laRegione
tempeste-di-sabbia-un-rischio-per-la-salute-umana
Keystone
22.05.22 - 07:00
Aggiornamento: 17:12
Ats, a cura de laRegione

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico

Secondo gli specialisti, le tempeste di sabbia che hanno colpito il Medio Oriente negli ultimi giorni e che probabilmente aumenteranno con il cambiamento climatico, non sono prive di pericoli per l’uomo. Causano problemi respiratori che possono uccidere.

In Iraq, colpito da otto tempeste di sabbia dalla metà di aprile, lunedì almeno 4mila persone sono state ricoverate in ospedale per problemi respiratori. L’episodio precedente ha provocato un decesso per disturbi simili il 5 maggio, mandando in ospedale più di 5mila persone.

Secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm), le tempeste di sabbia e polvere colpiscono più di 150 Paesi e regioni, con impatti sull’ambiente, sulla salute e sull’economia. I venti forti sollevano nell’atmosfera grandi quantità di sabbia e polvere, che possono viaggiare per centinaia o addirittura migliaia di chilometri.

Fenomeno locale e globale

"È un fenomeno sia locale che globale, con maggiore intensità nelle aree di origine", osserva Carlos Pérez García-Pando, esperto di tempeste di sabbia e polvere presso il Barcelona supercomputing center (Bss) e l’Icrea (l’istituto catalano per la ricerca e gli studi avanzati).

Queste tempeste hanno origine principalmente nelle regioni aride o semi-aride del Nord Africa, della penisola arabica, dell’Asia centrale e della Cina. L’Australia, il continente americano e il Sudafrica sono fonti meno attive. "Le polveri trasportate dall’aria rappresentano una seria minaccia per la salute", scrive l’Omm, l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite.

Le nebbie di sabbia sono composte da particelle che possono penetrare nell’apparato respiratorio e danneggiare il sistema respiratorio e cardiovascolare. Le loro dimensioni determinano "in larga misura l’entità del pericolo", sottolinea l’Omm.

Le particelle fini (circa 10 micrometri) "si depositano spesso nel naso, nella bocca e nelle vie respiratorie superiori e possono causare disturbi respiratori (asma, tracheite, polmonite, rinite allergica, silicosi)", prosegue l’istituzione.

"Aria quasi irrespirabile"

"La gravità è comunque minore rispetto alle particelle ultrafini, provenienti ad esempio dal traffico stradale, che possono penetrare nel cervello o nel flusso sanguigno", ha dichiarato all’agenzia di stampa Afp Thomas Bourdrel, radiologo e ricercatore presso l’Università di Strasburgo e membro del collettivo Air santé climat.

Sebbene le particelle di sabbia, costituite da molti elementi minerali, abbiano "una composizione meno tossica rispetto alle particelle legate, ad esempio, al riscaldamento a legna, carbone o gasolio o agli incendi boschivi o industriali", "la loro estrema densità durante le tempeste causa un aumento abbastanza significativo della mortalità cardio-respiratoria, soprattutto tra le persone più fragili", spiega.

Con "una concentrazione di migliaia di micrometri cubi nell’aria, è quasi irrespirabile", aggiunge Carlos Perez García-Pando. Anziani, bambini piccoli, persone con problemi respiratori e cardiaci sono più a rischio.

Probabile aumento di frequenza e intensità del fenomeno

A seconda delle condizioni climatiche e meteorologiche, la polvere di sabbia può rimanere nell’aria per giorni e percorrere distanze immense, talvolta aggregando batteri, spore di polline, funghi e virus.

Secondo alcuni scienziati, la frequenza e l’intensità delle tempeste di sabbia potrebbero aumentare a causa dei cambiamenti climatici. Ma il fenomeno è "pieno di incertezze" e "complesso", con un cocktail di fattori (calore, vento, pratiche agricole), ha dichiarato all’Afp Carlos Pérez García-Pando.

"In alcune aree, il cambiamento climatico potrebbe ridurre i venti che causano le tempeste, ma i fenomeni estremi potrebbero persistere o addirittura aumentare", ha affermato. Con l’aumento delle temperature, è probabile che il terreno in molte aree diventi più secco.

"Quest’anno è stata osservata una significativa anomalia di temperatura in Africa orientale, Medio Oriente e Asia orientale, e questa siccità sta influenzando la vegetazione, un fattore che potrebbe aumentare le tempeste di polvere", osserva il ricercatore spagnolo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cambiamento climatico salute tempeste sabbia
TOP NEWS Estero
Estero
2 min
Alpinista precipita e muore sull’Ortles
L’uomo è caduto per 400 metri nei pressi del rifugio Payer. L’incidente è avvenuto verso le 5.30 di questa mattina.
Estero
19 min
Estradato Morabito: il boss dovrà scontare 30 anni
Il 56enne si trovava in Brasile. È considerato uno dei più importanti trafficanti di droga al mondo.
Estero
21 min
Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri
Steve Barclay sarà capo gabinetto di Downing Street. Nadhim Zhawi avrà il ruolo di cancelliere dello Scacchiere.
Regno Unito
10 ore
Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi
Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
10 ore
Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti
Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
Estero
11 ore
Giallo sull’invito in Russia “rifiutato da Xi”
La motivazione ufficiale del No del presidente cinese è la pandemia, ma sullo sfondo restano i dubbi sulla solidità della partnership Mosca-Pechino
Estero
11 ore
Assalto russo al Donetsk, pioggia di bombe su Sloviansk
Colpito il mercato di uno degli ultimi centri del Donetsk ancora in mano ucraina
Estero
13 ore
British Airways: cancella altre centinaia di voli
La causa, come per altre compagnie aeree, è la carenza di personale
Estero
13 ore
Hacker annuncia un maxifurto di dati a un miliardo di cinesi
Se confermata, sarebbe una delle più grandi violazioni di dati della storia
Estero
14 ore
‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole
Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione
© Regiopress, All rights reserved