laRegione
15.08.22 - 20:32
Aggiornamento: 21:23

Rushdie, l’Iran smentisce i legami con l’aggressione

I giornali conservatori del Paese islamico dipingono però l‘accoltellatore, che si è dichiarato non colpevole, come un uomo ’coraggioso e ligio al dovere’

Ansa / Ats, a cura di Red.Web
rushdie-l-iran-smentisce-i-legami-con-l-aggressione
Keystone
L’’autore dei “Versi Satanici”

"Smentiamo categoricamente" qualsiasi legame tra l’attentatore e l’Iran. E "nessuno ha il diritto di accusare la Repubblica islamica dell’Iran", ha dichiarato Nasser Kanani, portavoce del ministero degli esteri, nella sua conferenza stampa settimanale. Si tratta della prima reazione ufficiale di Teheran all’aggressione subita dal 75enne scrittore britannico-americano venerdì scorso sul palco di un centro culturale a Chautauqua, nello stato di New York, quando il 24enne Hadi Matar, uno statunitense di origine libanese, gli ha sferrato dieci coltellate.

"In questo attacco, solo Salman Rushdie e i suoi sostenitori meritano di essere biasimati e persino condannati. Insultando i sacri principi dell’Islam e superando le linee rosse di oltre un miliardo e mezzo di musulmani e di tutti i seguaci delle religioni divine, Salman Rushdie si è esposto alla rabbia e alla collera del popolo", ha notato il portavoce del ministero degli esteri iraniano. È "completamente contraddittorio", ha aggiunto, "condannare da un lato l’azione dell’aggressore e dall’altro assolvere l’azione di chi insulta le cose sacre e islamiche".

Ricoverato in ospedale con gravi ferite dopo l’accoltellamento, Salman Rushdie, 75 anni, sta un po’ meglio secondo i suoi parenti. Il suo agente Andrew Wylie ha dichiarato al Washington Post che "la strada verso la guarigione è iniziata". Salman Rushdie, nato nel 1947 in India da una famiglia di intellettuali musulmani non praticanti, aveva infiammato parte del mondo musulmano con la pubblicazione nel 1988 de "I versi satanici", un romanzo considerato dai più rigorosi come blasfemo nei confronti del Corano e del profeta Maometto. Nel 1989 il Grande ayatollah Ruhollah Mostafavì Mosavì Khomeynì (24 settembre 1902-Teheran 3 giugno 1989), fondatore della Repubblica islamica, aveva emesso una fatwa che chiedeva l’uccisione di Salman Rushdie, che ha poi dovuto vivere per anni sotto la protezione della polizia. La fatwa (che nel diritto islamico, corrisponde ai responsi del diritto romano) di Khomeyni contro lo scrittore non è mai stata revocata e molti dei suoi traduttori sono stati attaccati.

L’accoltellatore di Rushdie, accusato di "tentato omicidio e aggressione", si è dichiarato "non colpevole" tramite il suo avvocato. In Iran, il quotidiano ultraconservatore Kayhan si è congratulato con "quest’uomo coraggioso e ligio al dovere che ha attaccato l’apostata e vizioso Salman Rushdie". Javan, un altro giornale ultraconservatore, ha scritto che si trattava di un complotto degli Stati Uniti, che "probabilmente volevano diffondere l’islamofobia nel mondo".

Leggi anche:

Salman Rushdie è sulla via della guarigione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Marco Cappato si autodenuncia per la morte di un malato di Sla
L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
2 ore
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
7 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
13 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
2 gior
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
© Regiopress, All rights reserved