laRegione
valle-della-motta-alla-larga-le-ceneri-dell-inceneritore
Matteo Muschietti (Ti-Press)
I dibattiti
23.06.20 - 20:100

Valle della Motta, alla larga le ceneri dell'inceneritore

A soffrirne sarebbe un'area di svago in cui si è investito molto in questi anni a vantaggio della popolazione

E’ in consultazione presso i Comuni del cantone l’ultima lettura del Piano direttore cantonale, con le relative schede trasmesse per eventuali ricorsi da parte di chi è interessato su diversi temi di vitale importanza. Per Coldrerio l’attenzione particolare è sul comparto 'Area di svago e di prossimità fiume Laveggio, Corteglia–Castello, Santa Margherita, Valle della Motta a Coldrerio'. E’ un comparto molto interessante, che comprende il corso del fiume Laveggio, unico fiume che nasce in territorio ticinese e dopo aver percorso bagnando i Comuni di Stabio, Genestrerio, Ligornetto, Rancate, Mendrisio (ora Città di Mendrisio) attraversa la piana di Riva San Vitale, per poi sfociare nel lago Ceresio a Capolago.

In tale comparto è stata inserita anche la Valle della Motta, valle che si snoda attraverso un piccolo canyon e che gode di un vasto parco protetto, dove sono concentrate una miriade di piante uniche in tale zona, percorsa dal fiume Roncaglia. La Valle della Motta è venuta alla ribalta dopo l’inserimento della discarica a cielo aperto negli anni 80. Il Comune di Coldrerio ha negoziato con il Cantone la formazione di una zona protetta per permettere lo svago e avere un polmone di verde sull’uscio di casa. Il Cantone ha accettato le rivendicazioni di Coldrerio e ha costituito il Puc, atto a salvaguardare questo lembo di terra importantissimo per lo svago della popolazione del Mendrisiotto. Esiste pure al suo interno il parco del Mulino del Daniello, in fase di ristrutturazione con una storia che porta seco quando il Mendrisiotto era rurale.

Il ragionamento di Coldrerio è chiaro e lineare. Non vuole che in futuro le ceneri provenienti dall’inceneritore di Giubiasco siano depositate in Valle della Motta. Questa suggestione, però, non è motivo di ricorso per i contenuti nella scheda di Piano Direttore. Da parte mia ho ribadito che ci opporremo con tutte le forze a un simile insediamento nella Valle della Motta. Secondo il mio parere si è investito più di un milione di franchi nella ristrutturazione del Mulino del Daniello e nella sistemazione di tutta la zona e non va sprecato. Non si può avere una zona di svago efficiente, con a circa 300 metri un deposito di ceneri (oltretutto pericolose per l’ambiente in quanto contengono diossina) e invitare la gente a frequentare la Valle della Motta come se niente fosse.

La Valle della Motta deve essere protetta, dopotutto ha già dato tanto con la discarica a cielo aperto negli anni 80, dove venivano messi a dimora tutti i rifiuti urbani del Sottoceneri.

ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
23 ore
Sì al reparto di ostetricia e di neonatologia dell’Obv
Chiudere il servizio spingerebbe le partorienti del Mendrisiotto verso Lugano e verso la struttura privata
I dibattiti
1 gior
Mendrisio difende l'ostetricia: bene ma non benissimo
Conforta la determinazione della Città, ma dai vertici cantonali non sono ancora giunte rassicurazioni sul futuro
I dibattiti
2 gior
Signori delle Ffs, due parole
È scandaloso che per salire sui treni veloci i passeggeri del Mendrisiotto debbano andare a Lugano. Il governo cantonale ci dia voce
Se ne parlava con un amico
1 sett
La pasegiada
Amico mio, ta sa regordat cusè che...
Il dibattito
1 sett
Lotta alle mafie: nessuno sconto
Tutti i partiti, e tutti i livelli istituzionali hanno dato un solo messaggio: in Svizzera certe cose non siamo disposti a tollerarle!
Il dibattito
1 sett
Tra parole importanti, strumentalizzate e omesse
No a timore, astio, denunce, segnalazioni. Sì a unità, dialogo, senso di collettività, di responsabilità. Sono la chiave per affrontare questa, come altre, sfide sociali.
Il dibattito
1 sett
Predazioni da lupo in Ticino: situazione giunta al limite della sopportabilità
Il tempo del buonismo e delle mezze verità è finito. Siamo ad una svolta e chi dice il contrario, con le solite false teorie, mente spudoratamente a sè stesso e alla comunità
Il dibattito
1 sett
Mendrisiotto: sono tornate le cicale
Meditate gente, perché tutte queste piccole cose portano alla scomparsa di insetti, poi anche il cambiamento climatico è foriero di cattive notizie per la flora e la fauna nostrana.
I dibattiti
2 sett
La morte del cane Sturn, 'attacchi e calunnie sui social'
I dibattiti
2 sett
Perché una rendita ad un ex consigliere federale?
Un ministro deve impegnarsi e lavorare senza timori sul suo futuro, senza la preoccupazione di reperire un’occupazione qualsiasi, non appena terminato il mandato!
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile