laRegione
erdogan-pronto-al-blitz-in-siria-curdi-nel-mirino
Il presidente turco Erdogan (Keystone)
turchia
01.06.22 - 20:39
Ansa, a cura de laRegione

Erdogan pronto al blitz in Siria, curdi nel mirino

Ankara: ‘Ripuliremo Manbij e Tal Rifat dai terroristi’. La mossa non piace agli Stati Uniti

Colpire i curdi siriani a Manbij e Tal Rifat. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha rivelato i luoghi obiettivo dell’annunciata operazione militare di Ankara nel nord della Siria, ma manca ancora una data. Da quando ha dichiarato che l’azione militare sarebbe iniziata "presto", è già passata più di una settimana. Nel frattempo il ministro della Difesa Hulusi Akar ha fatto sapere che l’esercito è "preparato ad ogni compito" e quotidianamente esponenti del governo evocano la "necessità" dell’azione militare.

La guerra al Pkk

"Ripuliremo Manbij e Tal Rifat dal terrorismo" ha tuonato oggi Erdogan in Parlamento, ribadendo l’obiettivo di creare una fascia di sicurezza profonda 30 km a partire dal confine turco-siriano. Ankara è già presente nella zona per proteggere gli oppositori del presidente siriano Bashar al-Assad, ma vaste aree del territorio sono ancora controllate dalle forze curde, che furono sostenute dagli Usa negli scorsi anni per combattere l’Isis. La Turchia li considera terroristi come il partito curdo armato Pkk, dai primi anni ’80 in guerra con l’esercito di Ankara in un conflitto che si stima abbia ucciso oltre 40mila persone. A partire dal 2016, quando iniziarono le prime operazioni oltre confine, la Turchia è già riuscita a sottrarre ai curdi siriani gran parte della zona che controllavano, come la regione di Afrin.


Proteste dei curdi francesi contro Ankara (Keystone)

L’area di Tal Rifat, menzionata ora da Erdogan, è di dimensioni ridotte e già si trova quasi accerchiata dai territori controllati da Ankara, mentre a sud è chiusa dalle truppe del presidente Assad sostenute da Mosca. Diversa la situazione a Manbij, un’area più vasta e soprattutto contigua ad altri territori su cui i curdi ancora mantengono il controllo, come la zona ad est del fiume Eufrate e la città di Kobane che nel 2015 diventò simbolo delle resistenza contro l’Isis. Intanto, Erdogan ha già detto che dopo Tal Rifat e Manbij l’azione militare procederà anche in altre zone del nord della Siria. Pur non ancora cominciata, l’offensiva annunciata ha già creato malumori a Washington.

Washington contraria

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha fatto sapere che gli Usa si opporrebbero a un’operazione di questo genere, che andrebbe a minare la stabilità della regione. Il piano turco arriva anche nel bel mezzo delle tensioni tra Ankara e la Nato, dopo l’opposizione di Ankara alla candidatura di Svezia e Finlandia, accusate di sostenere proprio le forze curde a cui Erdogan ha dichiarato guerra. Difficile capire poi quale potrebbe essere la reazione di Vladimir Putin, a cui Erdogan aveva dichiarato le sue intenzioni già nei giorni scorsi. Mosca è presente con le sue truppe in Siria ma a sostegno di Assad, al contrario di Ankara, e i soldati russi non si trovano così distanti dall’area designata per l’offensiva turca.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ankara curdi erdogan siria terroristi turchia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
1 ora
Tir tampona due pullman di profughi: un morto
Il conducente dell’articolato, 53enne rumeno, è morto. Una cinquantina gli immigrati coinvolti nel sinistro all’altezza di Firenze, 15 i contusi
Birmania
2 ore
Suu Kyi condannata a sei anni per corruzione
L’ex leader democratica è stata riconosciuta colpevole di quattro capi d’accusa. Probabile il ricorso dei suoi avvocati
Gran Bretagna
2 ore
Luce verde al nuovo booster aggiornato contro Omicron
Coronavirus, il nuovo preparato di Moderna, già approvato in Gran Bretagna, potrebbe richiedere una sola vaccinazione all’anno
Germania
2 ore
Caro-energia: aggravio medio annuo di 484 euro a famiglia
In Germania il rincaro sarà di 2,4 centesimi di euro (2,360 centesimi di franco) per kilowattora
Italia
2 ore
Passata l’emergenza Covid, tornano a salire i reati
Sebbene non ancora raggiunti i livelli pre-pandemici, gli atti criminosi in Italia sono cresciuti sensibilmente
Ucraina
4 ore
Guerra del grano, luce verde all’export per altre sei navi
Superati i relativi controlli, le imbarcazioni con a bordo cereali potranno lasciare l’Ucraina attraverso il corridoio marittimo umanitario
Estero
6 ore
Crolla un ponte: due veicoli precipitano nel fiume
È accaduto stamane in Norvegia. Il ‘Tretten’ collegava le due sponde del Gudbrandsdalslågen, nel sud del Paese
Stati Uniti
6 ore
Auto contro la folla in Pennsylvania: un morto e 17 feriti
L’uomo ha dapprima investito le persone di un corteo, dopodiché ha preso mira una 56enne, poi presa a colpi di martello
Stati Uniti
6 ore
Aggressione a Rushdie: Blinken punta il dito contro l’Iran
Il segretario di Stato degli Usa condanna autorità e media: ‘Le istituzioni hanno incitato alla violenza contro di lui per anni’
Estero
21 ore
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
© Regiopress, All rights reserved