laRegione
laR
 
15.09.21 - 09:45
Aggiornamento: 14:38

Teatro Dimitri, deficit decennale

di Adrian Klemm, Zurigo
teatro-dimitri-deficit-decennale

Nel servizio di (Beppe Donadio) laRegione del 13 settembre, David Dimitri afferma al giornalista intervistatore di essersi trovato di fronte a un “deficit lasciato dalla signora Kami Manns” dopo la morte di suo padre. Questa affermazione è dimostrabilmente falsa ed è importante per me, dopo 30 anni come ex membro e presidente del Consiglio di Fondazione (fino al 2016), contraddire formalmente tali affermazioni tendenziose e false.
Il funzionamento del Teatro Dimitri non è stato in grado di coprire i suoi costi per decenni, per non parlare di generare un profitto. I deficit annuali a sei cifre dovevano essere coperti dalla fondazione. Questo è stato possibile perché la fondazione riceveva regolarmente donazioni generali o legate a progetti. Inoltre, la fondazione beneficiava di entrate da affitto da una proprietà di sua proprietà. I progetti della signora Kami Manns come direttrice del teatro hanno ricevuto pieno appoggio da donatori rinomati, ma l’espulsione della signora Manns ha portato al comprensibile ritiro dei donatori. Il nuovo consiglio di amministrazione – e solo il nuovo consiglio – è da biasimare per i problemi finanziari che apparentemente sono seguiti.
L’unica cosa da aggiungere è che la signora Manns ha dovuto citare in tribunale le sue rivendicazioni salariali, ha vinto, e il tribunale ha statuito: “Pertanto, nessuna violazione contrattuale della lavoratrice è stata dimostrata e nessun preteso danno per il datore di lavoro le può essere addebitato”. Questi sono i fatti a cui ci si dovrebbe attenere come rappresentante responsabile di una fondazione di beneficenza.

Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE Lettere dei lettori
© Regiopress, All rights reserved