laRegione
olocausto
23.05.22 - 20:39

Eichmann e la Soluzione finale, spuntano gli audio

In un documentario le registrazioni inedite del colonnello Ss durante un’intervista con un giornalista olandese: ‘Volevo tutti gli ebrei morti’

Ansa, a cura de laRegione
eichmann-e-la-soluzione-finale-spuntano-gli-audio
Adolf Eichmann durante il processo (Keystone)

Ciò che Adolf Eichmann non confessò nel processo a suo carico a Gerusalemme nel 1961, lo aveva rivelato anni prima a un giornalista olandese nazista in una lunga intervista. Quelle registrazioni - di cui si sapeva l’esistenza ma a lungo ritenute perse - sono rimaste sepolte per molto tempo in un archivio tedesco e non sono venute fuori durante il processo in Israele quando la pubblica accusa, Gideon Hausner, non poté produrle in tribunale. Ora invece è possibile ascoltare la viva voce dell’architetto della Soluzione Finale nel film-documentario ‘Le Confessioni del Diavolo: le ultime registrazioni di ‘Eichmann’ di Yariv Mozer che aprirà il Docaviv International Documentary Film Festival’ a Tel Aviv.

"Se avessimo messo a morte" tutti "i 10,3 milioni di ebrei, sarei contento e direi: ’Bene, abbiamo distrutto il nemico’", confessa Eichmann al giornalista Wilhelm Sassen durante una serie di incontri avvenuti nel 1957 in Argentina. "È una cosa difficile da dire e so che sarò giudicato per questo, ma questa è la verità", spiega compiaciuto aggiungendo numeri, informazioni sulla macchina da morte nazista, dichiarazioni antisemite e orgoglio da Terzo Reich. Del resto si sentiva al sicuro: era sgusciato con la fuga dalle maglie del Processo di Norimberga, era scappato in Argentina dove nessuno - pensava - l’avrebbe cercato e quel giornalista era stato un membro delle Waffen-SS, anche lui rifugiatosi nel paese sudamericano.


Le valigie dei deportati ebrei nel museo di Auschwitz (Keystone)

Settanta ore di parole

Delle lunghe conversazioni con Eichmann - svoltesi a casa Sassen a volte alla presenza di altri - il giornalista registrò 70 ore, ma solo 15 sono state reperite nell’archivio che dal 1990 è aperto solo agli studiosi con l’obbligo di ascolto sul posto. Mozer, per la prima volta, è riuscito invece ad ottenere il permesso di farne ascoltare pezzi al grande pubblico. ‘Life Magazine’ - come ricorda Haaretz - aveva parlato di parte di quelle registrazioni e Hausner ne aveva la trascrizione ma al processo a Gerusalemme Eichmann sostenne che nelle interviste a Sassen era stato frainteso e chiese di esibire gli originali in aula. Cosa che la pubblica accusa non poté fare anche se questo non salvò Eichmann, travolto dalla mole di altre prove e testimonianze contro di lui che lo portarono al patibolo in Israele. "Eichmann - ha spiegato Mozer ad Haaretz - ripeté varie volte durante il processo di non sapere dello sterminio degli ebrei, ma le registrazioni mostrano senza dubbio che ne è stato artefice".

Se Hausner avesse avuto quelle registrazioni - ha proseguito Mozer - avrebbe potuto smontare la linea della difesa che Eichmann secondo cui aveva obbedito solo a degli ordini. E "lo avrebbe fatto facilmente" perché - ha spiegato il regista - le registrazioni "provano che non era solo una espressione della ‘Banalità del male’ come affermò Hanna Arendt, ma un attivo partner di una ideologia alle fondamenta dello sterminio degli ebrei".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
8 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
8 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
9 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
12 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
14 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
17 ore
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
18 ore
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
20 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
21 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
© Regiopress, All rights reserved