laRegione
07.10.22 - 17:07

L’Onu monitorerà la repressione in Russia

È la prima volta che Mosca è presa di mira da un testo riguardante la situazione dei diritti umani nel Paese.

Ats, a cura di Red.Web
l-onu-monitorera-la-repressione-in-russia
Keystone

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha deciso per la prima volta di monitorare la repressione degli oppositori in Russia e la situazione dei diritti nel Paese. I 47 Stati membri del Consiglio hanno adottato una risoluzione in tal senso, proposta da tutti i Paesi membri dell’Unione Europea con l’eccezione dell’Ungheria, con 17 voti a favore. 24 Paesi si sono astenuti e 6 hanno votato contro, tra cui la Cina.

È la prima volta che Mosca è presa di mira da un testo riguardante la situazione dei diritti umani nel Paese.

Oltre alla Cina, hanno votato contro anche Cuba e il Venezuela. Prima del voto, l’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite a Ginevra, Gennady Gatilov, ex vice ministro degli Esteri russo, ha criticato il testo e ha accusato "i Paesi occidentali di usare il Consiglio per scopi politici". Mosca, che ha lasciato il Consiglio quando l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato per la sua espulsione qualche mese fa a causa dell’invasione dell’Ucraina, ha comunque lo status di osservatore e come tale può intervenire nel Consiglio.

La risoluzione, adottata in occasione del 70esimo compleanno del Presidente russo Vladimir Putin, decide di nominare un relatore speciale per monitorare "la situazione dei diritti umani" per un periodo di un anno. Dovrà "raccogliere, esaminare e valutare le informazioni pertinenti provenienti da tutte le parti interessate, compresa la società civile russa, sia all’interno che all’esterno del Paese".

"Per anni abbiamo assistito a un continuo deterioramento della situazione dei diritti umani nella Federazione Russa, che si è accelerato negli ultimi mesi", ha dichiarato l’ambasciatore lussemburghese Marc Bichler, presentando il testo al Consiglio. "Le recenti leggi volte a soffocare i media indipendenti e le organizzazioni ‘indesiderate’, le dure sanzioni per chiunque metta in discussione il governo o il gran numero di persone arrestate in occasione di manifestazioni, sono alcuni esempi recenti di una politica sistematica di repressione", ha affermato.

"Chi può seriamente dubitare che la situazione dei diritti umani in Russia si stia gravemente deteriorando?", ha dichiarato l’ambasciatore francese Jérôme Bonnafont al Consiglio. "L’assegnazione questa mattina del Premio Nobel per la pace a due Ong russe e ucraine e a un attivista bielorusso è un segno della crescente attenzione e preoccupazione per una pericolosa deriva", ha aggiunto. Il Consiglio ha già avviato a maggio un’inchiesta di alto livello sulle violazioni delle truppe russe in Ucraina. E sono cresciute le pressioni, soprattutto da parte delle Ong, affinché l’organismo si occupi anche delle violazioni dei diritti umani in Russia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia
Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
3 ore
Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana
L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
9 ore
L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio
Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
10 ore
La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘un grande marxista e leader’
Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
18 ore
Kiev attacca in Russia: colpite due basi
Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
19 ore
Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’
I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Russia
1 gior
‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce
Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Estero
1 gior
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
la guerra in ucraina
1 gior
Bombe russe a Zaporizhzhia, colpito centro oncologico a Kherson
‘Base russa in costruzione a Mariupol’. Putin andrà a fare una visita nel Donbass
Estero
1 gior
Snowden ha preso il passaporto russo
L’esperto informatico, nel 2013, decise di desecretare in autonomia migliaia di documenti top secret del suo Paese, gli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved