laRegione
argentina-dieci-ergastoli-ai-torturatori-di-campo-de-mayo
Keystone
07.07.22 - 18:21
Ats, a cura di Red.Web

Argentina, dieci ergastoli ai torturatori di Campo de Mayo

A quasi 40 anni dalla fine della dittatura, un tribunale federale ha emesso una storica sentenza condannando 19 ex militari ed ex membri della polizia

A quasi 40 anni dalla fine della dittatura in Argentina, un tribunale federale di San Martín, in provincia di Buenos Aires, ha emesso una nuova storica sentenza condannando 19 ex militari ed ex membri della polizia dell’epoca a pesanti pene detentive, in un maxi processo denominato "Campo de Mayo" riguardante gravi reati di lesa umanità commessi contro almeno 347 vittime.

Al termine di un faticoso percorso di tre anni, costituito da ben 126 udienze in cui sono stati ascoltati oltre 700 testimoni, i giudici del tribunale argentino hanno inflitto dieci ergastoli ai principali responsabili di un piano sistematico di violazione dei diritti umani, fra cui uno per l’ex generale Santiago Omar Riveros, 98 anni. Altri nove imputati, invece, hanno ricevuto pene fra quattro e 22 anni di prigione.

Solo pochi giorni prima l’alto ufficiale era stato condannato al carcere a vita da un altro tribunale di San Martín che lo ha riconosciuto colpevole di aver coordinato dalla base di "Campo de Mayo", insieme a tre coimputati, i famigerati "voli della morte". In questo modo oppositori del regime argentino, arrestati e torturati, venivano, dopo una sommaria anestesia, fatti salire su aerei e gettati vivi in mare o nel Rio de la Plata.

Giunto al grado di generale di divisione, Riveros fu responsabile della Guarnigione militare Campo de Mayo e, all’inizio della dittatura (1976-1978), assunse il comando della Zona di Difesa IV dell’esercito, che comprendeva la provincia nord della capitale. Per i suoi "meriti", fu anche nominato dal regime ambasciatore in Uruguay (1982-1983).

Dopo il ritorno della democrazia, Riveros è stato ripetutamente condannato a pesanti pene detentive nel corso degli scorsi decenni da differenti giudici chiamati a stabilire il suo coinvolgimento nel fenomeno dei "desaparecidos" che in Argentina, per le Madri di Plaza de Mayo, furono fino a 30’000.

Il 6 dicembre 2000 la II Corte di Assise di Roma, presieduta dal giudice Mario D’Andria, fu il primo tribunale fuori dall’Argentina a infliggere in contumacia all’ex generale Riveros un ergastolo riguardante la scomparsa e la morte di otto italo-argentini. Con lui fu anche condannato Guillermo Suarez Mason, responsabile durante la dittatura del Battaglione di intelligence 601 dell’esercito.

Leggendo il verdetto ieri, il collegio giudicante ha sottolineato che i fatti avvenuti a Campo de Mayo, inoppugnabilmente provati, "sono costitutivi di crimini contro l’umanità e di conseguenza sono imprescrittibili".

Sostenendo la tesi dell’accusa, la pm Gabriela Sosti ha affermato nell’ultima udienza del processo che, all’epoca della dittatura, nella vasta proprietà militare di Campo de Mayo, erano stati istituiti vari centri di detenzione e tortura, come "El Campito", "Los Tordos" e "La Casita". In essi le associazioni di difesa dei diritti umani sostengono che furono internate oltre 6’000 persone, con "un tasso di sopravvivenza inferiore all’1%".

Intervenuto all’udienza finale, il sottosegretario argentino per i Diritti umani e figlio di un "desaparecido", Horacio Pietragalla, ha dichiarato che la sentenza "ripaga molte famiglie che si sono battute affinché questi processi potessero svolgersi".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
argentina campo de mayo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York
L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro sé stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
3 ore
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
6 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
6 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
7 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
7 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
8 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
8 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
9 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
13 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
© Regiopress, All rights reserved