laRegione
01.07.22 - 21:41

Mosca chiude Nord Stream, l’Ue prepara un piano d’emergenza gas

Gasdotto fermo dieci giorni per ‘lavori’. Bruxelles studia stop a oro russo e accusa: ‘Taglio deliberato’

Ansa, a cura de laRegione
mosca-chiude-nord-stream-l-ue-prepara-un-piano-d-emergenza-gas
Nord Stream 2 a Lubmin, in Germania (Keystone)

Il graduale addio al gas russo si fa via via più rapido e costringe l’Ue ad agire subito, con un piano di emergenza che sarà varato nella metà di luglio. La mossa è stata annunciata dalla presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, nel giorno in cui Mosca ha confermato che, dall’11 al 21 luglio, il gasdotto Nord Stream sarà fermo. La motivazione del Cremlino è sempre la stessa: obblighi di manutenzione.

A Bruxelles, però, ormai nessuno ci crede. "La Russia sta tagliando deliberatamente il gas, serve una risposta europea comune, come per il Covid", ha sottolineato von der Leyen. Il dossier energia è stato al centro del viaggio dei commissari europei a Praga per lo ‘start’ della presidenza della Repubblica Ceca del semestre europeo.

Il primo ministro ceco non ha avuto alcun dubbio: la priorità è l’energia, sotto l’aspetto delle forniture e sotto quello dei prezzi. Entrambi, ha ammonito, hanno effetti dannosi per l’economia europea. Il nuovo colpo inferto dal Cremlino ai flussi di gas è stato reso noto dall’operatore Nord Stream Ag, secondo il quale la chiusura "momentanea" si rende necessaria per "lavori di manutenzione pianificati". Per la Germania si tratta di un nuovo colpo dopo la riduzione del 40% dei flussi già decisa da Gazprom nelle settimane scorse.

La reazione di Bruxelles

La notizia non è arrivata a sorpresa a Bruxelles ma, di certo, rende molto più probabile un vertice straordinario dei ministri dell’energia sul quale la presidenza ceca ha già dato la sua disponibilità. Il summit potrebbe cadere nella terza decade di luglio e, sul tavolo, avrà proprio il piano di emergenza proposto dalla Commissione.

Sono due i pilastri dell’iniziativa allo studio di Palazzo Berlaymont. Il primo prevede un contenimento della domanda, il secondo un meccanismo di solidarietà che operi in maniera ferrea "facendo arrivare il gas laddove ce ne è più bisogno", ha spiegato von der Leyen. Del resto, due gasdotti su tre, nel Vecchio continente, sono adeguati alla condivisione dei flussi di gas.


La sede tedesca di Gazprom, a Berlino (Keystone)

Ora tocca all’Ue dare l’input, prima politico e poi tecnico. Allo stesso tempo l’Ue - con un coordinamento più zoppicante, invero - sta accelerando sulla diversificazione. Giugno "è stato il primo mese della storia in cui l’Ue ha importato più gas liquido (gnl) dagli Stati Uniti che tramite gasdotto dalla Russia", ha annunciato il direttore dell’Agenzia internazionale dell’energia, Fatih Birol.

I ritardi americani

Gli effetti collaterali non mancano, La notizia che il terminale texano di Freeport riprenderà a ed essere operativo solo ad ottobre ha fatto schizzare il prezzo del gas in Europa del 4,5%. La strada, tuttavia, è ormai tracciata. L’indipendenza energetica europea è obiettivo condiviso anche dalla presidenza ceca, alla quale von der Leyen ha fatto appello affinché i negoziati sul RepowerEu siano rapidi. E, nel frattempo, luglio potrebbe essere anche il mese del settimo pacchetto di sanzioni anti-Mosca.

Dopo l’intesa al G7 in Baviera l’Ue sta studiando misure per vietare l’import dell’oro di Mosca. La Russia è il secondo e esportatore di oro al mondo ma l’impatto delle sanzioni potrebbe non essere così devastante: l’export di oro l’Europa è già stato ampiamente ridotto dalle misure messe in campo finora. Nel nuovo pacchetto potrebbero entrare anche nuove misure restrittive finanziarie e contro gli individui e potrebbe essere inserite le line guida aggiuntive per risolvere il caso Kaliningrad. E’ escluso invece che l’Ue vari l’embargo sul gas, sebbene sia la stessa Mosca a provocarlo gradualmente. Ma a Bruxelles, per ora, frenano ogni allarme: gli stoccaggi hanno già superato il 50% in vista dell’inverno, l’obiettivo è arrivare all’ottanta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Conflitto Russia/Ucraina
32 min
Chiamati alla leva quasi tutti i tartari di Crimea
In soli tre giorni sono state 1’500 le convocazioni alla mobilitazione distribuite alla comunità tartara
Corea del Nord
3 ore
Lanciato missile balistico nel Mar del Giappone
La guardia costiera nipponica non ha segnalato incidenti che hanno riguardato navi o imbarcazioni.
italia
4 ore
Mafia: 34 anni fa l’uccisione di Mauro Rostagno
Il giornalista si era a lungo impegnato a denunciare le infiltrazioni mafiose nel tessuto politico del Trapanese
Italia
4 ore
Urne aperte, italiani pronti al voto
Quasi 51 milioni di cittadini devono scegliere i 600 membri di Camera e Senato. Si voterà in una sola giornata: i seggi chiuderanno questa sera alle 23
Estero
6 ore
Malgrado i correttivi, Nutriscore è fuorviante
Sono le conclusioni a cui giunge l’ong a tutela dei consumatori Safe, secondo cui questa classificazione degli alimenti ‘produce nuove distorsioni’
Venezuela
6 ore
Da patrona del Venezuela orientale a protettrice dei coralli
Il rispetto per la Vergine del Valle prevale su tutto: niente più reti a strascico nella zona, che diventa sede di un museo sommerso
Italia
6 ore
Italia seconda al mondo per consumo di acqua in bottiglia
Solo in Messico se ne beve di più (244 litri). Ma con i suoi 208 litri a testa, la Penisola si prende il primato continentale
italia
18 ore
Quando il parchimetro... porta fortuna
È successo nel Cuneese dove una signora ha acquistato un Gratta e vinci per cambiare i soldi per il parcheggio e vince 500mila euro
Canada
21 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
23 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
© Regiopress, All rights reserved