laRegione
24.01.23 - 14:57
Aggiornamento: 19:40

Telelavoro e frontalieri, sindacati italiani ‘preoccupati’

Le organizzazioni sindacali chiedono che, dopo la fine dell’accordo il 1° febbraio 2023, il tema sia regolamentato per evitare l’aumento della tassazione

Ats, a cura di Red.Web
telelavoro-e-frontalieri-sindacati-italiani-preoccupati
Keystone

Le organizzazioni sindacali italiane Cgil, Cisl e Uil esprimono in una nota "forte preoccupazione" per la disdetta dell’accordo amichevole sul lavoro a distanza dei lavoratori frontalieri dal 1° febbraio 2023. L’accordo, sottoscritto da Italia e Svizzera nel giugno 2020, nella fase più acuta della pandemia, regolarizzava da un punto di vista dell’imposizione fiscale tutti i frontalieri che lavoravano da casa.

Per i sindacati italiani, la disdetta dell’accordo "determinerà che l’imposizione fiscale nel Paese di residenza faccia venir meno lo status di frontaliere secondo le normative vigenti, con il conseguente incremento della tassazione sul salario" e "produrrà un disallineamento con la normativa sugli oneri sociali per lavoratori e imprese". Cgil, Cisl e Uil sottolineano infatti che "l’Ue ha, al contrario, prorogato fino al 30 giugno 2023 l’applicazione flessibile delle regole europee sulla legislazione (...) in materia di assicurazioni sociali per i lavoratori frontalieri in telelavoro rispetto al superamento della soglia del 25% del tempo di lavoro effettuato a distanza". "Riteniamo sia urgente – conclude la nota – che i governi aprano una celere discussione che permetta di intervenire in maniera strutturale sul tema del lavoro a distanza garantendo una regolamentazione strutturale e (...) perlomeno una nuova proroga allineata alle disposizioni contributive".

Lo scorso 22 dicembre l’Amministrazione federale delle contribuzioni aveva annunciato che l’accordo tra Italia e Svizzera sul telelavoro non sarà prorogato dopo la scadenza prevista il prossimo 31 gennaio. In seguito a questa decisione, le associazioni imprenditoriali e sindacali ticinesi hanno scritto alla Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali (SFI) affinché Berna proroghi l’accordo sul telelavoro per i dipendenti frontalieri attivi in Svizzera. Nella sua risposta la SFI ha confermato alle parti sociali ticinesi la disponibilità da parte elvetica a ridiscutere con l’Italia eventuali "regole speciali per l’imposizione del telelavoro". Dal canto suo, ieri nel corso di un convegno a Sondrio (Valtellina), il ministro italiano dell’Economia Giancarlo Giorgetti ha dichiarato che Roma sta studiando un "premio fiscale di confine" per consentire ai lavoratori e alle imprese italiane di "scegliere se lavorare in Italia o in Svizzera".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
4 ore
Milano, per gas e luce 30 milioni di euro in più
Già l’anno scorso il capoluogo lombardo aveva dovuto far fronte a un aumento di 70 milioni di euro. E per li 2023 il caro-bollette si farà ancora sentire
Italia
8 ore
Milano capitale italiana per numero di furti
Se ne registrano quasi tremila ogni centomila abitanti. Pure in aumento, nel capoluogo lombardo, il numero di femminicidi
Estero
10 ore
Lavoratrice in difficoltà, i colleghi le donano 170 ore di ferie
Per assistere la figlia gravemente malata, la donna aveva esaurito tutti i suoi congedi. Ora potrà assentarsi per un intero mese
Confine
10 ore
Tir carico di hashish, fra gli arrestati pure un ticinese
Al volante del mezzo c’era un 38enne ucraino, che avrebbe dovuto consegnare il carico a due complici, fra cui un 55enne di Bodio
Italia
13 ore
Tornano a circolare i treni sull’Adriatica
Graduale ritorno alla normalità sulla rete ferroviaria dopo che la circolazione era stata sospesa a seguito del terremoto che aveva interessato la zona
Nuova Zelanda
15 ore
Le piogge torrenziali fanno almeno tre morti ad Auckland
Il primo ministro neozelandese: ‘Il livello di devastazione in alcune aree è considerevole’. C’è anche un disperso
Italia
15 ore
La terra trema ancora nel Cesenate, treni fermi
Dopo la scossa registrata all’alba, la circolazione ferroviaria in Romagna è stata precauzionalmente sospesa
gerusalemme
1 gior
La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga
Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
1 gior
Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio
Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
1 gior
Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele
Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
© Regiopress, All rights reserved