laRegione
una-decisione-sbagliata-non-irrompere-nella-classe
Keystone
In ricordo delle piccole vittime
Stati Uniti
27.05.22 - 19:03
Aggiornamento: 19:22
Ats, a cura de laRegione

‘Una decisione sbagliata’ non irrompere nella classe

Tre giorni dopo il massacro di Uvalde, il capo del Dipartimento di pubblica sicurezza prende la parola. Oltre cento i colpi sparati dal killer

Il killer della strage della scuola elementare in Texas ha sparato almeno 100 proiettili. Lo ha riferito in una conferenza stampa Steven McCraw, capo del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas.

La porta della scuola dalla quale è entrato il killer Salvador Ramos è stata aperta da un’insegnante che aveva sentito il rumore di un incidente, ha spiegato McCraw. Prima di entrare nella Robb Elementary per compiere la strage, Ramos infatti era finito in un fosso con il suo camioncino. Il rumore ha allertato l’insegnante e due impiegati di un’agenzia funebre lì vicino che sono usciti. Ramos è uscito dal furgone armato e ha sparato ai due senza colpirli, l’insegnante è tornata nella scuola e ha chiamato il numero di emergenza 911 lasciando la porta aperta. Oltre alla maestra, anche molti bambini hanno chiamato il numero.

McCraw ha definito "una decisione sbagliata" quella delle forze dell’ordine di non sfondare la porta della classe dove il killer stava sparando agli alunni.

Il comandante, che ha preso la decisione di non fare irruzione in classe, pensava che "non ci fossero bambini a rischio". "Ovviamente sbagliava", ha aggiunto il colonnello McGraw. Alla domanda se pensasse di dovere delle scuse ai genitori delle piccole vittime ha risposto: "Se pensassi che possa aiutarli, chiederei scusa".

La testimonianza di un bambino sopravvissuto

Intanto, a tre giorni dalla strage, cominciano a parlare anche i bambini sopravvissuti alla sparatoria. Samuel Salinas, di dieci anni, si è dato per morto dopo che schegge dei proiettili sparati dalle armi automatiche dello sparatore Salvador Ramos lo hanno raggiunto a una gamba.

Il bambino è rimasto immobile per terra e così – ha detto oggi all’emittente televisiva statunitense Abc – molti altri suoi compagni di classe. Un cellulare nel banco di una compagna ha cominciato a suonare: mentre la ragazzina cercava di fermarlo, Samuel ha sentito nuovi spari. Poi è arrivata la polizia. "Ho visto i corpi delle maestre e degli altri bambini. C’era sangue per terra e c’erano bambini coperti di sangue".

Nella ricostruzione di Samuel Salinas, Ramos ha fatto irruzione in classe e ha chiuso la porta gridando: "Morirete tutti". Tutti gridavano. "Prima ha ucciso le maestre, poi i miei compagni", ha ricordato il bambino, che a un certo punto ha visto lo sparatore che puntava su di lui, ma fortunatamente una sedia ha bloccato il proiettile e lui è stato colpito solo di striscio.

Dal giorno della strage Samuel ha incubi ricorrenti. Non vuole più tornare a scuola e neanche vedere i suoi compagni per timore che i traumi di quei momenti di terrore riaffiorino.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sparatoria texas uvalde
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 min
Estradato Morabito: il boss dovrà scontare 30 anni
Il 56enne si trovava in Brasile. È considerato uno dei più importanti trafficanti di droga al mondo.
Estero
6 min
Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri
Steve Barclay sarà capo gabinetto di Downing Street. Nadhim Zhawi avrà il ruolo di cancelliere dello Scacchiere.
Regno Unito
10 ore
Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi
Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
10 ore
Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti
Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
Estero
11 ore
Giallo sull’invito in Russia “rifiutato da Xi”
La motivazione ufficiale del No del presidente cinese è la pandemia, ma sullo sfondo restano i dubbi sulla solidità della partnership Mosca-Pechino
Estero
11 ore
Assalto russo al Donetsk, pioggia di bombe su Sloviansk
Colpito il mercato di uno degli ultimi centri del Donetsk ancora in mano ucraina
Estero
12 ore
British Airways: cancella altre centinaia di voli
La causa, come per altre compagnie aeree, è la carenza di personale
Estero
13 ore
Hacker annuncia un maxifurto di dati a un miliardo di cinesi
Se confermata, sarebbe una delle più grandi violazioni di dati della storia
Estero
14 ore
‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole
Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione
Estero
15 ore
Sas fallisce, userà la bancarotta assistita per ristrutturarsi
Ieri 1’000 piloti sono entrati in sciopero. Oggi la compagnia scandinava ha dovuto annullare il 78% delle partenze, pari a 236 voli
© Regiopress, All rights reserved