laRegione
Foto di gruppo (Ti-Press)
Commento
15.02.19 - 06:040
Aggiornamento 10:44

Nella ricca Lugano delle banche il 14esimo Tavolino Magico!

Forse che pure da noi la forbice fra chi ha e chi non ha si sta sempre più drammaticamente allargando?

Ma allora… ma allora non stiamo poi così bene! Eh no, se a Lugano, città di banche e fiduciarie, si è aperta una nuova struttura di Tavolino Magico. La terza in città e la quinta nel Luganese. Una struttura destinata ad offrire prodotti commestibili a chi stenta a pagarsi la spesa nei grandi magazzini. I dati nudi e crudi – resi noti giovedì in occasione dell’inaugurazione della 14esima struttura nel cantone – dicono molto: ogni sette giorni vengono rimesse in circolo ben due tonnellate di cibo, aiutando oltre 350 persone solo sulle rive del Ceresio. Persone che salgono a 1’800 in tutto il cantone. Uomini e donne segnalati al Tavolino dai Servizi sociali dei vari enti locali. Uno spaccato di società composto da individui economicamente più fragili – mamme sole, qualche single, famiglie –, insomma, cittadini che non ce la fanno più autonomamente ad arrivare alla fine del mese. Fra questi ci sono anche i cosiddetti working poor, persone che non trovano lavoro, o che non l’hanno più, e altre che ricevono prestazioni sociali insufficienti. Novità altrettanto preoccupante, registrata in questi ultimi tempi, è l’aumento tra i beneficiari dei giovani, molto probabilmente perché non hanno terminato con successo la scolarizzazione o un apprendistato.

La cartina tornasole di Tavolino ha il suo peso. Sì, perché, quando una persona si rivolge ad una struttura come quella, significa che ha praticamente già esaurito tutte o quasi le cartucce offerte dal sistema sociale. Significa che è passata ormai dalla disoccupazione all’assistenza e che non è nemmeno più sufficiente quella per permetterle di stare a galla. Significa anche che ha accettato di andare a fare la spesa in un posto particolare mettendoci la faccia.

Il segnale legato all’apertura del 14esimo centro sul Ceresio, va quindi attentamente monitorato e (visto che l’emergenza è in ascesa, e che fra i beneficiari vi sono anche giovani) dev’essere preso come il toro per le corna. Quando si scivola sotto una determinata soglia di autonomia economica e si bussa a Tavolino, bisogna evitare che (soprattutto per le fasce giovani!) la dipendenza si cronicizzi.
Domanda: forse che pure nella ricca Svizzera (anche italiana) la forbice fra chi ha e chi non ha si sta sempre più drammaticamente allargando? Se così fosse, bisogna intervenire per soccorrere chi sta nelle sabbie mobili. Primo perché è giusto farlo; secondo anche perché è nell’interesse di chi riesce a stare più comodamente a galla. Guardandoci attorno: si pensi ad esempio ai gilets jaunes francesi. È a tutti evidente cosa significhi non accorgersi quando la corda della globalizzazione senza regole si tende minacciosamente. La pace sociale comincia a traballare e tutti ne fanno le spese. Certo, non siamo ancora a quel punto, ma attenzione a non sottovalutare i segnali. Immaginiamoci cosa potrebbe accadere se non ci fossero ad esempio i (tanti) sussidi per pagare le casse malati. Cittadini in piazza, garantito!

Potrebbe interessarti anche
Tags
tavolino
struttura
magico
lugano
tavolino magico
giovani
banche
14esimo
TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved