laRegione
10.05.19 - 06:00
Aggiornamento: 21.06.19 - 09:44

Il Salone del libro è 'defascistizzato'. E il resto della società?

L’editore neofascista Altaforte è stato estromesso, all'ultimo, dalla fiera torinese. Ma è difficile cantar vittoria…

di Ivo Silvestro
il-salone-del-libro-e-defascistizzato-e-il-resto-della-societa
Immagine Salone 2019(MP5)

“Abbiamo vinto”. Così un collettivo di autori ha commentato la notizia dell’estromissione, a poche ore dall’apertura del Salone del libro di Torino, dell’editore neofascista Altaforte. Non l’hanno scritto, ma certo l’hanno pensato anche gli organizzatori della fiera che escono in maniera tutto sommato pulita da una polemica che rischiava di svuotare il Salone di significato e visitatori. Ma, a ben guardare, potrebbe dire di aver vinto anche Francesco Polacchi, il fondatore di Altaforte, che può atteggiarsi a martire dell’antifascismo, che già aveva definito “il vero male di questo Paese”. E vittoria può cantarsela pure il protettore istituzionale di Polacchi, quel ministro dell’Interno Matteo Salvini che non ha perso occasione per vaneggiare di roghi di libri.

Difficile capire, in questa intricata vicenda, chi abbia davvero vinto. Anche perché forse il Salone del libro è “defascistizzato” (come hanno rimarcato alcuni cartelli apparsi tra gli stand), ma fuori certe idee continuano a essere presenti e guadagnano sostenitori e sempre più spesso si incarnano in politiche discriminatorie e aggressioni. E questa è la prima lezione che dovremmo trarre: il vero problema non è che un editore di estrema destra stampi dei libri e li esponga a una fiera, cosa bene o male sempre accaduta; il vero problema è che questo editore non è più minoritario e gode dell’appoggio delle istituzioni, tanto da pubblicare un libro-intervista al già citato Matteo Salvini. Per cui ben vengano le pressioni agli organizzatori del Salone del libro affinché si rendessero conto che oggi non è più possibile trincerarsi dietro scuse come “non è nel programma ufficiale” e “siamo per la libertà d’espressione di tutti”. Ma i boicottaggi e le altre iniziative simili dovrebbero essere accompagnati da una seria riflessione su come si è arrivati a questo punto. Come è stato possibile il ritorno nel dibattito pubblico di ideologie razziste e totalitarie la cui condanna, per quanto forse solo a parole, pareva unanime? Come è accaduto che certi discorsi diventassero legittimi temi di discussione e di confronto?

Un discorso che non riguarda solo l’Italia, anzi: questo fallimento della società democratica – tutta, non è questione di destra e sinistra, di conservatori e progressisti – è quantomeno europeo. Ma è un dibattito che difficilmente si aprirà: troppo intenti a festeggiare la cacciata dell’editore fascista dal Salone del libro e a litigare se il merito vada a chi proponeva di boicottare la kermesse, a chi proponeva di andarci ma dando prova di valori antifascisti, ai movimenti politici moderati o a quelli radicali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
28 min
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
1 sett
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
© Regiopress, All rights reserved