laRegione
la guerra in ucraina
20.09.22 - 22:19
Aggiornamento: 23:03

A Mosca pene più severe per i disertori

Tornano le voci sulla mobilitazione generale e un attacco su larga scala, intanto crolla la Borsa

Ansa, a cura di Red.Estero
a-mosca-pene-piu-severe-per-i-disertori
Parata militare russa (Keystone)

Sale la tensione a Mosca mentre le voci di una possibile mobilitazione generale tornano a diffondersi tra la popolazione. Ad alimentarle è stata l’approvazione della Duma di emendamenti al codice penale che prevedono un inasprimento delle pene, in particolare per disertori o renitenti alla leva, nel caso di "mobilitazione", "legge marziale", "tempo di guerra" e "conflitto armato". Tutti termini che fanno pensare a un possibile salto di livello nella cosiddetta operazione speciale in Ucraina, con il necessario ricorso a una maggiore forza militare.

La senatrice Olga Kovitidi, tra i parlamentari che hanno presentato gli emendamenti, ha tenuto a sottolineare che essi "non significano che ci sarà una mobilitazione". Un’eventualità scartata nei giorni scorsi da qualche altro suo collega. Ma alcuni deputati avevano già ventilato questa possibilità. E ora la coincidenza tra l’iniziativa legislativa e l’annuncio di referendum nel fine settimana nei territori filorussi dell’Ucraina per l’unione alla stessa Russia vengono interpretati da alcuni media indipendenti come due manifestazioni della stessa volontà di rafforzare l’impegno militare di Mosca a protezione di territori che, una volta annessi, dovrebbero essere difesi a ogni costo.

"Vittoria o guerra nucleare"

A rassicurare gli animi non servono certo alcune dichiarazioni di personalità vicine al Cremlino. È il caso di Margarita Simonyan, caporedattore di Russia Today, l’emittente internazionale finanziata dallo Stato. "A giudicare da ciò che sta accadendo e sta ancora per accadere - ha affermato la giornalista in un messaggio su Telegram - questa settimana segna la vigilia della nostra imminente vittoria o la vigilia della guerra nucleare. Non riesco a vedere una terza possibilità".


Reclute russe e Urussyirsk nell’estremo est del Paese (Keystone)

E a confermare i timori di un conflitto su più larga scala è stato il tracollo della Borsa di Mosca seguito all’annuncio sui referendum ucraini, con gli indici Moex e Rts che hanno perso il 10% prima di ridurre le perdite poco sotto il 5% nel pomeriggio.

Nonostante le assicurazioni della senatrice Kovitidi, è difficile non vedere negli emendamenti al codice penale approvati dalla Duma un prodromo se non a una mobilitazione generale quanto meno a un impegno militare rafforzato in Ucraina.

Le nuove leggi

Le nuove disposizioni di legge, che devono ora passare al voto del Consiglio della Federazione, cioè il Senato russo, prima di essere promulgate dal presidente Vladimir Putin, prevedono tra l’altro pene dai 5 ai 10 anni di reclusione per "abbandono non autorizzato di una unità o posto di servizio" o per "la mancata presentazione" in servizio per un periodo di oltre un mese. Tutto ciò, appunto, "durante un periodo di mobilitazione o legge marziale, in tempo di guerra o in situazioni di conflitto armato o conduzione di ostilità". Si prevedono inoltre pene fino a 5 anni di reclusione per la distruzione di armi in tempo di guerra e fino a 15 anni per azioni di saccheggio durante la legge marziale.

Il sito indipendente Meduza, che cita alcuni "interlocutori vicini al Cremlino", afferma che all’interno della cerchia del potere il cosiddetto "partito della guerra", favorevole a una escalation nel conflitto in Ucraina, avrebbe avuto la meglio su chi predica maggiore prudenza, riuscendo a convincere Putin a espandere l’iniziativa militare. Tra questi ‘falchi’ le stesse fonti citano il segretario generale del partito Russia Unita, Andrei Turchak, e l’ex presidente Dmitry Medvedev, che sarebbero riusciti a influenzare Putin attraverso alcuni responsabili degli apparati di sicurezza, tra i quali il capo della Guardia nazionale, Viktor Zolotov, convinti della necessità di una mobilitazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
41 min
Marco Cappato si autodenuncia per la morte di un malato di Sla
L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
2 ore
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
6 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
13 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
2 gior
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
© Regiopress, All rights reserved