laRegione
02.09.22 - 20:59

L’Aiea resta a Zaporizhzhia

Dopo aver lanciato l’allarme sulle condizioni di sicurezza della centrale nucleare, lascerà due ispettori di stanza fissa

Ansa, a cura di Red.Estero
l-aiea-resta-a-zaporizhzhia
(Keystone)

Alla fine l’ha spuntata l’Aiea. Dopo aver lanciato l’allarme sulle condizioni di sicurezza a Zaporizhzhia, denunciando che "l’integrità fisica della centrale" nucleare più grande d’Europa "è stata ripetutamente violata" in questi mesi di guerra in Ucraina, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha ottenuto di poter lasciare stabilmente due dei suoi ispettori nell’impianto, al termine della prima missione di monitoraggio, che si concluderà tra domenica e lunedì. Una "presenza permanente" auspicata con forza dal direttore generale dell’ente, Rafael Grossi, che ha ottenuto l’ok da Mosca, dopo che i filorussi che da inizio marzo controllano la struttura erano a lungo apparsi restii ad ammettere figure esterne, ostacolando fino all’ultimo l’arrivo degli esperti dell’Onu attraverso il territorio controllato da Kiev.

"Due persone rimarranno nell’impianto su base permanente. Lo apprezziamo, poiché la presenza internazionale è chiamata a dissipare numerose speculazioni sullo stato delle cose", ha spiegato Mikhail Ulyanov, rappresentante permanente della Russia presso le organizzazioni internazionali a Vienna, tra cui l’Aiea. Entro lunedì lasceranno invece l’impianto i 5-6 ispettori rimasti per "indagare più a fondo" sulla situazione, dopo la partenza degli altri membri della delegazione di 14 esperti arrivata giovedì. Nel frattempo, dopo poco più di 24 ore, è stato riattivato il reattore numero 5, spento dal sistema d’emergenza dopo i raid nelle vicinanze.

Continua il braccio di ferro

Sull’esito della missione continua però il braccio di ferro tra le parti. Dopo aver richiesto una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu con la partecipazione proprio del capo dell’Aiea, Mosca ha insistito sull’importanza di comunicare "alla comunità internazionale" quanto scoperto dai tecnici, che hanno "avuto accesso dovunque abbiano voluto". Da inizio luglio le forze ucraine, "usando armamenti occidentali, attaccano regolarmente la centrale", creando "un rischio reale di disastro nucleare in Europa", ha denunciato il ministro della Difesa Serghei Shoigu. E solo all’arrivo dei tecnici dell’Onu, hanno sottolineato i filorussi, Kiev ha smesso di bombardare.

Accuse rispedite al mittente dagli ucraini, secondo cui "gli occupanti" hanno fatto "ogni sforzo per impedire alla missione dell’Aiea di conoscere il reale stato delle cose nella centrale", diffondendo "manipolazioni e false informazioni". Nell’area di Zaporizhzhia, in ogni caso, gli scontri sono proseguiti, compresi i raid nel distretto di Energodar, la cittadina che ospita l’impianto, mentre Kiev ha rivendicato di aver colpito sistemi militari nemici.

Intanto, sul conflitto ormai entrato nel settimo mese, con gli sforzi di Kiev sempre più concentrati sulla controffensiva a sud nella regione di Kherson, tornano ad alzarsi i toni tra Mosca e Washington. "Mettiamo in guardia gli Usa dal fare passi provocatori, compresa la fornitura all’Ucraina di armi di sempre più lunga gittata e più distruttive", ha detto il viceministro degli Esteri russo Serghei Ryabkov, affermando che c’è ormai solo una "sottilissima linea a separare gli Stati Uniti dal diventare una parte in conflitto" e "le sfacciate forze antirusse non devono illudersi che tutto rimarrà immutato, una volta che quella linea sarà stata superata".

Nel frattempo, continuano a farsi sentire anche gli effetti geopolitici della guerra, compreso l’ulteriore avvicinamento tra Russia e Cina. A partire da domenica, Vladimir Putin sarà in viaggio nell’estremo oriente russo - dalla Kamchatka a Vladivostok - per partecipare a diversi incontri economici e supervisionare la fase finale delle maxiesercitazioni militari Vostok 2022 (Est 2022), cui partecipano circa 50 mila soldati, 140 aerei da combattimento e 60 unità navali. Manovre a cui Pechino ha inviato un’imponente delegazione militare, con oltre duemila soldati e 300 mezzi, e, per la prima volta a un ciclo di operazioni a guida russa, rappresentanze di Esercito, Marina e Aeronautica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
stati uniti
26 sec
NIkki Haley sfida Trump alla Casa Bianca
Atteso per il 15 febbraio l’annuncio ufficiale dell’ex ambasciatrice all’Onu. Intanto l’Fbi torna dall’ex presidente per i documenti top secret
stati uniti
5 min
Afroamericano in sedia a rotelle ucciso dalla polizia
Shock a Los Angeles,10 colpi contro l’uomo con le gambe amputate
Estero
2 ore
Con un vitello sulla Piazza Rossa, 13 giorni di carcere
La giovane fermata a Mosca, attivista per i diritti degli animali, condannata per aver resistito all’arresto: sulla Piazza è vietata ogni manifestazione
Confine
4 ore
Verso l’Italia con una pistola e 11mila euro, fermato a Brogeda
A carico del conducente di un’autovettura è scattata la segnalazione e il sequestro dell’arma, oltre alla contestazione per la valuta non dichiarata
Stati Uniti
8 ore
Colpo partito sul set di Rust, incriminato formalmente Baldwin
L’attore sparò con una pistola di scena convinto che fosse caricata a salve e colpì la direttrice della fotografia.
Estero
8 ore
Il Senato italiano approva l’accordo fiscale sui frontalieri
Unanimità quasi totale, con un solo astenuto e nessun voto contrario: passa ora alla Camera dove il sì appare scontato. Discusso anche il nodo telelavoro
Oceania
10 ore
Australia, ritrovata la capsula radioattiva
Le ricerche della capsula erano cominciare a metà gennaio, quando era stata smarrita durante il trasporto su un camion da una miniera
reportage dal myanmar
14 ore
La guerra nascosta a due anni dal golpe
Le vittime degli scontri tra i ribelli e i soldati curate in centri clandestini. Non si può nemmeno studiare, le scuole sono prese di mira dai militari
Estero
21 ore
Trovati morti in Spagna un uomo e una donna, forse svizzera
Possibile femminicidio-suicidio in un’abitazione nella località di La Línea de la Concepción (Cadice)
la guerra in ucraina
23 ore
Biden chiude agli F16, ma Kiev insiste: ‘Ne servono 200’
Dopo la Germania e gli Usa si accoda anche Londra. Mattarella: ‘Gli aiuti militari servono a far cessare la guerra’
© Regiopress, All rights reserved