laRegione
Ambrì
2
Langnau
6
2. tempo
(2-1 : 0-5)
Lakers
5
Zurigo
4
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-2)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
5
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 1-1)
Visp
2
Zugo Academy
3
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-1)
Olten
5
Winterthur
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 3-0)
Turgovia
0
Sierre
1
2. tempo
(0-1 : 0-0)
la-pandemia-e-reale
Lettere dei lettori
 
28.09.21 - 09:360

La pandemia è reale

Non è un’invenzione di virologi, ditte farmaceutiche, politici o poteri occulti. Sono reali i suoi numeri, le statistiche, le previsioni che si confermano. Si naviga a vista, perché non si conosce ancora bene il virus, ma si sa che è “intelligente”, perché per sopravvivere si diffonde velocemente nei nostri organismi, passando da uno all’altro, e permette a chi è contagiato di muoversi a lungo tra i suoi simili, prima di avere sintomi debilitanti. È da questa caratteristica che deriva la limitazione della nostra libertà di movimento, non da fini occulti di chissà chi. È triste osservare l’insofferenza, le tensioni, l’astio che si manifestano in questi giorni anche nella privilegiata Svizzera, la mobilitazione che si fa sempre più estrema contro le misure prese dalle autorità, e che rischia di degenerare in scontri.

Ho potuto incontrare una terza classe della Scuola media di Tesserete, in occasione di una mostra che si tiene all’aperto. Ragazze e ragazzi sono arrivati con le loro mascherine, con naturalezza, hanno prestato attenzione e si sono distratti come sempre, sono intervenuti con grande spontaneità, liberi, stavano vicini per necessità di ascolto ma soprattutto perché erano uniti, erano una classe. Ne ho ammirato la positività e la disciplina. La loro docente mi ha confermato che tutte le allieve e tutti gli allievi della scuola sono molto diligenti con l’uso della mascherina.

Ecco uno scopo cui tendere meritevole di alcuni sacrifici, da parte di noi adulti: comportarci in modo che i nostri bambini e i nostri ragazzi possano crescere frequentando regolarmente le scuole, al riparo da rischi e tensioni. La vaccinazione, con le altre misure di protezione, ma anche, per chi non vuole essere vaccinato, le raccomandazioni sanitarie osservate scrupolosamente, evitando i contatti rischiosi con molte persone, vanno in questa direzione. Mai abbiamo avuto a disposizione tanti strumenti, tante possibilità di comunicazione veloce con gli altri, tanti mezzi per informarci e istruirci, per divertirci, tanti beni materiali. Teniamo presente, per stare bene con noi stessi e con gli altri, con tranquillità di spirito, queste incontrovertibili considerazioni, e proteggiamo i nostri bambini e i nostri giovani, assicurando loro scuola e serenità.

Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE Lettere dei lettori
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile