laRegione
02.09.22 - 18:38
Aggiornamento: 20:50

Gorbaciov, curatore fallimentare dell’Urss?

Con Daniel Ursprung, docente e ricercatore in Storia dell’Europa orientale a Zurigo, parliamo dell’operato dell’ultimo segretario generale del Pcus

di Sophie Regina Blonk
gorbaciov-curatore-fallimentare-dell-urss
Keystone

Una grande potenza sempre più malandata, un ultimo leader – Mikhail Gorbaciov – che nel tentativo di riformarla ne sarà il curatore fallimentare. Ma cosa possiamo dire, col senno di poi, dell’operato dell’ultimo segretario generale del Pcus? Abbiamo girato la domanda a Daniel Ursprung, docente e ricercatore in Storia dell’Europa orientale all’Università di Zurigo.

Perestrojka e glasnost

Nel marzo 1985, quando Gorbaciov diventò Segretario Generale del Partito Comunista alla morte di Konstantin Chernenko, "l’ideologia comunista aveva perso gran parte del suo potere persuasivo, anche tra i membri del Partito Comunista", ricorda Ursprung. "Gorbaciov, tuttavia, voleva salvare il sistema attraverso una riforma: lanciò così il programma incentrato su perestrojka (ristrutturazione) e glasnost (apertura) per far uscire il Paese dalla stagnazione politica ed economica". Un programma del quale lo stesso Gorbaciov, nel 2009, dirà all’agenzia di stampa Reuters: "La mia politica era aperta e sincera, una politica che mirava a usare la democrazia e non a versare sangue. Ma questo mi è costato molto caro, posso dirlo".

Cantiere democratico

Secondo Ursprung "l’apertura della glasnost è da interpretare in modo più ampio: è stata vista anche come un canale per la libertà di parola, per la crescente libertà di stampa e quindi anche per le critiche alla leadership – spesso difettosa – dell’Unione Sovietica". Ma nel 1989 Gorbaciov si spinse oltre: "Ha organizzato le elezioni più libere della storia dell’Unione Sovietica", ci spiega Ursprung. Certo, non erano ancora ammessi altri partiti e la maggior parte dei seggi del Parlamento sovietico rimaneva riservata ai comunisti; tuttavia, alcuni seggi erano aperti a candidati indipendenti.

La campagna elettorale venne trasmessa dalla televisione sovietica. Il famoso dissidente e scienziato nucleare Andrei Sakharov – al quale era stato permesso il rientro da un lungo esilio – e altri avevano chiesto a Gorbaciov, davanti a 100 milioni di spettatori, di porre fine al monopolio del potere del Partito Comunista. Gorbaciov non impedì la richiesta, anche se questa apertura "non era nelle sue intenzioni fin dall’inizio. Nel 1985 l’obiettivo delle riforme era più contenuto e nessuno si sarebbe potuto immaginare tale esito. Questa era anche la debolezza di Gorbaciov: più andava avanti nel suo percorso politico, più doveva scendere a compromessi con tutte le parti. Proprio questo", aggiunge Urspung, "lo ha portato a fallire. Ha sottovalutato le conseguenze del consenso dato all’apertura democratica senza riuscire a prevenire quello che sarebbe successo. Si è lasciato investire dagli sviluppi".

Lo smantellamento dell’Urss

Non fu comunque Gorbaciov in persona, ma un tentato colpo di Stato di membri conservatori del partito che si erano allontanati da lui a mettere in moto nell’agosto 1991 gli eventi che segnarono la fine dell’Unione Sovietica.

In quell’anno ormai, secondo Ursprung, "La Russia era solo una delle 15 repubbliche costituenti l’Unione Sovietica. Per tutto un periodo sia Boris Eltsin, in Russia, che Gorbaciov, nell’Unione Sovietica, erano al potere. Quando Eltsin è stato eletto come presidente nel 1991, Gorbaciov era ancora al potere nell’Unione Sovietica", precisa Ursprung sottolineando il paradosso di un potere che si stava rivelando sempre più bicefalo, fino alla resa dei conti.

Fu infatti proprio Eltsin – rivale di Gorbaciov che fino a lì aveva seguito un’ondivaga ascesa politica – a sventare il colpo di Stato che i veterocomunisti del Pcus cercarono di portare a compimento, mentre Gorbaciov si trovava nella sua casa di campagna in Crimea. Eltsin invitò alla resistenza contro i golpisti, che fermò issandosi lui stesso su un carro armato di fronte al Cremlino: il fatto che nessuno gli sparasse fu il segno che l’esercito si era unito a lui. A quel punto il destino dell’Unione Sovietica era praticamente segnato. "Era tramite lo smantellamento dell’Urss che Boris Eltsin, il futuro presidente della nuova Federazione Russa, intendeva abbattere Gorbaciov. La speranza era che la Russia continuasse a essere una potenza egemone nello spazio post-sovietico", spiega Ursprung. In quell’anno lo stesso Gorbaciov avrebbe annunciato ai suoi cittadini la dissoluzione dell’Urss, lasciando a Natale, in diretta televisiva, una poltrona che ormai non esisteva più. Il resto – dalla crisi nera degli anni 90 al virulento revanscismo dell’era Putin – continua a riempire le pagine delle cronache, quasi si rifiutasse di diventare storia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
14 ore
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
14 ore
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
14 ore
Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27
Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
14 ore
Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino
L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
14 ore
La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis
Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
19 ore
‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’
Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Estero
1 gior
Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari
Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
oceania
1 gior
L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote
L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
1 gior
Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina
Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
1 gior
La Bce alza i tassi di mezzo punto
La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
© Regiopress, All rights reserved