laRegione
hong-kong-autori-di-libri-per-bambini-accusati-di-sedizione
Keystone
06.07.22 - 16:12
Aggiornamento: 16:48
Ats, a cura di Red.Web

Hong Kong: autori di libri per bambini accusati di sedizione

Cinque persone sono accusate di aver ritratto pecore e lupi riferendosi metaforicamente agli abitanti della città e alla Cina

Cinque persone, due uomini e tre donne di età tra i 20 e i 30 anni, sono sotto processo a Hong Kong per una serie di libri per bambini: tutti devono rispondere di "cospirazione per stampare, pubblicare, distribuire, mostrare e/o riprodurre pubblicazioni sediziose" ai sensi dell’ordinanza sui crimini dell’era coloniale, rischiando la pena massima di due anni di reclusione per aver cercato di "incitare all’odio" ritraendo i residenti della città come pecore e la Cina come lupi.

Il caso ruota attorno ai testi pubblicati dall’Unione generale dei logopedisti di Hong Kong, un sindacato chiuso con la nuova legge sulla sicurezza nazionale di giugno 2020, che presentavano pecore e lupi nella forma di cartoni animati che, secondo i pubblici ministeri, erano metafore per rappresentare, rispettivamente, i residenti dell’ex colonia e la Cina con lo scopo di "incitare all’odio" verso il governo centrale.

Nella prima udienza di martedì, la procuratrice Laura Ng, nel resoconto dei media locali, ha detto che i testi hanno caratterizzato i due gruppi come ostili l’uno verso l’altro. "I residenti sono minoranze vulnerabili, i governanti cinesi sono totalitari e brutali", ha detto Ng, rinfacciando agli imputati l’ammissione di aver basato i libri sui disordini e le proteste di massa pro-democrazia del 2019 nate dal controverso disegno di legge sulle estradizioni, pur dichiarandosi non colpevoli.

Uno dei libri, intitolato "I 12 guerrieri del villaggio delle pecore", è stato collegato dal pubblico ministero alla cattura dei 12 fuggitivi di Hong Kong da parte delle autorità cinesi nel 2020, mentre un altro testo chiedeva ai residenti di imbracciare le armi e di usare la violenza contro le autorità e un altro ancora sollecitava l’interferenza straniera. In un altro ancora si incolpava la Cina per la pandemia di Covid: una posizione che potrebbe incitare sentimenti separatisti tra i residenti di Hong Kong, ha affermato Ng.

I cinque imputati, tutti componenti del comitato esecutivo del sindacato, furono arrestati dalla polizia di sicurezza nazionale a luglio 2021 e da allora sono rimasti in custodia, avendo visto le richieste di libertà su cauzione puntualmente respinte.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hong kong laura ng
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
19 min
Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York
L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro se stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
2 ore
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
5 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
5 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
5 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
6 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
7 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
7 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
8 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
11 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
© Regiopress, All rights reserved