laRegione
Commento
26.07.18 - 06:000

Industria ‘condita’ con tanta finanza

Sergio Marchionne non c’è più. Alla testa del gruppo Fiat-Chrysler da una settimana si è insediato Mike Manley

Sergio Marchionne non c’è più. Alla testa del gruppo Fiat-Chrysler da una settimana si è insediato Mike Manley che alla sua prima uscita pubblica (la conferenza telefonica con gli analisti finanziari) ha commentato i risultati trimestrali con dati positivi ma in calo rispetto alle attese. L’utile netto rettificato si è fermato – a parità di cambio – a 981 milioni di euro (-9%) rispetto ai tre mesi precedenti. Anche l’utile netto è in forte calo a 754 milioni di euro (-35%). Gli investitori non hanno però apprezzato la performance, con il titolo Fca alla Borsa di Milano che ha perso il 10% del suo valore dopo essere stato sospeso per eccesso di ribasso. E questo nonostante le vendite globali dei modelli Fca siano in aumento a 1,3 milioni di veicoli, in rialzo del 6 per cento.
Una conferma, se ce ne fosse ancora bisogno, del fatto che sono le aspettative degli investitori a decidere il valore di un’azienda, qualunque sia il suo prodotto. Sergio Marchionne, che era un uomo di finanza, era ben cosciente di questi meccanismi e ha usato molta della sua capacità manageriale alla guida di Fca per aumentare il valore dei titoli dei suoi azionisti, più che innovare i prodotti. È successo con Ferrari, scorporata dall’universo Fiat e quotata con successo sulle piazze di New York e Milano; con Cnh (il mondo dei veicoli industriali) e nel prossimo futuro toccherà alla Magneti Marelli (componentistica per auto) e Comau (macchine utensili e robot industriali) essere messe sul mercato. Per la prima le operazioni di spin-off dalla casa madre Fca sono state annunciate già negli scorsi giorni e dovrebbero concludersi entro la fine dell’anno con la quotazione contemporanea ad Amsterdam e Milano.

È stata questa, in sintesi, la ricetta di successo di Marchionne: lo spezzatino con i pezzi più pregiati della dispensa ex Fiat, tanto che ora il valore globale delle singole aziende scorporate vale molto di più del gruppo originario. Questa è finanza – che ha una sua logica – ma non è industria. Certo, ci vuole capacità anche in questo. E Marchionne, lo ribadiamo, ha mostrato di avere coraggio, perseguendo con coerenza e una certa dose di cinismo (ricordiamo l’uscita dal contratto nazionale dei metalmeccanici e l’imposizione di un contratto aziendale separato) una strategia che ha fatto ancora più ricchi i suoi azionisti e annichilito una parte del sindacato italiano.

Il risultato però, almeno per quanto riguarda l’Italia e l’Europa (altro discorso vale per il ramo nordamericano, che è un altro mondo), è quello di un gruppo automobilistico che è diventato negli anni sempre più piccolo e marginale sulla scena internazionale, con modelli poco innovativi e che non ha investito nel futuro (auto elettrica e ibrida, per intenderci), tanto che la chiusura del cerchio probabile potrebbe essere prima la ricerca di un partner industriale e poi la cessione allo stesso dello scheletrino della ex Fiat Auto, magari ulteriormente spolpato dei marchi Maserati e Alfa Romeo (il sempre ventilato e mai realizzato polo del lusso).

Sulla stampa specializzata si è scritto negli scorsi mesi dell’interesse di gruppi asiatici: la sudcoreana Hyundai su tutti, ma anche della Ford che ha in casa la tecnologia snobbata dalla casa torinese.

Il tempo dirà se Mike Manley continuerà la strategia impostata da Marchionne e fatta propria dal Cda del gruppo Fca, oppure se darà una sua impronta, magari più orientata al prodotto. L’unica certezza è che i destini del gruppo industriale italiano per antonomasia non verranno più decisi a Torino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile