laRegione
06.08.22 - 15:21

Spento un reattore a Zaporizhizhia, ‘gravi rischi’

Ieri la centrale nucleare ucraina è stata danneggiata da un bombardamento.

Ats, a cura di Red.Web
spento-un-reattore-a-zaporizhizhia-gravi-rischi
archivio Keystone

"Uno dei reattori della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, sotto il controllo delle forze russe, è stato spento, il bombardamento di ieri ha causato un grave rischio per il funzionamento sicuro dell’impianto": lo ha dichiarato oggi la società ucraina per l’energia atomica Energoatom, in seguito agli attacchi che Kiev e Mosca si accusano reciprocamente di aver lanciato.

"In seguito dell’attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, il sistema di protezione di emergenza è stato attivato su uno dei tre reattori funzionanti, che si è spento", ha annunciato Energoatom in un messaggio su Telegram.

Energoatom ha spiegato che il bombardamento ha "gravemente danneggiato" una stazione di azoto e ossigeno e un "edificio ausiliario". "C’è ancora un rischio di fuoriuscita di idrogeno e di sostanze radioattive, e anche il rischio di incendio è elevato", ha dichiarato. "Il bombardamento (...) ha causato un grave rischio per il funzionamento sicuro dell’impianto", ha dichiarato la società, aggiungendo che l’impianto continua a produrre elettricità e che il personale ucraino vi lavora ancora.

Le autorità ucraine hanno accusato ieri le forze russe di aver lanciato tre attacchi nei pressi di un reattore dell’impianto di Zaporizhzhia, nel sud del Paese, sebbene Mosca controlli quel territorio dall’inizio dell’invasione. L’esercito russo ha affermato che le forze ucraine erano dietro gli attacchi, che hanno causato un incendio che è stato spento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
1 ora
Walt Disney taglia 7mila posti di lavoro
Il piano di ristrutturazione della nota multinazionale statunitense punta a realizzare 5,5 miliardi di dollari di risparmi
Estero
5 ore
Sisma in Turchia e Siria: il numero dei morti supera i 16mila
Le vittime accertate in Turchia sono 12’909, 3’126 quelle in Siria, che portano il numero totale a 16’035
Estero
17 ore
Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’
Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
19 ore
Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato
Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
20 ore
Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay
Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
23 ore
Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento
L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
1 gior
Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog
Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
1 gior
Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’
L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
1 gior
Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi
Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
1 gior
La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700
Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
© Regiopress, All rights reserved