laRegione
i-poliziotti-non-hanno-attuato-protocollo-post-columbine
Keystone
26.05.22 - 16:59
Aggiornamento: 19:53
Ansa, a cura de laRegione

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano

I poliziotti che si trovavano nella scuola elementare di Uvalde quando è arrivato Salvador Ramos non sono intervenuti subito, come previsto dal protocollo imposto nel 1999 dopo la strage di Columbine. Lo sottolineano diversi analisti al Washington Post mentre continuano ad aumentare le domande sulla lenta reazione della polizia.

Prima del massacro nel liceo del Colorado, quando due teenager uccisero 12 studenti e un insegnante, i poliziotti erano addestrati a rispondere a un aggressore armato "presentandosi, circoscrivendo un’area e aspettando l’arrivo delle Swat", le squadre speciali, hanno spiegato gli esperti. Ma dopo Columbine gli agenti hanno il dovere di rispondere il prima possibile perché, è l’assunto, "ogni secondo che passa sono più vite che se ne vanno".

Da anni ormai il protocollo è questo: i primi agenti armati che si trovano sulla scena devono trovare l’aggressore e ucciderlo, senza aspettare l’arrivo dei rinforzi. È per questo che non è chiaro per quale motivi gli agenti nella Robb Elementary School non abbiano fermato Ramos, nonostante si siano scontrati con lui nell’atrio, e lo abbiano lasciato fuggire in una classe all’interno della quale si è barricato. Non si capisce neanche perché non siano andati a scovarlo nell’aula subito, invece di aspettare l’arrivo delle squadre speciali.

Leggi anche:

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sparatoria texas uvalde
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
51 min
Alpinista precipita e muore sull’Ortles
L’uomo è caduto per 400 metri nei pressi del rifugio Payer. L’incidente è avvenuto verso le 5.30 di questa mattina.
Estero
1 ora
Estradato Morabito: il boss dovrà scontare 30 anni
Il 56enne si trovava in Brasile. È considerato uno dei più importanti trafficanti di droga al mondo.
Estero
1 ora
Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri
Steve Barclay sarà capo gabinetto di Downing Street. Nadhim Zhawi avrà il ruolo di cancelliere dello Scacchiere.
Regno Unito
11 ore
Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi
Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
11 ore
Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti
Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
Estero
12 ore
Giallo sull’invito in Russia “rifiutato da Xi”
La motivazione ufficiale del No del presidente cinese è la pandemia, ma sullo sfondo restano i dubbi sulla solidità della partnership Mosca-Pechino
Estero
12 ore
Assalto russo al Donetsk, pioggia di bombe su Sloviansk
Colpito il mercato di uno degli ultimi centri del Donetsk ancora in mano ucraina
Estero
13 ore
British Airways: cancella altre centinaia di voli
La causa, come per altre compagnie aeree, è la carenza di personale
Estero
14 ore
Hacker annuncia un maxifurto di dati a un miliardo di cinesi
Se confermata, sarebbe una delle più grandi violazioni di dati della storia
Estero
15 ore
‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole
Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione
© Regiopress, All rights reserved