laRegione
locarno-terra-d-artisti
Critiche all'arredo della Piazza Grande (Ti-Press)
I dibattiti
17.06.20 - 15:520
Aggiornamento : 16:15

Locarno: terra d'artisti?

Nell’ambito della recente votazione in Gran consiglio del credito di 3,4 milioni a sostegno del Locarno Film Festival sui media abbiamo assistito a una serie di giustificati elogi dell’operato di Marco Solari a favore di questa importantissima rassegna che trova il suo epicentro in Piazza Grande a Locarno.

Va ricordato che, in qualità di direttore dell’ente turistico cantonale, Marco Solari era anche stato l’artefice di una svolta epocale per quanto concerne l’immagine del Ticino. Chi ha una certa età ben si ricorda dell’ottimo slogan degli anni ’80 “Ticino: terra d’artisti”, slogan che era sostenuto da un meraviglioso manifesto creato da Orio Galli che coniugava il passato (degli affreschi romanici) al presente (la casa rotonda di Mario Botta). Slogan e manifesto che di una visione pittoresca del Ticino all’insegna di boccalini e zoccolette facevano… piazza pulita.

Ora, proprio in Piazza Grande a Locarno possiamo assistere a un “revival” di questa visione superata del nostro Cantone: una serie di sedute rustiche e di alberature posate in contenitori di variegata foggia (tra le quali non poteva mancare qualche palma) sono sparpagliate qua e là facendo bella mostra di sé.

Il tutto fa pensare a uno strano ostinarsi a credere che “i nostri amici confederati” possano essere ancora attirati da un Ticino finto rustico e agreste. Basterebbe varcare ogni tanto le Alpi e andare a vedere come vengono arredati gli spazi pubblici nel resto della Svizzera per capire che non è così. Forse il responsabile di questa “istallazione provvisoria” si è ispirato a qualche arredo anni ’70 che tenacemente resiste ancora oggi in Piazza? (Pensiamo a certe sedie di plastica marrone e a certe tovaglie sintetiche raffiguranti esotici bouquet di fiori…). Forse il promotore dell’opera ha stabilito che tali elementi rappresentano il vero genius loci di Piazza Grande?

C’è da augurarsi che si tratti di un ultimo inciampo sulla via della sistemazione definitiva della Piazza e dei suoi spazi adiacenti, ora oggetto, fortunatamente, di un concorso d’architettura a livello internazionale.

Piazza Grande è il luogo pubblico più importante del Locarnese (non un giardino privato da arredare a proprio gusto e piacimento) e pertanto merita più rispetto, anche quando si tratta di fare una “piccola” sistemazione provvisoria.

Guarda le 2 immagini
ULTIME NOTIZIE I dibattiti
Se ne parlava con un amico
3 gior
La pasegiada
Amico mio, ta sa regordat cusè che...
Il dibattito
3 gior
Lotta alle mafie: nessuno sconto
Tutti i partiti, e tutti i livelli istituzionali hanno dato un solo messaggio: in Svizzera certe cose non siamo disposti a tollerarle!
Il dibattito
5 gior
Tra parole importanti, strumentalizzate e omesse
No a timore, astio, denunce, segnalazioni. Sì a unità, dialogo, senso di collettività, di responsabilità. Sono la chiave per affrontare questa, come altre, sfide sociali.
Il dibattito
1 sett
Predazioni da lupo in Ticino: situazione giunta al limite della sopportabilità
Il tempo del buonismo e delle mezze verità è finito. Siamo ad una svolta e chi dice il contrario, con le solite false teorie, mente spudoratamente a sè stesso e alla comunità
Il dibattito
1 sett
Mendrisiotto: sono tornate le cicale
Meditate gente, perché tutte queste piccole cose portano alla scomparsa di insetti, poi anche il cambiamento climatico è foriero di cattive notizie per la flora e la fauna nostrana.
I dibattiti
1 sett
La morte del cane Sturn, 'attacchi e calunnie sui social'
I dibattiti
1 sett
Perché una rendita ad un ex consigliere federale?
Un ministro deve impegnarsi e lavorare senza timori sul suo futuro, senza la preoccupazione di reperire un’occupazione qualsiasi, non appena terminato il mandato!
Il ricordo
1 sett
Questo mi ha insegnato Gualtiero
Mi auguro che, mentre ci stavi lasciando, in cuor tuo ci sia stata una piccola traccia del tuo sorriso ironico, e che il brano che hai scelto per accompagnare il tuo passo ti abbia aiutato a non renderlo per niente pesante
I dibattiti
2 sett
La Mappo-Morettina è pericolosa?
Se non rispetta i criteri di sicurezza dobbiamo insistere che la si adegui al più presto. Ma abbiamo anche i mezzi per evitare aumenti di traffico
Sguardo a nord
3 sett
I nuovi mattacchioni
I cliché sugli svizzeri tedeschi noiosi e privi di fantasia? Da scordare! Leggete...
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile