laRegione
11.08.22 - 07:46
Aggiornamento: 21:06

A processo uno dei quattro ‘Beatles’ dell’Isis

Aine Davis, britannico, è accusato di far parte di un gruppo di rapitori e assassini dello Stato Islamico ribattezzato come il quartetto di Liverpool

Ats, a cura di Red.Web
a-processo-uno-dei-quattro-beatles-dell-isis
Keystone

È l‘unico dei quattro terroristi britannici dell’Isis tristemente noti come ‘Jihadi Beatles’ che dopo essere stato ricercato da molte autorità, comprese quelle italiane, si trova ora ad affrontare la giustizia nel suo Paese. ’Jihadi Paul’, al secolo Aine Leslie Davis, ha un conto in sospeso con la giustizia del Regno Unito, che aveva emesso un mandato di cattura nei suoi confronti nel 2015, e ora è arrivato per lui il momento di pagarlo. Il 38enne originario del quartiere londinese di Hammersmith è stato formalmente accusato di terrorismo dopo l’arresto di ieri sera compiuto dagli agenti di Scotland Yard all’aeroporto di Luton. È tornato nel Regno dopo l’espulsione dalla Turchia, dove era stato arrestato nel 2015, ha scontato sette anni e mezzo di prigione (sempre per terrorismo) per poi esser rilasciato il mese scorso e trasferito in un centro di detenzione per immigrati.

Oggi è comparso davanti alla Westminster Magistrates’ Court di Londra, la stessa che sette anni fa aveva emesso il suo mandato di cattura e si è limitato a dire le sue generalità. È accusato di atti di terrorismo commessi nel 2014, quando insieme agli altri membri del gruppo, Mohammed Emwazi (Jihadi John), El Shafee Elsheikh (Jihadi George) e Alexanda Kotey (Jihadi Ringo), si rese responsabile dell’atroce uccisione di ostaggi occidentali, tra i quali i britannici Alan Henning e David Haines. I componenti della cellula erano stati ribattezzati ‘Jihadi Beatles’ per l’accento ‘british’ delle loro voci in alcuni feroci video dell’Isis di decapitazione di ostaggi. Il loro leader, Mohammed Emwazi, è stato ucciso in Siria in un attacco di droni statunitensi sette anni fa. Mentre gli altri due membri, El Shafee Elsheikh e Alexanda Kotey, dopo essere stati catturati in Siria, si trovano in carcere negli Usa.

Davis, che dopo la conversione all’Islam si è fatto chiamare Hamza, deve rispondere di diversi capi d’imputazione davanti alla giustizia britannica, fra cui possesso di un’arma da fuoco con finalità terroristiche e anche il coinvolgimento nel finanziamento dei jihadisti. Già sua moglie, Amal El-Wahabi, era stata la prima persona nel Regno a venir condannata nel 2014 per il tentativo di far arrivare denaro all’Isis, che era diretto al marito in Siria.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti d’America
8 ore
In Florida devastazione e milioni di persone senza elettricità
Gli effetti dell’uragano Ian, uno dei più violenti mai abbattutosi sugli Usa, con venti a 240 chilometri orari
il dopo-voto in italia
18 ore
Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’
Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
il voto contestato
19 ore
I separatisti ucraini da Putin: ‘Pronti all’annessione’
Lunedì la plenaria della Duma. L’Occidente condanna e manda armi. Kiev: i numeri dati da Mosca sono gonfiati.
mar baltico
19 ore
‘Nord Stream potrebbe essere irrecuperabile’
Scambio d’accuse tra Washington e Mosca: è sabotaggio. Già dispersa oltre la metà del gas, prezzi ancora in rialzo
stati uniti
19 ore
L’uragano Ian spazza la Florida: oltre 2 milioni di evacuati
Dopo essersi abbattuto su Cuba lasciando l’isola caraibica al buio, la tempesta si è diretta verso la costa Usa e ha superato i 250 chilometri orari
medio oriente
1 gior
Dall’Iran al Libano, la rivolta è donna
In piazza per rivendicare il diritto di non portare il velo oppure a rapinare banche che occultano i loro risparmi: un mondo messo a tacere alza la voce
italia
1 gior
Elezioni: ancora 109 posti in Parlamento da assegnare
Le donne sono la metà degli uomini. Per completare i nomi di deputati e senatori resta da capire cosa sceglieranno i leader che erano in più listini.
Estero
1 gior
‘Plebiscito per l’annessione’. Putin vuole smembrare l’Ucraina
Medvedev torna ad agitare lo spettro dell’atomica. Per i filorussi il 95% avrebbe votato a favore
mar baltico
1 gior
Perdite di gas da Nord Stream. Scambi di accuse: ‘Sabotaggio’
Danni “senza precedenti” nel tratto tra Danimarca e Svezia a 80 metri di profondità. E intanto il prezzo sale
Russia
1 gior
In sette giorni 66’000 russi sono entrati nell’Unione europea
La maggior parte, fuggita dopo la mobilitazione annunciata da Putin, è passata attraverso i valichi di frontiera finlandesi ed estoni
© Regiopress, All rights reserved