laRegione
speciale ucraina
06.06.22 - 10:18
Aggiornamento: 14:25

Zelensky visita le sue truppe al fronte nel Donbass

L’Ucraina sostiene di aver ripreso il controllo di metà della città di Severodonetsk

Ats, a cura de laRegione
zelensky-visita-le-sue-truppe-al-fronte-nel-donbass
Keystone

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha visitato ieri le sue truppe al fronte nel Donbass, dove infuria la guerra contro le forze russe. È in questa regione che l’Ucraina sostiene di aver ripreso metà della città di Severodonetsk.

"Eravamo a Lyssychansk. Eravamo a Soledar", ha detto il leader in un video pubblicato sui social network. Ha visitato i posti di comando in queste città vicino a Severodonetsk, una città chiave nell’offensiva di Mosca nel bacino minerario del Donbass.

Si è anche recato a Bakhmut, nella regione sud-occidentale di Donetsk, e ha parlato con il personale militare. Ha anche detto di essere stato a Zaporizhia, per incontrare i residenti di Mariupol, che sono riusciti a fuggire dalla città quasi completamente distrutta dai bombardamenti russi. "I veri eroi sono tra noi", ha detto.

Zelensky aveva già visitato il fronte a maggio, nella regione di Kharkiv. Il viaggio di Zelensky sul campo di battaglia gli ha permesso di avere un’importante visione d’insieme delle operazioni militari e di risollevare il morale delle sue truppe in prima linea, ha dichiarato l’ex generale dell’esercito australiano Mick Ryan.

Prevista una controffensiva russa

A Severodonetsk, vicino al luogo in cui si è recato Zelensky, l’esercito ucraino afferma di essere più che in grado di resistere e di recuperare terreno. "Metà della città è sotto il controllo dei nostri difensori", ha dichiarato domenica il governatore della regione di Lugansk, Sergei Gaidai, aggiungendo che "stanno facendo progressi".

Ha aggiunto, citando le intercettazioni delle comunicazioni del comando russo, che l’offensiva russa era destinata a intensificarsi e che la città sarebbe stata conquistata "prima del 10 giugno". "Ci aspettiamo che nel futuro prossimo tutte le riserve a cui hanno accesso, tutte le macchine, tutte le truppe, saranno messe al lavoro per raggiungere questo obiettivo", ha detto il governatore.

Per i russi, mettere le mani sulla città sarebbe decisivo per il pieno controllo del bacino carbonifero del Donbass, che è già in parte in mano ai separatisti filorussi dal 2014.

Le ‘vulnerabilità’ russe

La resistenza ucraina a Severodonetsk "probabilmente continuerà ad attirare l’attenzione delle forze russe sulla regione di Lugansk, lasciando così delle vulnerabilità negli sforzi difensivi russi nella regione di Kharkiv e lungo l’asse meridionale", ha analizzato domenica l’Istituto statunitense per lo studio della guerra (Isw).

Se i combattimenti si concentrano nel Sud e nell’Est, in particolare a Severodonetsk, "Kiev rimane l’obiettivo principale degli occupanti russi", ha dichiarato il viceministro della Difesa ucraino Ganna Malyar, chiedendo un "sostegno costante" da parte dell’Occidente.

La capitale ucraina è stata colpita da diversi attacchi russi ieri mattina per la prima volta dalla fine di aprile. Mosca ha dichiarato di aver distrutto i veicoli blindati forniti all’Ucraina dai Paesi dell’Europa orientale.

Ciò è stato negato da funzionari ucraini e da testimoni sul campo. "Questo è un altro esempio di falsificazione da parte della Russia per giustificare questa guerra brutale contro l’Ucraina", ha dichiarato all’agenzia di stampa francese Afp Serhii Leshchenko, vicecapo del Consiglio di vigilanza della compagnia ferroviaria ucraina.

Lanciarazzi britannici

In serata, l’Afp ha potuto vedere la distruzione di diversi capannoni e un grande cratere causato da una granata, mentre i vigili del fuoco stavano ancora cercando di controllare un piccolo incendio.

Alla televisione Rossiya-1, il presidente russo Vladimir Putin ha minacciato ulteriori attacchi su "siti che finora non abbiamo preso di mira" se l’Occidente avesse fornito missili a lungo raggio all’Ucraina, con l’obiettivo di "prolungare il conflitto".

Questo avvertimento non ha impedito a Londra di annunciare oggi la consegna a Kiev di lanciarazzi mobili multipli con una gittata di 80 chilometri (M270 Mlrs), a complemento degli Himars americani, lanciarazzi montati su veicoli blindati leggeri, con la stessa gittata, promessi la settimana scorsa da Washington.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
gerusalemme
5 ore
La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga
Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
5 ore
Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio
Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
5 ore
Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele
Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
Estero
7 ore
Benedetto XVI: ‘L’insonnia il motivo centrale delle dimissioni’
Il defunto papa, in una lettera di ottobre al suo biografo resa nota oggi, narrava i problemi causati dalla mancanza di sonno e dai sonniferi prescritti
Oceania
15 ore
Un navigatore svizzero disperso nel mare al largo dell’Australia
Stando alla polizia australiana l’80enne è partito in direzione della Nuova Zelanda a bordo del suo yacht. Non si hanno sue notizie dal 5 dicembre.
Stati Uniti
16 ore
A Capitol Hill, a sorpresa, c’è anche Elon Musk
Il miliardario ha discusso con i leader di repubblicani e democratici il modo per assicurare ‘che Twitter sia equa nei confronti dei due partiti’
l’invasione russa
1 gior
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
1 gior
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
balcani
1 gior
Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue
Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
1 gior
Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’
Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
© Regiopress, All rights reserved