laRegione
non-demonizziamo-la-polizia
Il dibattito
16.06.20 - 16:150

Non demonizziamo la polizia

L’agire dell’agente americano è assolutamente da condannare in maniera severa, ma non si cada nel tranello di una pericolosa generalizzazione

L’agire dell’agente americano è assolutamente da condannare in maniera severa, così come l’agire di coloro che si comportano come lui (la cronaca delle ultime ore ci riferisce purtroppo di altri fatti analoghi). Come già ufficiale della Polizia cantonale, non voglio qui disquisire sulle capacità o meno delle forze dell’ordine statunitensi di fronteggiare l’ordine pubblico, e in particolare le proteste di piazza, ma mi preme ricordare che nel mondo vi sono milioni di donne e uomini che vestono la divisa di poliziotto che si comportano in modo proporzionale e corretto. Non si cada quindi nel tranello si una pericolosa generalizzazione.

In Francia in questi giorni centinaia di poliziotti hanno dimostrato davanti ai commissariati abbandonando a terra le manette. Un gesto simbolico che però è significativo di una certa demotivazione che potrebbe insinuarsi in un agente di polizia che si vede confrontato con un arresto. Posso assicurare che ammanettare una persona che oppone resistenza è compito estremamente problematico.

In Svizzera nel 2019 sono stati quasi 3000 i casi di violenza contro funzionari, la maggior parte dei quali nei confronti di agenti di polizia. Si può quindi immaginare quale sia lo stato di stress con il quale sono confrontati quotidianamente i nostri tutori dell’ordine. Finalmente anche le Camere federali hanno deciso di completare il Codice Penale Svizzero per combattere questi ripetuti atti di violenza. Già il 2.10.2013 chi scrive a nome del gruppo PLR aveva proposto, mediante un’iniziativa cantonale all’indirizzo delle Camere federali, di rivedere al rialzo le pene inflitte ai colpevoli di violenza contro i funzionari.

Non potevo per finire non citare la grottesca storia delle teste di moro o moretti che dir si voglia, che è legata alla vicenda del poliziotto americano. Ma quali “reati” avranno mai commesso questi simpatici e gustosi dolcetti (ancora più apprezzati quando ricoperti dalla nostra amata bandiera) per volerli bandire dagli scaffali! 

ULTIME NOTIZIE I dibattiti
Se ne parlava con un amico
3 gior
La pasegiada
Amico mio, ta sa regordat cusè che...
Il dibattito
3 gior
Lotta alle mafie: nessuno sconto
Tutti i partiti, e tutti i livelli istituzionali hanno dato un solo messaggio: in Svizzera certe cose non siamo disposti a tollerarle!
Il dibattito
5 gior
Tra parole importanti, strumentalizzate e omesse
No a timore, astio, denunce, segnalazioni. Sì a unità, dialogo, senso di collettività, di responsabilità. Sono la chiave per affrontare questa, come altre, sfide sociali.
Il dibattito
1 sett
Predazioni da lupo in Ticino: situazione giunta al limite della sopportabilità
Il tempo del buonismo e delle mezze verità è finito. Siamo ad una svolta e chi dice il contrario, con le solite false teorie, mente spudoratamente a sè stesso e alla comunità
Il dibattito
1 sett
Mendrisiotto: sono tornate le cicale
Meditate gente, perché tutte queste piccole cose portano alla scomparsa di insetti, poi anche il cambiamento climatico è foriero di cattive notizie per la flora e la fauna nostrana.
I dibattiti
1 sett
La morte del cane Sturn, 'attacchi e calunnie sui social'
I dibattiti
1 sett
Perché una rendita ad un ex consigliere federale?
Un ministro deve impegnarsi e lavorare senza timori sul suo futuro, senza la preoccupazione di reperire un’occupazione qualsiasi, non appena terminato il mandato!
Il ricordo
1 sett
Questo mi ha insegnato Gualtiero
Mi auguro che, mentre ci stavi lasciando, in cuor tuo ci sia stata una piccola traccia del tuo sorriso ironico, e che il brano che hai scelto per accompagnare il tuo passo ti abbia aiutato a non renderlo per niente pesante
I dibattiti
2 sett
La Mappo-Morettina è pericolosa?
Se non rispetta i criteri di sicurezza dobbiamo insistere che la si adegui al più presto. Ma abbiamo anche i mezzi per evitare aumenti di traffico
Sguardo a nord
3 sett
I nuovi mattacchioni
I cliché sugli svizzeri tedeschi noiosi e privi di fantasia? Da scordare! Leggete...
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile