laRegione
Ti_Press
DISTRUZIONI PER L'USO
15.12.18 - 09:300
Aggiornamento : 17.12.18 - 06:10

Migranti al Pronto Soccorso: la pavidità del male

Quando la politica non vuole metterci la faccia, si nasconde dietro alle scartoffie

“Quando persone prive di documenti, ‘presumibili’ richiedenti l’asilo, stranieri in transito o persone ‘sospette’ si recano al Pronto soccorso, chiedo sistematicamente di chiamare i seguenti numeri telefonici e indicare la situazione con tutte le informazioni…”. Seguono i numeri della polizia e del Centro flussi migratori di Chiasso.

Quando non c’è qualcuno che voglia metterci la faccia, è con circolari come questa che si fanno girare gli ingranaggi della politica. Un foglio con poche parole da appendere al sughero d’una bacheca, nell’attesa che lo zelo degli ubbidienti faccia il suo corso e proceda alla delazione, seguita magari da schedatura. E nella speranza che nessuno se ne accorga, naturalmente: ché la richiesta del Dss agli ospedali rischia di calpestare la tutela del segreto medico, diritto del paziente e dovere del personale sanitario, in entrambi i casi inviolabile.

Di questi tempi aleggia un clima di ostilità nei confronti di asilanti e stranieri in genere, lo rivelano già certe parole: pur col beneficio delle virgolette, definirli persone “sospette” (di cosa?) è un lapsus che la dice lunga. Qui non si tratta di crocifiggere chi ha redatto il testo, il poveretto avrà pur dovuto anche lui ubbidire a qualcun altro. Semmai occorre notare come di questi comunicati, circolari, linee guida, regolamenti sia lastricata la via per l’inferno: di fronte a una sfida globale si prende tempo firmando una miriade di ordini operativi, con truci e sorde conseguenze; da politica, la guerra al migrante diventa sempre più spesso burocratica.

Alzando gli occhi dai piedi locali di questa montagna di carte, si vede quanto alta ne sia la vetta e quanto sia difficile, per chi la deve scalare, cartografarne le gole. Anche una volta passata la frontiera ed evitati i frequenti respingimenti – non di rado effettuati con una misura d’arbitrio – ci si trova di fronte alla Segreteria di Stato della migrazione. Spesso tocca dimostrare che si è in fuga dalla violenza e non dalla fame, come se morire di fame fosse tanto meglio di beccarsi una pallottola o il fendente d’un machete. Che non sia facile lo dimostra fra gli altri il caso dei richiedenti asilo eritrei, che all’improvviso si è deciso di trattare come migranti economici, nonostante a “casa loro” li aspettino nel migliore dei casi i lavori forzati con la divisa dell’esercito.

Se va storta, ci sono i ricorsi ai vari tribunali. Ci vuole un buon avvocato, bisogna capire un sistema che ti gioca contro. Anche per colpa di quel regolamento di Dublino che vorrebbe rispedire tutti dove sono sbarcati, smazzando la ‘pepatencia’ a Paesi di frontiera come l’Italia, dimostratasi così tristemente impreparata e progressivamente abbandonata a se stessa. Un sistema ingiusto, ma anche ottuso, dato che al posto dei rimpatri produce clandestini.

Di solito a questo punto si scomodano Hannah Arendt e la banalità del male, a sottolineare come l’ingiustizia inflitta da un sistema a un individuo sia il risultato, più che di atti consapevoli e deliberati, di una filiera anonima nella quale ognuno ubbidisce a degli ordini. Qui però, più che di banalità, si tratta di pavidità. La pavidità di rappresentanti politici che schivano la scelta fra giustizia e popolarità. Che diventano essi stessi anonimi passacarte invece di presentare esplicitamente una visione chiara, quale che essa sia. Fortunatamente ci sono ancora alcuni medici e deputati che fanno sentire la loro voce.

Poi il lettore può anche decidere che non gliene frega niente, che non sta alla Svizzera o all’Europa farsi carico di problemi altrui, che c’è ben altro di cui preoccuparsi. Non si illuda, però: la stessa indifferenza, la stessa pavidità della politica non investe solo i migranti. Chiunque si trovasse ad essere un ‘peso’ per la società e per i suoi rappresentanti, anche solo perché le circostanze della vita non gli permettono di arrivare alla fine del mese, rischierebbe di vedersi riservato lo stesso trattamento, come sa chiunque abbia provato ad accedere agli aiuti sociali (a proposito: dov’è finita la gloriosa vocazione sociale popolar-democratica? Forse è diventato più importante polemizzare sui radar e sulle “radici” minacciate da presunti mangiapreti). Come finiva quel famoso sermone del pastore Niemöller? “Poi un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare”. Occhio.

Potrebbe interessarti anche
Tags
pavidità
politica
pronto
pronto soccorso
male
soccorso
sistema
TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved