laRegione
sparatoria-a-oslo-si-indaga-per-atto-di-terrorismo-islamico
Keystone
25.06.22 - 15:45
Aggiornamento: 17:27
Ats, a cura de laRegione

Sparatoria a Oslo, si indaga per atto di terrorismo islamico

Il sospettato è nel radar dell’intelligence norvegese dal 2015 per l’appartenenza a una rete estremista. Annullata la marcia Lgbt prevista per oggi.

La polizia norvegese ha aperto un’indagine per "atti terroristici" dopo la sparatoria avvenuta durante la notte scorsa nei pressi dei bar del centro di Oslo. Il presunto autore, che ha provocato due morti e 21 feriti, di cui dieci gravi, è un norvegese di 42 anni di origine iraniana. La marcia Lgbt prevista per oggi pomeriggio è stata annullata.

Il sospettato, che è stato arrestato, "ha una lunga storia di violenze e minacce" ed è nel radar del servizio di intelligence nazionale norvegese (Pst) "dal 2015 in connessione con le preoccupazioni per la sua radicalizzazione" e l’appartenenza "a una rete estremista islamista", ha detto alla stampa il capo del Pst Roger Berg.

L’autore era noto ai servizi segreti nazionali

Secondo la polizia di Oslo, l’uomo era noto ai servizi segreti nazionali. "È sospettato di omicidio, tentato omicidio e terrorismo", ha dichiarato Christian Hatlo, un responsabile della polizia, durante una conferenza stampa.

Quest’ultima accusa è motivata dal "numero di feriti e di morti, dal numero di scene del crimine – almeno tre – e (...) ci sono buone ragioni per credere che avesse intenzione di diffondere il terrore", ha aggiunto.

L’intelligence norvegese lo considera come un atto di terrorismo islamico

Sabato pomeriggio, il servizio di intelligence nazionale norvegese (Pst) ha dichiarato di considerare la sparatoria mortale come "un atto di terrorismo islamico".

L’attacco è avvenuto intorno all’una di notte, ora locale, all’esterno di un pub, il Per på hjørnet, dove sono stati registrati i due decessi, secondo i media locali. La manifestazione è poi proseguita all’esterno di un locale gay adiacente, il London Pub, nel centro della capitale norvegese, affollato in una calda notte d’estate.

Annullata la marcia Lgbt

"C’è motivo di credere che si tratti di un crimine d’odio", ha aggiunto Hatlo, riferendosi alla natura dei luoghi presi di mira, "in particolare il London Pub".

La marcia dell’orgoglio Lgbt prevista per oggi pomeriggio a Oslo è stata annullata. In segno di solidarietà, sono state poste bandiere arcobaleno vicino al luogo dell’attacco.

In seguito alle "chiare" raccomandazioni della polizia, "tutti gli eventi legati all’Oslo Pride sono stati cancellati", hanno scritto gli organizzatori dell’evento in un comunicato.

Il numero di agenti di polizia nella capitale è stato aumentato per far fronte a eventuali altri incidenti. "Si ritiene che in questa fase ci sia un solo autore" dietro la sparatoria "ma non possiamo dire nulla con certezza così presto" nelle indagini, ha detto l’ispettore Tore Soldal, durante la conferenza stampa.

Scena di guerra

L’uomo è stato arrestato all’1.19 di questa notte, cinque minuti dopo le prime segnalazioni. Alcuni civili hanno aiutato a catturare il sospettato e a fornire i primi soccorsi ai feriti, ha riferito la polizia parlando di un "contributo eroico".

Il sospetto aveva già avuto a che fare con la polizia per reati minori come quello di aver portato con sé un coltello e una condanna per possesso di droga. Sulla scena dell’attacco sono state sequestrate due armi: una automatica e una pistola, che Hatlo ha descritto come "vecchia".

Un testimone intervistato dal giornale Verdens Gang (Vg) l’ha descritta come "una scena di guerra". "C’erano molti feriti a terra con lesioni alla testa", ha detto. Secondo un giornalista dell’emittente Nrk, presente al momento della sparatoria, l’uomo è arrivato con una borsa da cui ha estratto una pistola e con cui ha sparato.

Il primo ministro: "Un attacco orribile"

"La sparatoria avvenuta fuori dal London Pub di Oslo è un attacco orribile e profondamente scioccante contro persone innocenti", ha dichiarato il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre.

"Non conosciamo ancora le ragioni di questo terribile atto, ma alle persone omosessuali che ora hanno paura e sono in lutto voglio dire che siamo tutti con voi", ha scritto su Facebook.

La Norvegia, generalmente pacifica, è stata teatro di sanguinosi attacchi il 22 luglio 2011. Quel giorno, l’estremista di destra Anders Behring Breivik ha ucciso 77 persone in un attentato alla sede del governo di Oslo e in una sparatoria a un raduno di giovani laburisti sull’isola di Utøya.

Leggi anche:

Sparatoria a Oslo: due morti e 14 feriti. Arrestato un uomo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lgbt oslo sparatoria terrorismo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
medio oriente
5 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
7 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
7 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
11 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
11 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
Confine
12 ore
Como: clochard stuprata in centro, fermata una persona
Una donna di 56 anni, senza fissa dimora, è stata picchiata con estrema violenza, presa a bottigliate e stuprata questa notte in piazza Vittoria
Confine
12 ore
Porlezza, salvata turista in pedalò in balìa del temporale
Il Bacino lacuale Ceresio Piano e Ghirla: serve un servizio di pattugliamento da parte delle unità nautiche per rafforzare la sicurezza
Galapagos
18 ore
Sull’isola di Santiago riecco le iguane terrestri
L’ultima popolazione sana di questi animali rosa era stata censita addirittura nel 1835 da Charles Darwin
Estero
18 ore
Gaza, Israele uccide due capi della Jihad. 29 morti fra i civili
Si tratta dei due comandanti militari Tayassir al-Jabari e Khaled Mansour. Oltre 250 i feriti. La Jihad ha lanciato 580 razzi verso Israele
Estero
21 ore
Rifiuti alimentari umani: ‘Una minaccia per gli orsi polari’
Con la riduzione dei ghiacciai questi animali cercano cibo sempre più vicino alle zone abitate
© Regiopress, All rights reserved