laRegione
raid-israeliani-su-gaza-almeno-10-morti
Il fumo dopo un’esplosione a Gaza (Keystone)
05.08.22 - 21:11
Ansa, a cura di Red.Estero

Raid israeliani su Gaza: almeno 10 morti

Lanciata l’operazione "Breaking Dawn”. Ucciso un capo della Jihad: tra i 50 feriti anche una bambina di 5 anni. Risposta palestinese: “Lanciati 100 razzi”

Lampi di guerra a Gaza. Dopo giorni di minacce da parte della Jihad islamica della Striscia, Israele ha lanciato l’operazione ‘Breaking Dawn’ con attacchi aerei sull’enclave palestinese che hanno ucciso Tayasir Jabari, comandante del settore nord dell’organizzazione. In tutto - secondo l’ultimo bilancio del ministero della sanità locale - i morti sono circa 10 e 50 i feriti e tra questi una bambina di 5 anni.

L’esercito israeliano ha riferito di almeno 15 membri della Jihad colpiti nei ripetuti attacchi (due ondate, una nel primo pomeriggio, l’altra in serata) sulla Striscia che hanno centrato strutture militari della Jihad, siti di lancio di razzi e un appartamento a Bourj Falastin, un edificio di dieci piani destinato ad uffici, situato nel pieno centro di Gaza City nel quale si erano nascosti Jabari e altri dirigenti della Jihad. In serata è arrivata la reazione della Jihad, dopo i funerali in serata di Jabari.

Il leader politico dell’organizzazione Ziad Nahaleh aveva minacciato che "Tel Aviv e tutte le altre città israeliane sono nel mirino" dei razzi da Gaza. Poi si è passati ai fatti: Sarebbero 100 i razzi partiti dalla Striscia. Ma i portavoce hanno già precisato che si tratta solo dell’inizio della reazione all’attacco israeliano. Fonti militari israeliane, citate dalla televisione pubblica, hanno confermato per il momento "decine di lanci, oltre 40". Finora non si ha notizie di vittime in Israele. Secondo i media israeliani, stasera solo la Jihad islamica ha sparato da Gaza, mentre per ora Hamas non ha partecipato ai combattimenti.

Sale la tensione

"Il nemico - ha proclamato la fazione chiedendo ad Hamas di unirsi alla lotta a Israele - ha lanciato una guerra contro il nostro popolo". Abu Mazen da Ramallah ha condannato la mossa israeliana definendola "una aggressione" contro il popolo palestinese ed ha chiesto alla Comunità internazionale di intervenire. Il premier Yair Lapid - in stretto collegamento con il ministro della difesa Benny Gantz - ha spiegato che ‘Breaking Dawn’ è "un’operazione per rimuovere una minaccia concreta nei confronti di cittadini israeliani e nelle zone vicine a Gaza". "Il governo di Israele - ha aggiunto - non permetterà ai terroristi di minacciare cittadini. Chiunque cerchi di colpirci, sappia che lo raggiungeremo".


Gli effetti dei razzi israeliani (Keystone)

L’esercito ha rinforzato gli effettivi della divisione ‘Gaza’ lungo la Striscia e dichiarato "una allerta speciale" sul fronte interno del Paese. L’Iron Dome, il sistema di difesa anti missilistico, è stato schierato per coprire fino a 80 chilometri all’interno di Israele, quindi compresa Tel Aviv. In molte città - soprattutto quelle più vicine alla Striscia - per tema dei possibili razzi sono stati aperti i rifugi pubblici, i voli in partenza e in arrivo all’aeroporto Ben Gurion deviati lungo una rotta più a nord. Ma soprattutto è stato avviato il richiamo di circa 25 mila riservisti.

Rischio nuovo conflitto

Era da giorni che la situazione con Gaza montava: da quando l’esercito israeliano ha arrestato in Cisgiordania Bassen a-Saadi (62 anni), leader della Jihad islamica nei Territori. Una unità speciale israeliana lo aveva sorpreso durante una sua breve visita notturna alla famiglia, nel campo profughi di Jenin. Da quel giorno è stato uno stillicidio di minacce da parte dell’ala militare della Jihad, le brigate al-Quds, che hanno messo in massima allerta Israele con la chiusura dei valichi, la riduzione delle normali attività lungo la frontiera ed hanno indotto Lapid ad anticipare i tempi con l’attacco di oggi.

Jabari era da tempo nel mirino di Israele: come ha spiegato l’esercito, è stato "responsabile di multipli tentati attacchi contro civili israeliani". Jabari aveva sostituito Baha Abu al-Ata, comandante in campo che era stato ucciso durante il conflitto con Israele del 2019. Nella sua nuova funzione era stato individuato dall’esercito come autore di numerosi lanci di razzi verso Israele. Ora - come trapelato nei giorni scorsi - si attende una possibile mediazione dell’Egitto che possa mettere fine alle ostilità di quello che potrebbe diventare - se anche Hamas decidesse di scendere in campo - il quarto conflitto aperto con Gaza dal 2012 a oggi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
breaking dawn feriti gaza israele jihad morti palestina razzi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
13 min
Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York
L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro se stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
2 ore
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
5 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
5 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
5 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
5 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
7 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
7 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
7 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
11 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
© Regiopress, All rights reserved