laRegione
neutralita-un-impostura
laR
 
13.05.22 - 07:14

Neutralità un’impostura

di Olindo Vanzetta, Biasca
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il professarsi neutrali è una delle tante ipocrisie della politica, una mera scelta di campo con finalità di bottega. La nozione di neutralità non esiste se non come artefatto, privo di sostanza propria che si nasconde opportunisticamente dietro a una bandiera. In un mondo sempre più globalizzato e interdipendente, dove dinamiche economiche planetarie coinvolgono e nutrono i rapporti interstatali, il professarsi neutrali è insostenibile.

Risulta evidente e chiaro che dietro all’atteggiamento neutrale si muovono e si celano interessi miliardari conditi e farciti da gretto opportunismo. È pertanto impegno civile urgente, oggi come sempre, denunciare e smascherare le tante menzogne che inquinano e avviliscono il vivere sociale.

La neutralità non è mai stata violata, né rottamata da nessuno in quanto non esiste se non come impostura.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bandiera impostura neutralità
ULTIME NOTIZIE Lettere dei lettori
© Regiopress, All rights reserved