laRegione
il-ppd-sta-lavorando-con-serieta
Ti-Press
Commento
13.02.18 - 06:200
Aggiornamento : 08:00

Il Ppd sta lavorando con serietà

Il Ppd sembra essere diventato il principale interesse di questo giornale. Ancora sabato si è potuto leggere che la Direttiva del Partito si è riunita e che avrebbe affrontato l’opportunità o meno di ricandidare Paolo Beltraminelli alle elezioni 2019. Che la Direttiva del Ppd si riunisca a discutere non è una novità ma nemmeno una notizia. Come ha riferito il presidente Fiorenzo Dadò durante l’affollato Comitato di fine gennaio, il programma degli incontri e dei lavori per il 2018 è stato definito in modo chiaro dall’Ufficio presidenziale e seguirà l’iter previsto. Quello del 30 gennaio è stato un Comitato ben riuscito e il discorso di Dadò ha soddisfatto i presenti, come ha riferito la stragrande maggioranza della stampa. I temi trattati durante gli incontri riguardano sì le liste e la campagna elettorale ma anche molto altro, come ad esempio le proposte concrete che in questi mesi i gruppi di lavoro del Partito hanno affinato con serietà. La prima di queste è conosciuta, si tratta di due iniziative che hanno lo scopo di abbassare le imposte di circolazione e quindi restituire quanto è stato ingiustamente tolto agli automobilisti; iniziative sostenute da ben 23’000 ticinesi! L’altra, in ordine di tempo, in collaborazione con il partito nazionale, prevede il lancio in autunno di un’iniziativa popolare per frenare l’asfissiante e continuo aumento dei costi della cassa malati, come riferito nel nuovo Popolo e Libertà che in questi giorni hanno ricevuto tutti i ticinesi.

Dopo mesi nei quali si è letto e sentito di tutto, teniamo a precisare alcuni aspetti che ancora una volta vengono esasperati da chi vuol far credere che all’interno del Partito vi sia chissà quale maretta o discussione. Sulla questione Argo 1, come avevamo riferito, non è nostra intenzione entrare in merito finché le bocce non saranno ferme. Attualmente se ne stanno ancora occupando una Commissione parlamentare e la Magistratura, mentre il rapporto dell’ex procuratore Bertoli ha messo in luce le principali responsabilità dei due ex alti funzionari del Dss. Adesso lasciamo lavorare in santa pace chi lo sta facendo.

Ma anche il Ppd vorrebbe continuare a potersi occupare dei grossi problemi del Cantone e delle difficoltà della gente, senza dover continuamente subire interferenze, con l’unico intento di mettere in difficoltà il Partito. Sarebbe opportuno in questa importante fase lasciare Paolo Beltraminelli un po’ in pace, nel suo importante lavoro alla direzione di uno dei dipartimenti più impegnativi dello Stato.

Per quanto riguarda Fiorenzo Dadò, il Presidente gode della piena fiducia, attestata anche durante i numerosi incontri che abbiamo avuto in questi mesi con i nostri aderenti in tutto il Cantone e nelle lettere ricevute spontaneamente dalle Sezioni. Che Dadò abbia dato fastidio a diverse persone in questi anni con le sue posizioni profilate e che la sua difesa, dopo mesi di attacchi e illazioni, non sia particolarmente piaciuta ad alcuni giornalisti anche di questo giornale, è oramai chiaro a molte persone, ma questa acredine e antipatia personale non scalfisce la sua leadership alla guida del Partito, la quale non è messa in discussione.

Come detto, il Ppd sta affrontando in modo serio e tempestivo nei gremi previsti tutti i temi e i problemi dei quali abbiamo riferito. A tempo debito informeremo anche la stampa.

TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
18 ore
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
1 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
3 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
4 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
5 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile