laRegione
04.08.22 - 21:17

Molestie alle Apple, la rivolta delle donne

“Denunce insabbiate per tutelare la reputazione della società”

Ansa, a cura di Red.Estero
molestie-alle-apple-la-rivolta-delle-donne
Apple vede nero (Keystone)

Denunce sottovalutate se non addirittura insabbiate, ritorsioni trasversali e apatia. Le donne di Apple si ribellano a una cultura che le vede in diversi casi svantaggiate e discriminate. Una cultura ben lontana da quello che Cupertino aspira pubblicamente a essere, ovvero una paladina delle donne contro la criticata ‘bro culture’ della Silicon Valley dove, nonostante i proclami ufficiali, le donne ai vertici si contano con il lumicino.

A ricostruire il dietro le quinte di Apple è il Financial Times sulla base di una quindicina di interviste con dipendenti ed ex dipendenti, i cui racconti riportano l’attenzione sul fenomeno #AppleToo, emerso lo scorso come strumento per parlare e far emergere presunti abusi e discriminazioni all’interno di Cupertino. Le storie raccontate descrivono un dipartimento delle risorse umane di Apple - il cosiddetto People team - mosso dal voler difendere a tutti i costi la reputazione della società, dall’attenuare i rischi e proteggere i manager cattivi piuttosto che essere un ‘luogo sicuro’ a cui rivolgersi con problemi e denunce. È quanto accaduto a Orit Mizrachi, dipendente di Apple fino al 2017, che denunciò di essere stata bullizzata dal suo manager per un’assenza dovuta alla malattia del padre e di essere stata travolta dai messaggini a sfondo sessuale di un collega.


Uno degli uffici di Apple a Cupertino (Keystone)

Denunce "insabbiate" e che hanno portato successivamente al suo licenziamento con una scusa, ha raccontato Mizrachi, sottolineando come la Apple le ha anche offerto tre mesi di salario e una somma sostanziosa per "presunto stress emotivo" in cambio di un ritiro delle accuse.

Un altro esempio è quanto accaduto a Emily, dipendente di un Apple Store di New York che ha parlato, sotto pseudonimo, con il Financial Times. Nel 2021 aveva denunciato alle risorse umane di aver subito serie molestie sessuali, incluso lo stupro da parte di un collega. Emily si è sentita trattata come se fosse stata lei il problema: "Mi hanno detto che" il presunto stupratore "sarebbe stato lontano per motivi di lavoro per sei mesi. Forse ti sentirai meglio quando rientra’?" La richiesta di Emily di essere trasferita in un altro Apple Store è stata respinta.

Alle dure ricostruzioni Apple risponde mettendo in evidenza di lavorare duramente per cercare di indagare al meglio tutte le accuse e per creare un ambiente di lavoro in cui tutti si sentono a proprio agio nel presentare denunce. "Alcuni dei racconti" raccolti dal Financial Times "non riflettono le nostre intenzioni e le nostre politiche e avremmo dovuto affrontarli in modo diverso. Per questo effettueremo delle modifiche al nostro processo di formazione".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
6 ore
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
6 ore
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
6 ore
Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27
Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
7 ore
Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino
L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
7 ore
La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis
Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
11 ore
‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’
Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Estero
18 ore
Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari
Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
oceania
1 gior
L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote
L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
1 gior
Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina
Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
1 gior
La Bce alza i tassi di mezzo punto
La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
© Regiopress, All rights reserved