laRegione
malta-il-killer-di-caruana-pagato-per-ucciderla-solo-affari
Keystone
06.07.22 - 13:12
Aggiornamento: 15:39
Ats, a cura di Red.Web

Malta, il killer di Caruana: pagato per ucciderla, solo affari

L’assassino della giornalista maltese, morta per un’autobomba nel 2017, ha spiegato il suo ruolo di sicario prezzolato in un’intervista con la Reuters

L’assassinio di Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese dilaniata da una bomba piazzata nella sua auto e fatta esplodere a pochi metri dalla sua abitazione il 16 ottobre 2017, è stato "just business", un affare come un altro, per uno degli autori materiali del delitto, il killer professionista George Degiorgio che venne individuato e arrestato già nel dicembre 2017 assieme al fratello Alfred e al complice Vince Muscat.

Degiorgio ha confessato il suo ruolo nell’omicidio in una intervista con l’agenzia Reuters i cui contenuti sono stati anticipati dal Times of Malta.

Nel corso dell’intervista ha precisato che "se avessimo saputo chi era, avremmo chiesto 10 milioni di euro, non solo 150mila" ed è tornato a ribadire di avere le prove che "implicano altre persone" nell’omicidio del 2017, ma anche quelle di un "precedente tentativo commissionato nel 2015 da un alto personaggio politico e poi abortito" e del "coinvolgimento di due membri del governo che furono complici di una tentata rapina" alla sede centrale della Hsbc nel 2010. Prove finora respinte dal governo, che ha l’ultima parola sulle richieste di perdono.

Il quotidiano maltese collabora con Reuters nel "Daphne Project", consorzio giornalistico che prosegue il lavoro della giornalista ed ha permesso ad esempio di stabilire i legami corruttivi tra due membri del governo Muscat (il capo di gabinetto Keith Schembri e il ministro Konrad Mizzi) e il tycoon maltese Yorgen Fenech. Quest’ultimo è stato arrestato nel novembre 2019 e rinviato a giudizio come mandante dell’assassinio, individuato grazie alla confessione dell’intermediario Melvin Theuma. Un tassista, allibratore clandestino e usuraio entrato in confidenza con Fenech il cui nome arrivò alla polizia da Vince Muscat.

Theuma nell’autunno ottenne il condono tombale per la sua testimonianza e le prove che incastravano Fenech. Muscat ha patteggiato una pena a 15 anni e il condono per altri reati. Grazie alla sua testimonianza nel febbraio 2020 sono stati arrestati anche i fornitori degli ordigni esplosivi, i fratelli Robert e Adrian Agius e il loro socio Jamie Vella (gang legata alle cosche siciliane in vari traffici, dal contrabbando di carburanti, armi e droga al riciclaggio di denaro), ma finora non sono stati implicati uomini politici nel complotto che ha portato all’assassinio.

Fenech, cercando di ottenere anch’egli il perdono (sempre rifiutato), subito dopo l’arresto sostenne che il vero ispiratore fosse l’ex ministro dell’economia Chris Cardona. Successivamente ha accusato Keith Schembri, col quale ha avuto strettissimi rapporti e informazioni fino a pochi minuti prima dell’arresto.

"Le parole dello stesso George Degiorgio dimostrano che è un assassino a sangue freddo privo di ogni scrupolo, che non merita alcuna attenuante" ha commentato Matthew Caruana Galizia, uno dei figli di Daphne.

L’intervista al killer sarà pubblicata integralmente nei prossimi giorni, ma in essa Degiorgio da una parte si dice anche "dispiaciuto" per la morte della giornalista, dall’altra ribadisce la volontà di testimoniare in aula contro "il politico top" che due anni prima aveva già cercato di uccidere Daphne. In una dichiarazione rilasciata dai loro legali, i due fratelli killer – che sono in detenzione preventiva sin dal giorno dell’arresto, così come tutti gli altri protagonisti incluso Fenech – vogliono "divulgare tutto quello che sappiamo su altri delitti, bombe e reati" perché, sottolineano, "anche le famiglie delle altre vittime meritano giustizia".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
daphne caruana galizia malta
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Lituania
10 min
Anche la Lituania medita possibili limitazioni ai visti russi
Dopo l’analoga decisione dell’Estonia (dove le regole cambieranno a partire dal 18 agosto), anche Vilnius sta valutando un inasprimento
Italia
38 min
Ondata di maltempo a Stromboli, si lavora al ripristino
Protezione civile, abitanti e pure turisti fianco a fianco per ripulire le strade invase da fango e massi dopo i temporali
Ucraina
1 ora
Respinta un’offensiva russa verso Zaporizhzhia
Nell’assalto alle postazioni ucraine impiegati cannoni, artiglieria e carri armati. E pure aerei
Stati Uniti
1 ora
Su Trump l’ombra del sospetto di spionaggio
Pubblicato il mandato con cui l’Fbi ha messo a soqquadro la residenza in Florida dell’ex presidente Usa, sequestrando documenti ‘Top Secret’
Stati Uniti
1 ora
Aggressione a Rushdie, dimesso dall’ospedale il moderatore
Ralph Henry Reese punta il dito sull’attacco, ‘indicativo delle minacce che parecchi scrittori ricevono da parte di molti Governi’
Estero
11 ore
Sì della Camera Usa al maxi-piano su clima e inflazione
Il corposo pacchetto prevede investimenti per oltre 430 miliardi di dollari. Vittoria significativa per Joe Biden.
l'autore de "i versi satanici’
11 ore
Rushdie sotto i ferri, preso l’assalitore
L’autore dei ‘Versi Satanici’ ferito da un 24enne del New Jersey. Da oltre 30 anni è sotto minaccia di morte da parte degli integralisti iraniani.
Estero
12 ore
Altre bombe sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia
Kiev e Mosca tornano ad accusarsi a vicenda, volano anche insulti. Zelensky sente il Papa, ‘ho parlato degli orrori russi’.
Estero
12 ore
Donald Trump indagato dall’Fbi per spionaggio
La conferma dopo la desecretazione del mandato di perquisizione della residenza dell’ex presidente in Florida
stati uniti
14 ore
L’Fbi cercava carte su armi nucleari nel resort di Trump
Attesa per la desecretazione del mandato. L’ex presidente tira in ballo Obama: ‘Chissà quante ne ha prese lui...’
© Regiopress, All rights reserved