laRegione
12.07.22 - 20:31

Sas britanniche accusate di atrocità in Afghanistan

Un’inchiesta della Bbc divulga rapporti militari secondo cui gruppi di soldati potrebbero aver ucciso a sangue freddo 54 persone tra il 2010 e il 2011

Ansa / Ats, a cura de laRegione
sas-britanniche-accusate-di-atrocita-in-afghanistan
Keystone
Forze militari inglesi in Afganistan

Brutto colpo per le Sas britanniche, le unità delle forze speciali di Sua Maestà in Afghanistan sono accusate di aver ucciso decine di detenuti e uomini disarmati in circostanze tutte da chiarire. È quanto emerge da un’inchiesta della Bbc secondo cui rapporti militari indicano che uno dei gruppi di soldati potrebbe aver ucciso a sangue freddo 54 persone tra il 2010 e il 2011. L’emittente inglese sostiene inoltre che il generale Sir Mark Carleton-Smith, ex capo delle forze speciali britanniche, fu informato delle presunte uccisioni illegali ma non avrebbe trasmesso le prove alla Royal Military Police (Rmp), anche dopo che era stata aperta un’indagine per omicidio.

Alcuni rimproveri non ‘sono provati’

Carleton-Smith, che è diventato capo dell’esercito prima di dimettersi il mese scorso, si è rifiutato di rilasciare commenti. Mentre il ministero della Difesa di Londra ha dichiarato che le truppe britanniche "hanno servito con coraggio e professionalità in Afghanistan". Sulla vicenda è intervenuto anche il sottosegretario alle Forze armate James Heappey: "Qualsiasi nuova accusa sul comportamento delle Sas in Afghanistan sarà oggetto di indagine. Da noi nessuno, non importa quanto sia speciale, può ignorare la legge, e basta", ha detto al Commons Defense Committee. "Eravamo a conoscenza di alcune delle accuse. Sono state fatte indagini, credo due volte, e in ogni occasione non hanno raggiunto la soglia probatoria. Ma, sia chiaro, se ci sono nuove accuse, nuove prove che vengono alla luce, saranno passate alla polizia e indagheremo assolutamente".

Ammazzate persone disarmate

Tra le fonti dell’inchiesta giornalistica ci sono alcune persone che hanno prestato servizio con le forze speciali in quel periodo e hanno raccontato di aver assistito all’uccisione di persone disarmate da parte dei soldati durante raid notturni. Aggiungendo di essere stati testimoni dell’utilizzo delle cosiddette "armi a caduta": kalashnikov AK-47 piazzati sulla scena per giustificare l’uccisione di una persona disarmata. Le stesse fonti hanno affermato che i diversi team Sas erano in competizione tra loro per eseguire il maggior numero di uccisioni e che lo squadrone su cui la Bbc ha ottenuto la documentazione stava cercando di raggiungere un numero di morti più alto di quello che aveva sostituito.

‘All’epoca qualcosa non andava’

Le email interne mostrano che gli ufficiali ai più alti livelli delle forze speciali erano consapevoli delle preoccupazioni su possibili omicidi, ma non hanno riferito i sospetti alla polizia militare. Nonostante l’obbligo legale di farlo. Un alto ufficiale che lavorava al quartier generale delle Sas ha dichiarato che c’era "vera preoccupazione" per i rapporti dello squadrone: "Troppe persone venivano uccise durante i raid notturni e le spiegazioni non avevano senso", ha detto. "Una volta che qualcuno è detenuto, non dovrebbe finire morto. Il fatto che si ripetesse in continuazione stava mettendo in allarme il quartier generale. All’epoca era chiaro che qualcosa non andava". La Bbc ha analizzato centinaia di pagine di resoconti operativi della Sas, tra cui i rapporti relativi a più di una decina di operazioni cosiddette ‘uccidi o cattura’ condotte da un’unità nella provincia di Helmand.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
10 ore
La protesta cinese è un foglio bianco
Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
10 ore
Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia
Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
11 ore
A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo
I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Estero
17 ore
Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti
Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
20 ore
In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc
Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
21 ore
C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia
Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
italia
1 gior
Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni
Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
1 gior
Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’
Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
1 gior
‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’
Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Confine
1 gior
Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio
Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
© Regiopress, All rights reserved