laRegione
l-insostenibile-pesantezza-del-turismo-di-casa
Sguardo a nord
18.06.20 - 14:440

L’insostenibile pesantezza del turismo di casa

Nella Svizzera tedesca non si vuole dunque seguire il modello ticinese, che con l’iniziativa Vivi il tuo Ticino

A quarantotto franchi invece di novantadue sul Titlis andata e ritorno? Quest’anno si può. Se si risiede in Svizzera. E si possiede un abbonamento a metà prezzo delle FFS. Viva il nostro paese, verrebbe da dire, che nel 2020 a causa del Covid permetterà finalmente ai suoi abitanti di godere appieno delle proprie bellezze. La mancanza degli ospiti asiatici, provenienti soprattutto da India, Cina e paesi arabi, sta costringendo i luoghi turistici più ambiti della Svizzera tedesca ad aprirsi ai visitatori indigeni. Ed ecco allora il direttore degli impianti di risalita del Titlis presentarsi in TV, felice di offrire la sua imponente montagna a prezzi scontati. Ed ecco il cantante “alpino” Marc Trauffer, testimonial della Jungfraujoch, sorridere ai giornalisti presenti mentre taglia il nastro ufficiale di riapertura. Questa attrazione, che di solito ha il 90% di visitatori stranieri (pari a ben 700'000 persone all’anno dalla sola Asia), in questi giorni appare desolata. Qui la strategia è però diversa e di generosità verso i compatrioti neanche l’ombra: il direttore, Urs Kessler, non parla affatto di ribassi ma, al contrario, di una consapevole rinuncia – pensate un po’ – a possibili rialzi. Dal momento che la stagione è ormai “persa”, tanto vale non tentare di salvare l’insalvabile facendosi pagare di più. E non è il solo a pensarla a questo modo: come lui anche i responsabili degli uffici turismo dei Grigioni e del Vallese sono disposti a concedere qualche offerta speciale, ma non a scendere davvero con i prezzi. Della stessa opinione è anche Jürg Stettler, direttore dell’Istituto di economia turistica presso l’Università di Lucerna, convinto che sarebbe in seguito difficile riportare i costi al livello attuale, senza la certezza di realizzare davvero più pernottamenti. Nella Svizzera tedesca non si vuole dunque seguire il modello ticinese, che con l’iniziativa Vivi il tuo Ticino finanziata da Banca Stato, e accolta con ottimismo dal direttore di Ticino Turismo Angelo Trotta, regalerà sconti in alberghi e ristoranti ai residenti. Al di là delle Alpi si vuole dunque puntare sul turismo locale, senza però premiare davvero chi deciderà di trascorrere l’estate tra i fiumi, i laghi e le montagne di casa. Un calcolo senza dubbio cinico, viste le difficoltà economiche che molte famiglie stanno affrontando in queste settimane. Un calcolo destinato all’insuccesso, si potrebbe pensare. Ha ragione Stettler quando afferma che la natura temporanea del ribasso non verrebbe percepita come tale? Eppure questo è stato e continua a essere un anno eccezionale e la popolazione lo sa, visto che lo vive sulla propria pelle. Per fortuna gli impianti del Titlis non sono gli unici a mostrare qualche timido sprazzo di generosità: a Zugo per gli ospiti degli hotel c’è la Zug Card, mentre ad Andermatt le teleferiche sono gratuite a partire da due pernottamenti. Si comunque può fare di più. In attesa del ritorno gli emiri…

ULTIME NOTIZIE I dibattiti
I dibattiti
1 gior
Sì al reparto di ostetricia e di neonatologia dell’Obv
Chiudere il servizio spingerebbe le partorienti del Mendrisiotto verso Lugano e verso la struttura privata
I dibattiti
1 gior
Mendrisio difende l'ostetricia: bene ma non benissimo
Conforta la determinazione della Città, ma dai vertici cantonali non sono ancora giunte rassicurazioni sul futuro
I dibattiti
3 gior
Signori delle Ffs, due parole
È scandaloso che per salire sui treni veloci i passeggeri del Mendrisiotto debbano andare a Lugano. Il governo cantonale ci dia voce
Se ne parlava con un amico
1 sett
La pasegiada
Amico mio, ta sa regordat cusè che...
Il dibattito
1 sett
Lotta alle mafie: nessuno sconto
Tutti i partiti, e tutti i livelli istituzionali hanno dato un solo messaggio: in Svizzera certe cose non siamo disposti a tollerarle!
Il dibattito
1 sett
Tra parole importanti, strumentalizzate e omesse
No a timore, astio, denunce, segnalazioni. Sì a unità, dialogo, senso di collettività, di responsabilità. Sono la chiave per affrontare questa, come altre, sfide sociali.
Il dibattito
1 sett
Predazioni da lupo in Ticino: situazione giunta al limite della sopportabilità
Il tempo del buonismo e delle mezze verità è finito. Siamo ad una svolta e chi dice il contrario, con le solite false teorie, mente spudoratamente a sè stesso e alla comunità
Il dibattito
1 sett
Mendrisiotto: sono tornate le cicale
Meditate gente, perché tutte queste piccole cose portano alla scomparsa di insetti, poi anche il cambiamento climatico è foriero di cattive notizie per la flora e la fauna nostrana.
I dibattiti
2 sett
La morte del cane Sturn, 'attacchi e calunnie sui social'
I dibattiti
2 sett
Perché una rendita ad un ex consigliere federale?
Un ministro deve impegnarsi e lavorare senza timori sul suo futuro, senza la preoccupazione di reperire un’occupazione qualsiasi, non appena terminato il mandato!
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile