezione contro il coronavirus e per l’ambiente significa avere a cuore il lavoro di tante persone
Commento
4 gior
Signora Magdalena, lo Stato merita rispetto!
La figlia di Christoph Blocher faceva forse meglio a inventarsi qualcosa d'altro da dire improvvisandosi avvocato difensore di suo padre!.
Commento
4 gior
Ricordare Srebrenica
Venticinque anni fa il più grave massacro compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale
L'analisi
5 gior
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile