laRegione
predazioni-da-lupo-in-ticino-situazione-giunta-al-limite-della-sopportabilita
Il dibattito
27.07.20 - 15:400

Predazioni da lupo in Ticino: situazione giunta al limite della sopportabilità

Il tempo del buonismo e delle mezze verità è finito. Siamo ad una svolta e chi dice il contrario, con le solite false teorie, mente spudoratamente a sè stesso e alla comunità

Il 23 luglio 2020 è stata un’altra data nefasta per la pastorizia in Ticino. Per la prima volta, nello stesso giorno, sono stati emessi agli allevatori due SMS d'avviso per predazioni da lupo avvenuti nel giorno precedente: uno nella regione della Capriasca per l’uccisione di tre capre (probabilmente da parte di lupi del branco della Morobbia) e l’altro nella zona della Greina (uccisione di 10 ovini e ferimento grave di due agnelli verosimilmente da parte di un lupo proveniente dai Grigioni, senza contare che una quindicina di animali sono tuttora dispersi). Il 24 luglio ecco il comunicato dell’Ufficio caccia e pesca del Canton Grigioni in cui si informa che è accertata la presenza di un nuovo branco, con la relativa cucciolata, nella Surselva (dove già si contano una trentina di lupi) tra Sedrun, Disentis e Medel. Una notizia che non fa che aggravare una situazione già grave e di grande apprensione per tutti gli allevatori di bestiame.

Il rischio di attacco non è più sopportabile

Quando poi si constata che in Ticino, da inizio anno, sono già avvenuti almeno una dozzina di attacchi che hanno coinvolto dieci aziende agricole sparse in tutto il Cantone e che gli SMS per avvistamenti di lupi, anche diurni, sono estremamente frequenti, c’è da pensare al peggio: il numero di lupi stanziali o di passaggio devono essere ben più numerosi di quanto rilevato dalle statistiche ufficiali. Di conseguenza le predazioni purtroppo non potranno che aumentare! Che fare? Il senso di scoramento tra gli allevatori è alto e aumenta di giorno in giorno. Finora sembrava che il rischio di un attacco al proprio gregge fosse sopportabile. Ora non è più così.

Anche tra i funzionari statali chiamati a intervenire, la sensazione è che la situazione stia sfuggendo di mano come in altri cantoni svizzeri, in particolare nel Canton Grigioni e nel Canton Vallese. Come in altre nazioni confinanti. Quante saranno in autunno le aziende, soprattutto di ovini, che smetteranno a causa dei predatori? Quanti saranno gli alpeggi che saranno caricati per l’ultima volta nell’estate 2020? In Ticino pochi si accorgeranno di questi fatti a parte gli allevatori colpiti nonché coloro che vivono nei paesi dove le aziende chiudono e pochi altri. Per moltissimi Ticinesi sarà un fenomeno insignificante, trascurabile, che non percepiranno nemmeno.

Aziende ridotte a poche decine?

Poi fra una dozzina di anni qualche studio accerterà che negli anni 2020 - 2030 in Ticino il numero di aziende di bestiame minuto si è ridotto da alcune centinaia a poche decine, che parecchi animali domestici vivono costantemente rinchiusi in recinti e stalle, che l’ambiente antropizzato nelle valli si è gravemente degradato, che la biodiversità è diminuita, che i prodotti tipici sono introvabili, che si è sbagliato a proteggere il lupo in modo assoluto in tutta Europa. Scelta fatta nel 1979 con la firma della Convenzione di Berna e sempre, inspiegabilmente, confermata. Come reagire ?

Da parte nostra esterniamo la massima solidarietà nei confronti degli allevatori colpiti e di tutti coloro che sono a rischio e osiamo raccomandare agli allevatori che sono dubbiosi sul da farsi, di non mollare: molti Ticinesi apprezzano i nostri prodotti e il lavoro che facciamo. Nel contempo manteniamo il dialogo con le autorità politiche e con i funzionari competenti per esortarli, ancora una volta, a ricercare le soluzioni più efficaci. A tutti coloro che il 27 settembre si recheranno alle urne raccomandiamo di accettare la nuova legge sulla caccia. Non potrà fermare l’espansione del lupo, ma sarebbe un bel segnale sia per le autorità federali e cantonali sia per tutto il settore primario. Se vincerà il no, sarà la mazzata finale. E non ci riprenderemo più. Il tempo del buonismo e delle mezze verità è finito. Siamo ad una svolta e chi dice il contrario, con le solite false teorie, mente spudoratamente a sè stesso e alla comunità.
 

 

 

 

ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
43 min
Ancora una volta: chi sono i cattivi?
I pagamenti diretti agli agricoltori non sono sussidi, ma prestazioni per un lavoro a favore di tutti
Il dibattito
1 gior
Ma cosa si pretende da questi Procuratori pubblici?
Si pongono tutta una serie di interrogativi, letteralmente inquietanti, sull’andamento della giustizia del Canton Ticino
IL RICORDO
3 gior
Nene Zurmühle: il calcio, 'il Daro' e le sue forti convinzioni
Per lui una società di calcio doveva formare, aggregare e integrare i giovani
Il dibattito
6 gior
La clausola ghigliottina e lo Yeti
Chi sostiene pubblicamente che l’UE non invocherà la clausola non tiene conto del fatto che la clausola è già attiva, non va invocata!
Il dibattito
1 sett
Disabilità, bunker e vita vera
La fragilità umana ci appartiene dalla notte dei tempi, non può essere eliminata solo con semplici severe direttive e rinchiudendo i più deboli in bunker, senza nemmeno prenderci la briga di ascoltarli
I dibattiti
1 sett
No, signor Dozio, le bugie le racconta Lei!
Iniziativa sulla limitazione, Eros Mellini: 'Lei dice che l'Udc di raccontare frottole. Mi permetta di contestarle le Sue'
I dibattiti
1 sett
Risse a Bellinzona, urgente un operatore di strada
Dopo i due recenti episodi di violenza verificatisi in viale Stazione: 'Meno repressione e più prevenzione'
il dibattito
1 sett
Un sì per la montagna
Per rilanciare la montagna è necessario interrogarsi sulla presunta sacralità della natura selvaggia, sostituendola con il termine biodiversità, da intendere però in termini non oppositivi rispetto alla presenza umana
Il dibattito
2 sett
Non solo libera circolazione
Nessun salto nel buio, nessun timore della paura che ci vogliono incutere!
Il dibattito
2 sett
Quando troppo è troppo, ovvero le troppe bugie dell’Udc
Le misure di accompagnamento vanno rafforzate. È questo lo strumento principale per far fronte alle speculazioni antistranieri della destra populista e conservatrice. E su questa strada ci si dovrà muovere, se l’iniziativa venisse bocciata
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile