laRegione
la-corte-suprema-usa-consacra-il-diritto-al-porto-di-armi
Keystone
23.06.22 - 17:06
Aggiornamento: 20:16
Ats, a cura di Marco Narzisi

La Corte Suprema Usa consacra il diritto al porto di armi

Bocciate le restrizioni a New York. Secondo ‘i saggi’, il Secondo Emendamento vale anche al di fuori di casa propria. E Smith & Wesson vola a Wall Street

La Corte Suprema degli Stati Uniti, con sei voti contro tre, boccia le restrizioni al porto di armi a New York. Il Secondo Emendamento, affermano i "saggi", si applica anche fuori dalla propria abitazione. La decisione consacra di fatto il diritto a girare armanti.

La corte suprema americana ha stabilito che la "giusta causa" prevista a New York per le armi viola la costituzione perché il "Secondo Emendamento protegge i diritti degli individui di portare un’arma con sé fuori casa per autodifesa". La norma di New York bocciata prevedeva la necessità di avere una licenza per portare un’arma in pubblico.

La decisione apre di fatto la strada alla possibilità che un maggior numero di persone possano legalmente portare armi in strada nelle maggiori città.

Commentando a sentenza, la governatrice di New York, Kathy Hochul, ha detto di ritenere "vergognoso " che in un momento come quello attuale la "Corte Suprema decida" di bocciare la legge che a New York limita il porto di armi in pubblico. "In risposta" alla decisione della Corte Suprema "stiamo rivedendo le nostre opzioni. Continuerò a fare tutto quello in mio potere per mantenere i newyorkesi al sicuro dalla violenza delle armi da fuoco", ha aggiunto Hochul.

Dal canto suo la potente lobby delle armi NRA ha dichiarato "vittoria" per il diritto di portare armi in pubblico. "La Corte Suprema ha stabilito che le restrizioni sulle armi a New York sono INCOSTITUZIONALI, vittoria!", si legge sull’account Twitter della lobby. Dopo la decisione, il titolo di Smith & Wesson vola a Wall Street. Il produttore di armi segna un balzo del 7,6%.

Approvato il ricorso di un condannato contro l’iniezione letale

Sempre oggi la corte suprema ha sentenziato a favore di un condannato a morte in Georgia che aveva impugnato il protocollo statale per l’iniezione letale allo scopo di evitare una grave sofferenza e chiesto di essere fucilato da un plotone di esecuzione, un metodo però attualmente non autorizzato nel "Peach State".

Con una decisione 5 a 4, la corte ha stabilito che un prigioniero può fare appello in base alla legge sui diritti civili che consente alle persone di cercare rimedi quando i loro diritti costituzionali sono violati.

Una sentenza che potrebbe rendere più facile per i condannati a morte contestare in tribunale i potenziali metodi di esecuzione.

La seduta della Corte Suprema si invece chiude senza alcuna decisione sull’aborto. L’appuntamento è ora per domani, quando è in calendario una nuova riunione durante la quale i "saggi" comunicheranno le loro decisioni. La Corte Suprema ha ancora 9 casi su cui deve pronunciarsi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi corte suprema secondo emendamento wall street
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard
La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
5 ore
Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati
Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
8 ore
Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan
Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
8 ore
Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato
L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
8 ore
Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto
Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
17 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
19 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
19 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
22 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
23 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
© Regiopress, All rights reserved