laRegione
troppi-candidati-al-suicidio-chiusi-rifugi-sul-monte-bianco
Keystone
La siccità in quota provoca frequenti cadute di massi
05.08.22 - 18:17
Aggiornamento: 18:32
Ansa, a cura di Red.Estero

‘Troppi candidati al suicidio’: chiusi rifugi sul Monte Bianco

La misura è stata decisa dal sindaco di Saint-Gervais. Il suo sfogo: ‘79 alpinisti hanno giocato alla roulette russa’, la loro è ‘stupidità’

Aosta – Il sindaco di Saint-Gervais (Francia), Jean Marc Peillex, ha disposto da oggi la chiusura dei rifugi di Tête Rousse e del Goûter, lungo la via normale al Monte Bianco più frequentata. "Troppi candidati alla morte – scrive – o addirittura al suicidio" la percorrono, "non ascoltando le guide alpine" che dal 14 luglio non vendono più la salita visti i crolli di pietre sempre più frequenti a causa della siccità.

Solo giovedì erano "79 gli alpinisti" al rifugio del Goûter. Mercoledì Peillex aveva annunciato una cauzione da 15mila euro per eventuali spese di soccorso e sepoltura, ma ora la ritiene "giuridicamente difficile da applicare". Le pietre, scrive in un comunicato, "continuano a scendere dall’Aiguille du Goûter, in qualsiasi momento e ovviamente senza preavviso, rendendo l’attraversamento del corridoio non pericoloso ma quasi fatale". In questo contesto "è innegabile che le raccomandazioni del prefetto dell’Alta Savoia e del sindaco di Saint Gervais siano state calpestate e schernite da troppi candidati alla morte o addirittura al suicidio".

Salite chiuse, l’elenco s’allunga

Infatti giovedì sera "ben 79 alpinisti, per lo più dei Paesi dell’Est Europa, hanno giocato alla roulette russa e hanno invaso il rifugio Goûter". "La loro stupidità – prosegue il sindaco di Saint-Gervais – mi costringe a dar prova di autorità e a decidere di emettere un’ordinanza di chiusura dei rifugi Tête Rousse e del Goûter, sentiti la Prefettura e il presidente della compagnia delle guide di Saint-Gervais".

Dopo la sospensione delle salite lungo questo itinerario, a causa delle condizioni legate alla siccità in alta quota, le guide alpine nella seconda metà di luglio hanno accresciuto l’elenco delle ascese che considerano troppo rischiose sulle Alpi occidentali. Si sono aggiunte infatti le salite sulla Gengiva e sul Dente del Gigante verso la Cresta di Rochefort, nel massiccio del Monte Bianco, e sul Cervino, sia lungo la via normale svizzera sia lungo quella italiana, chiusa temporaneamente con ordinanza del sindaco di Valtournenche da mercoledì mattina dopo la caduta di una frana, che non ha coinvolto persone.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alpinismo montagna monte bianco saint-gervais
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
7 min
Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York
L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro se stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
1 ora
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
5 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
5 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
5 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
5 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
6 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
7 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
7 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
11 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
© Regiopress, All rights reserved