laRegione
russia
28.07.22 - 20:37
Aggiornamento: 20:57

La giornalista ‘no war’ sfida i giudici: ‘Una vergogna’

Marina Ovsyannikova, che aveva mostrato un cartello pacifista in diretta tv multata per proteste: rischia 15 anni per i suoi post contro la guerra

Ansa, a cura di Red.Estero
la-giornalista-no-war-sfida-i-giudici-una-vergogna
Ovsyannikova con il cartello (Keystone)

Non c‘è pace per Marina Ovsyannikova, la giornalista televisiva russa diventata famosa in tutto il mondo per avere mostrato in diretta lo scorso marzo alla televisione di Stato, dove lavorava, un cartello con scritte contro l‘invasione russa dell’ Ucraina. Arrestata due volte per le sue posizioni contrarie alla ‘operazione militare speciale’, e in conflitto con l’ex marito per la custodia dei due figli, la 44enne nata a Odessa, in Ucraina, oggi è stata condannata da un tribunale russo a una multa di 50.000 rubli (circa 830 euro) perché ritenuta colpevole da un giudice di avere ’screditato le forze armate’ in alcune sue dichiarazioni contro la guerra. Le aveva rilasciate alla stampa dopo il processo, presso un tribunale di Mosca, all’oppositore Ilya Yashin, deputato municipale, accusato di ’disobbedienza alla polizia’. Entrambi i reati sono di recente istituzione, frutto di una stretta politica che ha l’obiettivo di reprimere il dissenso, duramente criticata dalle opposizioni e dalle organizzazioni per i diritti umani e civili.

Quattro giorni dopo aver espresso le sue opinioni alla stampa, la giornalista era stata brevemente arrestata nella regione di Mosca. E non era la prima volta: era già stata arrestata dopo essere apparsa sullo sfondo del telegiornale con un cartello che denunciava l’offensiva in Ucraina e la "propaganda" dei media controllati dal potere. Quelle immagini fecero il giro del mondo, e poco dopo fu rilasciata ma costretta a pagare una multa. Anche oggi la Ovsiannikova ha dato voce alla sua protesta davanti ai giudici. "Quello che succede qui è assurdo, la guerra è orrore, sangue e vergogna", ha affermato, accusando la Russia di essere un Paese aggressore: "L’inizio di questa guerra è il più grande crimine del nostro governo", ha detto.

Molte persone hanno elogiato il suo coraggio a fronte della forte repressione del dissenso in atto in Russia. Ma è stata anche bersaglio di critiche, perfino da alcuni esponenti dell’opposizione, che le rimproverano di avere lavorato per anni all’emittente ufficiale del Cremlino. Dopo il primo arresto, Ovsiannikova aveva lavorato per diversi mesi all’estero, presso il quotidiano tedesco die Welt che le aveva offerto un posto proprio in considerazione di quanto accaduto. Ma all’inizio di luglio ha annunciato di essere tornata in Russia per risolvere una controversia relativa all’affidamento dei suoi due figli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Il Nobel per la Pace va ad Ales Bialiatski (e non solo)
L’attivista bielorusso condivide il riconoscimento con due organizzazioni umanitarie: il Russia’s Memorial e l’Ukraine’s Center for civil Liberties
Estero
3 ore
Milano violenta, arrestati i trapper Baby Gang e Simba La rue
Alla base del provvedimento una lite nella zona della movida finita a colpi di pistola contro due persone. Il giudice: ‘Violenza legata a logica di banda’
Confine
7 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
14 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
21 ore
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
1 gior
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
1 gior
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
1 gior
Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente
Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
1 gior
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
© Regiopress, All rights reserved