laRegione
25.07.22 - 21:21
Aggiornamento: 21:38

Gazprom taglia ancora il gas all’Ue

Flussi scesi al 20%, e intanto il prezzo sul mercato vola. Bruxelles: ‘Nessun piano B all’unità’

Ansa, a cura di Red.Estero
gazprom-taglia-ancora-il-gas-all-ue
La sede di Gazprom a San Pietroburgo (Keystone)

A neanche una settimana dal ripristino dei flussi verso l’Europa Gazprom torna a brandire l’arma del gas e annuncia, per mercoledì, la riduzione al 20% delle forniture attraverso il Nord Stream. La causa, è la spiegazione di Mosca, è che una nuova turbina, dopo quella riparata in Canada, necessita di manutenzione. Ma per l’Europa sono solo bugie. Anzi, per Bruxelles, la mossa del colosso energetico russo non fa che confermare l’urgenza del pacchetto di emergenza per la riduzione dei consumi di gas, che sarà sul tavolo dei ministri europei dell’Energia.

Un pacchetto sul quale la Commissione e la presidenza ceca puntano a un’intesa unanime. "Non c’è un piano B, ci prepariamo allo scenario peggiore e serve solidarietà", hanno sottolineato fonti dell’Ue. A Bruxelles non è sfuggita la coincidenza temporale del taglio alle forniture annunciato da Gazprom: mercoledì, ovvero il giorno dopo quel Consiglio Affari Energia chiamato proprio ad approvare il piano per essere meno dipendenti dai russi. Per la Germania "non c’è alcuna ragione tecnica" che giustifichi la mossa di Mosca. E non sono bastate neppure le diverse eccezioni - motivate con la volontà di facilitare l’export del grano - apposte da Bruxelles nell’ultimo pacchetto di sanzioni anti-russe per smussare l’arma energetica del Cremlino.

Gazprom dapprima ha premesso di aver ricevuto i documenti da Siemens sulla turbina riparata in Canada ma di non aver fugato i suoi dubbi sui rischi legati alle sanzioni Ue. E, poco dopo, ha affondato il colpo annunciando il taglio dei flussi al 20%.

Prezzi in salita

L‘effetto sui prezzi è stato immediato. I future sul gas alla borsa di Amsterdam, sono schizzati del 5,1% a 168 euro al megawattora, dopo aver toccato un massimo di 170,6 euro (+6,7%). La mossa di Gazprom, tuttavia, potrebbe fare da sponda ad Ursula von der Leyen nella ricerca di un accordo sul piano ’salviamo l’inverno’.

L’ultima bozza del testo approdata alla riunione degli ambasciatori dei 27 (Coreper) sembrerebbe andare nella direzione auspicata dal nutrito fronte degli Stati contrari, in cui figurano tutti i Paesi del Mediterraneo. Formalmente, hanno spiegato fonti europee, il controverso taglio ai consumi del 15% resta uguale per tutti (e obbligatorio in caso di allerta) ma, ad accompagnarlo, potrebbe essere un sistema di deroghe che coinvolgerebbe diversi Stati, Italia inclusa. Secondo le primissime stime la deroga, per Roma, potrebbe portare a una riduzione di otto punti percentuali. Nella bozza emendata, inoltre, il potere di chiamare l’allerta non sarebbe più in capo alla Commissione.

Corsa contro il tempo

L’esecutivo europeo, o in alternativa almeno cinque Stati membri, possono proporre la fase di emergenza, ma questa va comunque approvata a maggioranza qualificata dal Consiglio Ue. Andare oltre nella mediazione, tuttavia, per la Commissione sarebbe difficile. "Sappiamo che abbiamo gli occhi del mondo su di noi, non c’è un piano B. Domani è un ’all-in’", ha sottolineato un alto funzionario europeo. Mentre il portavoce dell’esecutivo Ue, Eric Mamer, commentando la nuova mossa di Gazprom, ha rimarcato: "È esattamente il tipo di scenario a cui si riferiva la presidente Ursula von der Leyen e conferma la necessità del piano e della solidarietà". I vertici dell’Ue vorrebbero che dal Consiglio Energia di martedì uscisse una forte risposta politica. Per questo, nonostante per l’ok al pacchetto basti la maggioranza qualificata, puntano a un’approvazione unanime.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
13 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
1 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
Estero
2 gior
La Russia multerà pesantemente la diffusione di ‘cultura gay’
Al varo la nuova legge che sanziona la ‘propaganda delle relazioni non tradizionali’ anche fra gli adulti e non solo fra i minori come in precedenza
© Regiopress, All rights reserved