laRegione
03.09.22 - 16:01
Aggiornamento: 16:56

Settemila anni di storia sciolti come neve (ghiaccio) al sole

Le temperature estreme di questa estate non hanno risparmiato il Corvatsch, nel massiccio del Bernina

Ats, a cura di Red.Web
settemila-anni-di-storia-sciolti-come-neve-ghiaccio-al-sole
Keystone
Il massiccio del Bernina rischiarato dal sole

La misurazione del ghiacciaio del Corvatsch non è più possibile: quest’estate il suo scioglimento è stato così massiccio che il programma di rilevamento dei dati al Vadret dal Corvatsch, nel massiccio del Bernina, nel cantone dei Grigioni, non può più essere portato avanti in quanto non c’è ghiaccio nei punti di misurazione, ha riferito il glaciologo Matthias Huss.

L’unica cosa che resta da fare per la squadra è raccogliere tutto il materiale e sgomberarlo, indica all’agenzia tedesca Dpa Huss, responsabile della rete svizzera di monitoraggio dei ghiacciai ‘Glacier Monitoring Switzerland’ (Glamos).

Huss ha definito estrema la perdita di ghiaccio registrata quest’estate sui ghiacciai più piccoli: "Quello che vediamo è più grave di qualsiasi cosa pensassimo possibile finora", ha detto. Al Corvatsch si sono sciolti alcuni strati di ghiaccio che si trovavano lì da circa 7’000 anni.

Il fatto che i dispositivi di misurazione del Corvatsch debbano essere smantellati non è una sorpresa. Già nel 2019 è stato deciso di eliminare gradualmente i programmi di misurazione su tre ghiacciai minori: il Vadret dal Corvatsch, il ghiacciaio del Pizol e lo Schwarbachfirn.

Tuttavia, poiché l‘anno scorso le percentuali di scioglimento sono state inferiori agli anni precedenti, si sperava che le misurazioni potessero essere effettuate ancora per un po’, ha detto Huss.

Con lo scioglimento, anche il paesaggio è cambiato drammaticamente, ha sottolineato. Il ghiaccio, già sottile, è scomparso in molti punti. Sul Corvatsch, una cresta millenaria è quasi completamente sparita. Solo un piccolo residuo è ancora visibile.

Nell’ambito di Glamos, i glaciologi misurano da decenni i ghiacciai per studiare i cambiamenti a lungo termine nelle Alpi svizzere. Glamos è gestito congiuntamente dal Politecnico federale di Zurigo (Eth) e dalle Università di Friborgo e Zurigo ed è in stretto contatto con la Commissione di esperti di criosfera.

I ghiacciai perdono metà del loro volume

l ritiro dei ghiacciai non è un fenomeno nuovo: secondo uno studio pubblicato all’inizio di agosto dall’Eth e dall’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio, il volume dei ghiacciai svizzeri si è dimezzato tra il 1931 e il 2016.

Anche se alcune masse di ghiaccio sono cresciute negli anni ’20 e ’80, il clima del Ventesimo secolo è stato generalmente sfavorevole per i ghiacciai, secondo lo studio. Nel corso del tempo, si sono sciolti sempre più velocemente.

L’analisi ha anche dimostrato che non tutti i ghiacciai erano colpiti allo stesso modo dalla contrazione. L’entità dello scioglimento di un ghiacciaio dipende dall’altitudine alla quale si trova, da quanto è piatta la lingua e da quanto è coperta di detriti.

Potrebbe interessarti anche
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
© Regiopress, All rights reserved