laRegione
22.05.22 - 07:00
Aggiornamento: 17:12

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico

Ats, a cura de laRegione
tempeste-di-sabbia-un-rischio-per-la-salute-umana
Keystone

Secondo gli specialisti, le tempeste di sabbia che hanno colpito il Medio Oriente negli ultimi giorni e che probabilmente aumenteranno con il cambiamento climatico, non sono prive di pericoli per l’uomo. Causano problemi respiratori che possono uccidere.

In Iraq, colpito da otto tempeste di sabbia dalla metà di aprile, lunedì almeno 4mila persone sono state ricoverate in ospedale per problemi respiratori. L’episodio precedente ha provocato un decesso per disturbi simili il 5 maggio, mandando in ospedale più di 5mila persone.

Secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm), le tempeste di sabbia e polvere colpiscono più di 150 Paesi e regioni, con impatti sull’ambiente, sulla salute e sull’economia. I venti forti sollevano nell’atmosfera grandi quantità di sabbia e polvere, che possono viaggiare per centinaia o addirittura migliaia di chilometri.

Fenomeno locale e globale

"È un fenomeno sia locale che globale, con maggiore intensità nelle aree di origine", osserva Carlos Pérez García-Pando, esperto di tempeste di sabbia e polvere presso il Barcelona supercomputing center (Bss) e l’Icrea (l’istituto catalano per la ricerca e gli studi avanzati).

Queste tempeste hanno origine principalmente nelle regioni aride o semi-aride del Nord Africa, della penisola arabica, dell’Asia centrale e della Cina. L’Australia, il continente americano e il Sudafrica sono fonti meno attive. "Le polveri trasportate dall’aria rappresentano una seria minaccia per la salute", scrive l’Omm, l’agenzia specializzata delle Nazioni Unite.

Le nebbie di sabbia sono composte da particelle che possono penetrare nell’apparato respiratorio e danneggiare il sistema respiratorio e cardiovascolare. Le loro dimensioni determinano "in larga misura l’entità del pericolo", sottolinea l’Omm.

Le particelle fini (circa 10 micrometri) "si depositano spesso nel naso, nella bocca e nelle vie respiratorie superiori e possono causare disturbi respiratori (asma, tracheite, polmonite, rinite allergica, silicosi)", prosegue l’istituzione.

"Aria quasi irrespirabile"

"La gravità è comunque minore rispetto alle particelle ultrafini, provenienti ad esempio dal traffico stradale, che possono penetrare nel cervello o nel flusso sanguigno", ha dichiarato all’agenzia di stampa Afp Thomas Bourdrel, radiologo e ricercatore presso l’Università di Strasburgo e membro del collettivo Air santé climat.

Sebbene le particelle di sabbia, costituite da molti elementi minerali, abbiano "una composizione meno tossica rispetto alle particelle legate, ad esempio, al riscaldamento a legna, carbone o gasolio o agli incendi boschivi o industriali", "la loro estrema densità durante le tempeste causa un aumento abbastanza significativo della mortalità cardio-respiratoria, soprattutto tra le persone più fragili", spiega.

Con "una concentrazione di migliaia di micrometri cubi nell’aria, è quasi irrespirabile", aggiunge Carlos Perez García-Pando. Anziani, bambini piccoli, persone con problemi respiratori e cardiaci sono più a rischio.

Probabile aumento di frequenza e intensità del fenomeno

A seconda delle condizioni climatiche e meteorologiche, la polvere di sabbia può rimanere nell’aria per giorni e percorrere distanze immense, talvolta aggregando batteri, spore di polline, funghi e virus.

Secondo alcuni scienziati, la frequenza e l’intensità delle tempeste di sabbia potrebbero aumentare a causa dei cambiamenti climatici. Ma il fenomeno è "pieno di incertezze" e "complesso", con un cocktail di fattori (calore, vento, pratiche agricole), ha dichiarato all’Afp Carlos Pérez García-Pando.

"In alcune aree, il cambiamento climatico potrebbe ridurre i venti che causano le tempeste, ma i fenomeni estremi potrebbero persistere o addirittura aumentare", ha affermato. Con l’aumento delle temperature, è probabile che il terreno in molte aree diventi più secco.

"Quest’anno è stata osservata una significativa anomalia di temperatura in Africa orientale, Medio Oriente e Asia orientale, e questa siccità sta influenzando la vegetazione, un fattore che potrebbe aumentare le tempeste di polvere", osserva il ricercatore spagnolo.

TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
9 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
9 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
10 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
13 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
15 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
17 ore
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
18 ore
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
21 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
Irlanda
22 ore
Ryanair riprende quota: passeggeri e bilancio in crescita
La compagnia aerea ritrova le cifre nere: nel terzo trimestre dell’esercizio 2022/23 l’utile è di 211 milioni di euro
© Regiopress, All rights reserved