laRegione
Gran Bretagna
20.09.22 - 19:18
Aggiornamento: 19:38

Il Day After del Regno, inizia il futuro senza Elisabetta

Gli inglesi guardano al nuovo re, Carlo III, che deve affrontare una successione non certo agevole visto il ruolo storico della madre

Ats, a cura di Red.Web
il-day-after-del-regno-inizia-il-futuro-senza-elisabetta
Keystone
Arriva il King

L’epoca della regina Elisabetta II si è definitivamente chiusa e il Regno Unito si è risvegliato con molte più domande che certezze su un futuro che appare difficile sotto molti aspetti.

Si torna alla normalità, dopo il periodo di lutto nazionale e il lungo addio alla sovrana più longeva della storia britannica, ben rappresentato dalle 250mila persone che secondo le stime si sono messe in fila per rendere omaggio al suo feretro e culminato ieri nei solenni funerali di Stato di Londra e nella sepoltura a Windsor, ma anche alla dura realtà, fatta di incognite come la crisi del caro vita, il rischio recessione e le bollette energetiche insostenibili per milioni di famiglie.

The Show must go on

Il giorno dopo comincia così senza più il punto di riferimento simbolico ma solido di Elisabetta e col nuovo re, Carlo III, che deve affrontare una successione non certo agevole visto il ruolo storico della madre. Per di più lo fa dopo una lunga attesa, a 73 anni di età, in quello che è un passaggio complicato e rischioso per la stessa monarchia. Mentre il Paese, nonostante ancora manifestazioni di omaggio alla sovrana in alcuni locali pubblici e qua e là per le strade, ha dovuto riprendere il suo "business as usual" e le bandiere non sono più a mezz’asta a Westminster e negli altri edifici istituzionali.

La famiglia reale invece, come annunciato in precedenza, rimarrà in lutto per un’altra settimana. Carlo insieme alla regina consorte Camilla è volato in Scozia per trascorrere qualche giorno lontano dai riflettori nel castello di Balmoral, dove la regina è morta l’8 settembre. Ieri nel corso dei solenni funerali di Stato era apparso commosso, quanto a tratti turbato o assorto. E questo non poteva che sollevare fin da subito fra gli osservatori diversi interrogativi sul futuro del suo Regno e sulla capacità di avere lo stesso ruolo autorevole e unificante della madre.

Ondata d’amore per la regina

I giornali continuano a riservare inni d’apertura a tutta pagina di saluto a Elisabetta. Il Telegraph evoca "l’ondata d’amore" alla sua memoria, espresso da larghi strati della popolazione a margine dello "splendore e della solennità" delle cerimonie di commiato di ieri davanti ai potenti della Terra. Il Times fa eco descrivendo l’organizzazione come "impeccabile". E anche il progressista Guardian s’inchina "al congedo finale" dalla regina, congedo che per il liberale segna "la fine dell’era elisabettiana" bis.

Persino l’edizione britannica del solitamente paludato Financial Times è dominata dalle esequie reali: con un richiamo al "raro spirito di servizio" di Elisabetta II, ripreso pari pari dal sermone di una delle ultime liturgie. Lirici, o addirittura mistici, infine, i toni dei tabloid della stampa popolare: "Dio benedica la Regina, Dio salvi il Re", titola il Sun; "Che la nostra Regina riposi in Dio", intona il Daily Express; "Ci rivedremo", conclude il filo-laburista Mirror.

Un’ondata d’affetto nei confronti dei reali che però non è illimitata e non riguarda tutti i britannici. Si muove infatti il fronte degli anti-monarchici e della minoranza che ha qualche riserva sui Windsor con una polemica sui costi dei funerali della sovrana, sostenuti dai contribuenti. E si guarda già avanti, all’incoronazione solenne di Carlo III che dovrebbe avvenire l’anno prossimo, anche se non c’è ancora una data ufficiale. Proprio per evitare eventuali critiche, secondo i media la corte pensa a una cerimonia in cui si contengano le spese e lo sfarzo, capace di rappresentare una monarchia sobria e moderna in tempi duri per i sudditi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Inondazioni e terremoti presentano il conto
Danni a seguito di catastrofi naturali per 260 miliardi di dollari l’anno scorso: cifre in calo rispetto al 2021, ma superiori alla media decennale
Messico
13 ore
‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’
In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
15 ore
Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone
Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
15 ore
Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare
Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
16 ore
Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne
A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
17 ore
Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie
Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
17 ore
Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto
Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
17 ore
Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino
Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
20 ore
Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio
Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
21 ore
La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia
L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
© Regiopress, All rights reserved